Riconoscevano che erano stati con Gesù

Alcuni pensano che tutti quei credenti in Cristo Gesù che non hanno compiuto degli studi universitari, e che quindi non hanno conseguito un titolo accademico, non possono scrivere dei libri – tra l’altro pubblicati gratuitamente e quindi senza l’ausilio di qualche casa editrice – con al loro interno degli insegnamenti, delle esortazioni, o delle ricerche fatte da loro stessi. Dobbiamo quindi sentir dire da costoro che è necessario essere laureati, e che i libri scritti dai fratelli per essere considerati attendibili è necessario che siano pubblicati da una casa editrice (e quindi a pagamento), altrimenti non valgono nulla, è solo carta straccia, anzi ci fanno sapere che venendo a mancare la laurea e la casa editrice, questi libri non possono nemmeno essere considerati ‘libri’. Ora, nella Sacra Scrittura è scritto : ‘Or essi, veduta la franchezza di Pietro e di Giovanni, e avendo capito che erano popolani senza istruzione, si maravigliarono e riconoscevano che erano stati con Gesù.’ (Atti 4:13) Con ‘essi’ la Scrittura si riferisce agli anziani e ai capi sacerdoti che ascoltarono la risposta che gli apostoli diedero loro a motivo di una guarigione avvenuta per loro mezzo. Quindi gli anziani e i capi sacerdoti riconoscevano che gli apostoli Pietro e Giovanni erano stati con Gesù dalla loro franchezza e dal fatto che fossero popolani senza istruzione. Ma seguendo il ragionamento insensato di costoro, dovremmo arrivare alla conclusione che gli apostoli, poiché erano popolani senza istruzione, non potevano scrivere libri contenenti insegnamenti o esortazioni. Ma è possibile fratelli nel Signore arrivare ad una tale conclusione? No, non è affatto possibile, perché gli apostoli, quegli stessi apostoli Pietro e Giovanni, hanno scritto dei libri che sono presenti nella Sacra Scrittura e che per la grazia di Dio possiamo ancora oggi leggere e da essi trarne beneficio. Siate dunque riconoscenti a Dio che ancora oggi suscita dei suoi fedeli servitori che benché non abbiano un titolo di studio particolare pure sono usati grandemente da Dio per incoraggiare, esortare e ammonire i santi. Uomini che parlano con ogni franchezza e che hanno una sapienza che non è di questo mondo. Guardatevi invece da questi saccenti che pur essendo laureati e pur avendo i loro libri pubblicati da case editrici importanti pure propinano un lievito malvagio e un veleno che non fa altro che guastare la vigna del Signore.

Salvatore Larizza

Annunci

Erode, il tetrarca della Galilea

Nel giorno che Gesù comparì dinanzi al governatore della Giudea Ponzio Pilato, per essere da lui giudicato, quest’ultimo seppe che Gesù fosse Galileo e quindi della giurisdizione di Erode, il tetrarca della Galilea, e lo mandò dunque a lui, ed è scritto che ‘Erode, come vide Gesù, se ne rallegrò grandemente, perché da lungo tempo desiderava vederlo, avendo sentito parlar di lui; e sperava di vedergli fare qualche miracolo.’ (Luca 23:8) Or vi ricordo che Erode fù colui che fece rinchiudere Giovanni Battista in prigione e colui che lo fece anche morire, facendogli decapitare la testa. Considerate dunque la malvagità di quest’uomo e la sua inimicizia contro Dio. Eppure di lui è scritto che :

  • come vide Gesù, se ne rallegrò grandemente;
  • da lungo tempo desiderava vederlo;
  • sperava di vedergli fare qualche miracolo.

Tre aspetti dai quali sembrerebbe emergere un forte interesse nei confronti di Gesù. Aspetti comuni a molti, sapete? Vediamo difatti oggigiorno uomini con le stesse caratteristiche di Erode, e ne vediamo altri che si illudono di avere dinanzi a sé degli uomini convertiti a Cristo. Eppure Gesù lo ha detto che è dal frutto che si riconosce l’albero buono da quello cattivo. E il frutto di Erode, senza ombra di dubbio, era proprio cattivo, proprio come lo è di tanti oggigiorno. Ora, dopo che Gesù comparì dinanzi a lui è scritto che Erode ‘gli rivolse molte domande, ma Gesù non gli rispose nulla.’ (Luca 23:9) Oh, Gesù conosceva bene questa volpe, sapeva che fosse un uomo dal malvagio cuore incredulo a porgergli tutte quelle domande, e non gli rispose NULLA! E dopo il silenzio assordante di Gesù alle sue molte domande e dopo le varie accuse infondate rivolte a Gesù da parte dei capi sacerdoti e degli scribi che stavano là, è scritto ancora che ‘Erode co’ suoi soldati, dopo averlo vilipeso e schernito, lo vestì di un manto splendido, e lo rimandò a Pilato.’ (Luca 23:11) Ecco dunque finalmente manifestata la vera natura della sua grande allegrezza nei confronti di Gesù, del suo fervido desiderio di vederlo e della sua speranza nel vedergli fare qualche miracolo. Egli, malvagio qual’era, vilipese e schernì assieme ai suoi soldati il nostro amato Signore Gesù Cristo! Erode difatti, è vero, cercava di vederlo (cfr. Luca 9:9), ma perché lo voleva fare morire (cfr. Luca 13:31). Erano queste le sue reali intenzioni, lo erano sempre state, e Gesù le conosceva molto bene. Tornando ora ai nostri giorni, voglio che sappiate, fratelli e sorelle nel Signore, che non è dalle belle parole degli uomini, o dalle loro lacrime, o dai loro desideri, che si riconosce se costoro siano o meno dei credenti : lo si riconosce dal frutto. Dovete osservare attentamente il loro frutto. Ora, la Scrittura afferma che noi abbiamo per frutto la nostra santificazione, secondo che è scritto : ‘Ma ora, essendo stati affrancati dal peccato e fatti servi a Dio, voi avete per frutto la vostra santificazione, e per fine la vita eterna:  poiché il salario del peccato è la morte; ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore.’ (Romani 6:22-23) Quindi è necessario che il credente si santifichi, poiché senza la santificazione non vedrà il Signore (cfr. Ebrei 12:14); ma per farlo è necessario altresì che egli dimori in Cristo (cfr. Giovanni 15:1), altrimenti non potrà portare questo frutto (cfr. Giovanni 15:4). Ne deduciamo dunque che chi dimora in Cristo necessariamente si santifica, camminando quindi come Cristo camminò e come camminarono gli apostoli del Signore, cioè in santità ed onore (cfr. 1Giovanni 2:6; 1Tessalonicesi 4:1-5).

Inoltre il credente deve portare frutto in ogni opera buona, e crescere nella conoscenza di Dio (cfr. Colossesi 1:10; 2Giovanni 8). E’ necessario quindi che egli si attenga al bene e a quello soltanto, e per farlo, deve prima saper discernere il bene dal male, cioè deve sapere cosa sia giusto e cosa sbagliato, cosa bisogna fare e cosa non fare. Bisogna quindi che egli conosca quale sia la volontà di Dio al fine di poter camminare con dirittura rispetto all’evangelo. E come potrà egli conoscere la volontà di Dio? Potrà farlo solo meditando, investigando e studiando le Sacre Scritture con l’aiuto che procede da Dio, crescendo cosi nella conoscenza di Dio. Egli è chiamato da Dio dunque non solo a santificazione, ma anche ad adoperarsi alle buone opere, poichè in assenza di esse non potrà definirsi ‘credente’. Fratelli, badate bene, se uno dice di avere fede ma non ha opere, può la fede di quel tale salvarlo? Una fede priva di opere, e dunque morta, potrà mai salvare l’uomo dai propri peccati? No, non potrà. E questo perché sola una fede viva può salvare l’uomo e riscattarlo dal peccato che lo aveva reso prigioniero. E la fede affinché sia viva deve avere con sé le opere. (cfr. Giacomo 2:14-26) E’ scritto ancora che ogni albero che non fa buon frutto, è tagliato e gettato nel fuoco.’ (Matteo 7:19) Vedete? La stessa fine degli increduli spetta a coloro che non portano buon frutto, le due cose sono collegate l’un l’altra. Non vi lasciate dunque ingannare da coloro che oggigiorno si rallegrano grandemente nel sentir parlare delle cose di Dio, sperando di vedere prodigi e miracoli da parte del Signore, e desiderando perfino di vedere il Signore, e poi non hanno con sé né la santificazione né le buone opere. Costoro in realtà non amano il Signore nostro Gesù Cristo, non sono affatto dei nostri perchè non sono dei veri credenti : sono solo dei moderni Erode.

La grazia sia con voi.

Salvatore Larizza

Il senno, fonte di vita

Iddio ha voluto che il libro dei proverbi fosse scritto ‘perché l’uomo conosca la sapienza e l’istruzione, e intenda i detti sensati; perché riceva istruzione circa l’assennatezza, la giustizia, l’equità, la dirittura.’ (Proverbi 1:2-3) Ed è scritto che ‘chi rigetta l’istruzione disprezza l’anima sua, ma chi dà retta alla riprensione acquista senno.’ (Proverbi 15:32) Quindi faremo bene a porre attenzione a ciò che è scritto in questo libro così prezioso, perché attraverso la lettura, la meditazione e lo studio di questi proverbi riceveremo la sapienza e l’istruzione circa l’assennatezza e la giustizia e dimostreremo di amare l’anima nostra anziché disprezzarla, si amarla, poiché è scritto che ‘chi acquista senno ama l’anima sua.’ (Proverbi 19:8) Un uomo assennato dunque è gradito a Dio; mentre un uomo privo di senno non lo è. Ora, è scritto che chi commette un adulterio, chi sprezza il prossimo e chi va dietro ai fannulloni è un uomo privo di senno.’ (cfr. Proverbi 6:32; 11:12; 12:11) Ed è scritto anche che per coloro che sono privi di senno la follia è una gioia (cfr. Proverbi 15:21); dimostrando cosi di essere degli stolti. E a che serve il danaro in mano allo stolto? ad acquistar saviezza?… Ma se non ha senno.’ (Proverbi 17:16) Difatti, a che servono le ricchezze in mano agli stolti, essendo essi privi di senno? A nulla, non gli servono proprio a nulla. Le ricchezze materiali non possono dare all’uomo né saviezza nè intelligenza; esse non servono a nulla nel giorno dell’ira; anzi chi confida in esse per certo cadrà (cfr. Proverbi 11:4,28) Gli stolti dunque non muoiono per mancanza di ricchezze, no, ‘gli stolti muoiono per mancanza di senno.’ (Proverbi 10:21) Ma è altresì scritto che ‘il senno, per chi lo possiede, è fonte di vita’ (Proverbi 16:22) e che l’avere ‘buon senno procura favore.’ (Proverbi 13:15) Il senno inoltre, fratelli e sorelle nel Signore, rende l’uomo lento all’ira, ed egli stima sua gloria il passar sopra le offese. (cfr. Proverbi 19:11) Oh, quanto è importante avere il senno! Esso è fonte di vita! Non disprezzate dunque l’istruzione che ci viene dalla parola di Dio, anzi fatene tesoro, e voi riceverete sapienza e assennatezza, e ognuno di voi avrà la sua lode in proporzione del suo senno (cfr. Proverbi 12:8). Sia i giovani tra voi che i più anziani siano assennati (cfr. Tito 2:2; 2:6) e lo siano soprattutto coloro che svolgono l’ufficio di vescovo, affinché ne diano l’esempio. (cfr. Tito 1:8; 1Timoteo 3:2) Quanto a senno inoltre fratelli nel Signore, non siate fanciulli, ma siate uomini fatti. (cfr. 1Corinzi 14:20)

 

Salvatore Larizza

Contro l’eresia distruttiva di Mirko Boniolo «Cristo non ha sparso il Suo sangue per la remissione dei nostri peccati»

boniolo-eresia-1024x325Mirko Boniolo, «pastore» della chiesa ‘Oasi di Grazia’ a Peschiera del Garda (Verona), nel corso della sua predicazione dal titolo «Perdono dei peccati senza spargimento di sangue n° 3» del 30/8/2015, che si basa sul versetto “senza spargimento di sangue non c’è remissione” (Ebrei 9:22), ha affermato che «esiste perdono e purificazione anche senza spargimento di sangue» (min. 3:39-43), e che «lo spargimento di sangue è avvenuto secondo la legge, e non secondo Dio” (min. 5:15-19), e questo perché «Dio non ha mai richiesto sacrifici, olocausti, spargimento di sangue, cose di questo genere, ma che sono stati istituiti secondo la legge» (min. 5:48-59). Il versetto di Ebrei 9:22 «in realtà, non ha nemmeno a che fare con il perdono dei peccati» (min. 6:30-33). Quindi Boniolo rigetta il fatto che Gesù Cristo «doveva versare il suo sangue, perché senza spargimento di sangue non c’è perdono dei peccati» (min. 7:22-27). Il sangue di Ebrei 9:22 – dice Boniolo – «non ha niente a che vedere con la remissione dei peccati delle persone. Il sangue si riferisce alla messa in atto del patto mosaico» (min. 12:10-19). Questo stesso concetto di Ebrei 9:22 dunque va applicato anche alla morte di Gesù, che «non è morto per riscattarci dall’ira di Dio» (min. 22:49-54), «Gesù non è morto per garantirci il perdono dei peccati» (min. 22:56-58). La morte di Gesù sulla croce era per dare inizio al nuovo patto di Dio con il mondo intero, per renderlo effettivo era necessario il sangue, la morte del testatario, e quindi il sangue di Gesù ha lo scopo di rendere attivo, effettivo il nuovo patto di grazia per l’umanità e al tempo stesso il sangue di Gesù serviva per liberare tutte le persone dalla schiavitù del peccato. «Il sangue di Gesù sulla croce non è stato offerto a Dio affinché Dio potesse perdonarci, perché Dio non richiede sangue per perdonare» (24:2-11). “La santità di Dio, in altre parole, non pretendeva che Gesù fosse messo a morte, era il diavolo che pretendeva morte e sangue, non Dio» (25:14-26). «Tutte le persone sono morte in Gesù, al peccato, alla morte, al diavolo, e sono risorte nella nuova famiglia di Dio» (26:45-54). Dio ci ha perdonati perché Dio è amore, e non perché richiede sacrifici di sangue. L’obbiettivo di Mirko Boniolo è quello di «smontare il concetto sacrificale, pagano che si è insinuato, inserito nella teologia cristiana» (29:45-55).
In questa sua predicazione ci sono diverse menzogne, che adesso confuterò mediante le Scritture.
E’ falso che «Dio non ha mai richiesto sacrifici, olocausti, spargimento di sangue, cose di questo genere, ma che sono stati istituiti secondo la legge», e questo perché la legge – che ordinava sacrifici di animali con l’inevitabile spargimento del loro sangue – fu data da Dio al popolo di Israele. E quindi fu Dio stesso a prescrivere i sacrifici per il peccato come anche gli olocausti e così via.
Ecco infatti cosa è scritto in merito ai sacrifici per il peccato:
“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: ‘Parla ai figliuoli d’Israele e di’ loro: Quando qualcuno avrà peccato per errore e avrà fatto alcuna delle cose che l’Eterno ha vietato di fare, se il sacerdote che ha ricevuto l’unzione è quegli che ha peccato, rendendo per tal modo colpevole il popolo, offrirà all’Eterno, per il peccato commesso, un giovenco senza difetto, come sacrifizio per il peccato. Menerà il giovenco all’ingresso della tenda di convegno, davanti all’Eterno; poserà la mano sulla testa del giovenco, e sgozzerà il giovenco davanti all’Eterno. Poi il sacerdote che ha ricevuto l’unzione prenderà del sangue del giovenco e lo porterà entro la tenda di convegno; e il sacerdote intingerà il suo dito nel sangue, e farà aspersione di quel sangue sette volte davanti all’Eterno, di fronte al velo del santuario. Il sacerdote quindi metterà di quel sangue sui corni dell’altare del profumo fragrante, altare che è davanti all’Eterno, nella tenda di convegno; e spanderà tutto il sangue del giovenco appiè dell’altare degli olocausti, che è all’ingresso della tenda di convegno. E torrà dal giovenco del sacrifizio per il peccato tutto il grasso: il grasso che copre le interiora e tutto il grasso che aderisce alle interiora, i due arnioni e il grasso che v’è sopra e che copre i fianchi, e la rete del fegato, che staccherà vicino agli arnioni, nello stesso modo che queste parti si tolgono dal bue del sacrifizio di azioni di grazie; e il sacerdote le farà fumare sull’altare degli olocausti. Ma la pelle del giovenco e tutta la sua carne, con la sua testa, le sue gambe, le sue interiora e i suoi escrementi, il giovenco intero, lo porterà fuori del campo, in un luogo puro, dove si gettan le ceneri; e lo brucerà col fuoco, su delle legna; sarà bruciato sul mucchio delle ceneri. Se tutta la raunanza d’Israele ha peccato per errore, senz’accorgersene, e ha fatto alcuna delle cose che l’Eterno ha vietato di fare, e si è così resa colpevole, quando il peccato che ha commesso venga ad esser conosciuto, la raunanza offrirà, come sacrificio per il peccato, un giovenco, e lo menerà davanti alla tenda di convegno. Gli anziani della raunanza poseranno le mani sulla testa del giovenco, davanti all’Eterno; e il giovenco sarà sgozzato davanti all’Eterno. Poi il sacerdote che ha ricevuto l’unzione porterà del sangue del giovenco entro la tenda di convegno; e il sacerdote intingerà il dito nel sangue, e ne farà aspersione sette volte davanti all’Eterno, di fronte al velo. E metterà di quel sangue sui corni dell’altare che è davanti all’Eterno, nella tenda di convegno; e spanderà tutto il sangue appiè dell’altare dell’olocausto, che è all’ingresso della tenda di convegno. E torrà dal giovenco tutto il grasso, e lo farà fumare sull’altare. Farà di questo giovenco, come ha fatto del giovenco offerto per il peccato. Così il sacerdote farà l’espiazione per la raunanza, e le sarà perdonato. Poi porterà il giovenco fuori del campo, e lo brucerà come ha bruciato il primo giovenco. Questo è il sacrifizio per il peccato della raunanza. Se uno dei capi ha peccato, e ha fatto per errore alcuna di tutte le cose che l’Eterno Iddio suo ha vietato di fare, e si è così reso colpevole, quando il peccato che ha commesso gli sarà fatto conoscere, menerà, come sua offerta, un becco, un maschio fra le capre, senza difetto. Poserà la mano sulla testa del becco, e lo scannerà nel luogo dove si scannano gli olocausti, davanti all’Eterno. È un sacrifizio per il peccato. Poi il sacerdote prenderà col suo dito del sangue del sacrifizio per il peccato, e lo metterà sui corni dell’altare degli olocausti, e spanderà il sangue del becco appiè dell’altare dell’olocausto; e farà fumare tutto il grasso del becco sull’altare, come ha fatto del grasso del sacrifizio di azioni di grazie. Così il sacerdote farà l’espiazione del peccato di lui, e gli sarà perdonato. Se qualcuno del popolo del paese peccherà per errore e farà alcuna delle cose che l’Eterno ha vietato di fare, rendendosi così colpevole, quando il peccato che ha commesso gli sarà fatto conoscere, dovrà menare, come sua offerta, una capra, una femmina senza difetto, per il peccato che ha commesso. Poserà la mano sulla testa del sacrifizio per il peccato, e sgozzerà il sacrifizio per il peccato nel luogo ove si sgozzano gli olocausti. Poi il sacerdote prenderà col suo dito del sangue della capra, e lo metterà sui corni dell’altare dell’olocausto, e spanderà tutto il sangue della capra appiè dell’altare. E torrà tutto il grasso dalla capra, come ha tolto il grasso dal sacrifizio di azioni di grazie; e il sacerdote lo farà fumare sull’altare come un soave odore all’Eterno. Così il sacerdote farà l’espiazione per quel tale, e gli sarà perdonato. E se colui menerà un agnello come suo sacrifizio per il peccato, dovrà menare una femmina senza difetto. Poserà la mano sulla testa del sacrifizio per il peccato, e lo sgozzerà come sacrifizio per il peccato nel luogo ove si sgozzano gli olocausti. Poi il sacerdote prenderà col suo dito del sangue del sacrifizio per il peccato, e lo metterà sui corni dell’altare dell’olocausto, e spanderà tutto il sangue della vittima appiè dell’altare; e torrà dalla vittima tutto il grasso, come si toglie il grasso dall’agnello del sacrifizio di azioni di grazie; e il sacerdote lo farà fumare sull’altare, sui sacrifizi fatti mediante il fuoco all’Eterno. Così il sacerdote farà per quel tale l’espiazione del peccato che ha commesso, e gli sarà perdonato.” (Levitico 4:1-35).
Questi erano i sacrifici per il peccato da offrire quotidianamente, ma poi c’erano dei sacrifici per il peccato che il sommo sacerdote doveva offrire una volta all’anno, ossia nel giorno dell’espiazione, in cui li offriva sia per sé che per il popolo. In questo caso però il sangue dei sacrifici per il peccato veniva portato dentro il luogo santissimo per aspergere con esso il propiziatorio che era sopra l’arca dell’Eterno. Ecco cos’è scritto:
“L’Eterno parlò a Mosè dopo la morte dei due figliuoli d’Aaronne, i quali morirono quando si presentarono davanti all’Eterno. L’Eterno disse a Mosè: ‘Parla ad Aaronne, tuo fratello, e digli di non entrare in ogni tempo nel santuario, di là dal velo, davanti al propiziatorio che è sull’arca, onde non abbia a morire; poiché io apparirò nella nuvola sul propiziatorio. Aaronne entrerà nel santuario in questo modo: prenderà un giovenco per un sacrifizio per il peccato, e un montone per un olocausto. Si metterà la tunica sacra di lino, e porterà sulla carne le brache di lino; si cingerà della cintura di lino, e si porrà in capo la mitra di lino. Questi sono i paramenti sacri; egli l’indosserà dopo essersi lavato il corpo nell’acqua. Dalla raunanza de’ figliuoli d’Israele prenderà due capri per un sacrifizio per il peccato, e un montone per un olocausto. Aaronne offrirà il giovenco del sacrifizio per il peccato, che è per sé, e farà l’espiazione per sé e per la sua casa. Poi prenderà i due capri, e li presenterà davanti all’Eterno all’ingresso della tenda di convegno. E Aaronne trarrà le sorti per vedere qual de’ due debba essere dell’Eterno e quale di Azazel. E Aaronne farà accostare il capro ch’è toccato in sorte all’Eterno, e l’offrirà come sacrifizio per il peccato; ma il capro ch’è toccato in sorte ad Azazel sarà posto vivo davanti all’Eterno, perché serva a fare l’espiazione e per mandarlo poi ad Azazel nel deserto. Aaronne offrirà dunque il giovenco del sacrifizio per il peccato per sé, e farà l’espiazione per sé e per la sua casa; e scannerà il giovenco del sacrifizio per il peccato per sé. Poi prenderà un turibolo pieno di carboni accesi tolti di sopra all’altare davanti all’Eterno, e due manate piene di profumo fragrante polverizzato; e porterà ogni cosa di là dal velo. Metterà il profumo sul fuoco davanti all’Eterno, affinché il nuvolo del profumo copra il propiziatorio che è sulla testimonianza, e non morrà. Poi prenderà del sangue del giovenco, e ne aspergerà col dito il propiziatorio dal lato d’oriente, e farà sette volte l’aspersione del sangue col dito, davanti al propiziatorio. Poi scannerà il capro del sacrifizio per il peccato, che è per il popolo, e ne porterà il sangue di là dal velo; e farà di questo sangue quello che ha fatto del sangue del giovenco: ne farà l’aspersione sul propiziatorio e davanti al propiziatorio. Così farà l’espiazione per il santuario, a motivo delle impurità dei figliuoli d’Israele, delle loro trasgressioni e di tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda di convegno ch’è stabilita fra loro, in mezzo alle loro impurità. E nella tenda di convegno, quand’egli entrerà nel santuario per farvi l’espiazione, non ci sarà alcuno, finch’egli non sia uscito e non abbia fatto l’espiazione per sé, per la sua casa e per tutta la raunanza d’Israele. Egli uscirà verso l’altare ch’è davanti all’Eterno, e farà l’espiazione per esso; prenderà del sangue del giovenco e del sangue del capro, e lo metterà sui corni dell’altare tutto all’intorno. E farà sette volte l’aspersione del sangue col dito, sopra l’altare, e così lo purificherà e lo santificherà a motivo delle impurità dei figliuoli d’Israele. E quando avrà finito di fare l’espiazione per il santuario, per la tenda di convegno e per l’altare, farà accostare il capro vivo. Aaronne poserà ambedue le mani sul capo del capro vivo, confesserà sopra esso tutte le iniquità dei figliuoli d’Israele, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati, e li metterà sulla testa del capro; poi, per mano di un uomo incaricato di questo, lo manderà via nel deserto. E quel capro porterà su di sé tutte le loro iniquità in terra solitaria, e sarà lasciato andare nel deserto. Poi Aaronne entrerà nella tenda di convegno, si spoglierà delle vesti di lino che aveva indossate per entrar nel santuario, e le deporrà quivi. Si laverà il corpo nell’acqua in un luogo santo, si metterà i suoi paramenti, e uscirà ad offrire il suo olocausto e l’olocausto del popolo, e farà l’espiazione per sé e per il popolo. E farà fumare sull’altare il grasso del sacrifizio per il peccato. Colui che avrà lasciato andare il capro destinato ad Azazel si laverà le vesti, laverà il suo corpo nell’acqua, e dopo questo rientrerà nel campo. E si porterà fuori del campo il giovenco del sacrifizio per il peccato e il capro del sacrifizio per il peccato, il cui sangue sarà stato portato nel santuario per farvi l’espiazione; e se ne bruceranno nel fuoco le pelli, la carne e gli escrementi. Poi colui che li avrà bruciati si laverà le vesti e laverà il suo corpo nell’acqua; dopo questo, rientrerà nel campo. Questa sarà per voi una legge perpetua: nel settimo mese, il decimo giorno del mese, umilierete le anime vostre, non farete lavoro di sorta, né colui ch’è nativo del paese, né il forestiero che soggiorna fra voi. Poiché in quel giorno si farà l’espiazione per voi, affin di purificarvi; voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti all’Eterno. È per voi un sabato di riposo solenne, e voi umilierete le anime vostre; è una legge perpetua. E il sacerdote che ha ricevuto l’unzione ed è stato consacrato per esercitare il sacerdozio al posto di suo padre, farà l’espiazione; si vestirà delle vesti di lino, de’ paramenti sacri. E farà l’espiazione per il santuario sacro; farà l’espiazione per la tenda di convegno e per l’altare; farà l’espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della raunanza. Questa sarà per voi una legge perpetua, per fare una volta all’anno, per i figliuoli d’Israele, l’espiazione di tutti i loro peccati’. E si fece come l’Eterno aveva ordinato a Mosè.” (Levitico 16:1-34)
Dunque, come potete vedere, tutti quei sacrifici facevano l’espiazione dei peccati di coloro che li avevano commessi. Fu Dio stesso a dirlo questo. Certo, essi erano un ombra del sacrificio di Cristo, ma erano pur sempre sacrifici ordinati da Dio in vista del sacrificio perfetto di Cristo. Per cui Dio perdonava i peccati a coloro che li commettevano in virtù dello spargimento di sangue che veniva compiuto a favore loro sia quotidianamente che una volta all’anno.
Infatti Dio disse in merito ai sacrifici quotidiani: “Così il sacerdote farà l’espiazione per la raunanza, e le sarà perdonato” (Levitico 4:20), ed anche: “Così il sacerdote farà l’espiazione del peccato di lui, e gli sarà perdonato” (Levitico 4:26), ed ancora: “Così il sacerdote farà l’espiazione per quel tale, e gli sarà perdonato” (Levitico 4:31); ed ancora: “Così il sacerdote farà per quel tale l’espiazione del peccato che ha commesso, e gli sarà perdonato” (Levitico 4:35). Mentre in merito all’espiazione che veniva fatta una volta all’anno, disse: “Poiché in quel giorno si farà l’espiazione per voi, affin di purificarvi; voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti all’Eterno” (Levitico 16:30). Ecco perché la Scrittura afferma che secondo la legge senza spargimento di sangue non c’è remissione o perdono (Ebrei 9:22).
Ma poiché la legge ha un’ombra dei futuri beni, non la realtà stessa delle cose, quel sangue di animali non poteva togliere i peccati dalla coscienza degli adoratori, come dice lo scrittore agli Ebrei: “S’offron doni e sacrificî che non possono, quanto alla coscienza, render perfetto colui che offre il culto, poiché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo della riforma” (Ebrei 9:9-10), “ogni sacerdote è in piè ogni giorno ministrando e offrendo spesse volte gli stessi sacrificî che non possono mai togliere i peccati” (Ebrei 10:11); “perché è impossibile che il sangue di tori e di becchi tolga i peccati” (Ebrei 10:4).
Il sistema sacrificale prescritto dalla legge quindi, fu prescritto da YAHWEH, che è il solo vero Dio, fino al tempo della riforma, cioè fino a quando venuto Cristo, l’Agnello di Dio senza macchia e senza difetto, ben preordinato prima della fondazione del mondo (1 Pietro 1:19-20), Egli offrendo il suo corpo in sacrificio a Dio per i nostri peccati, ha purificato con il Suo prezioso sangue la nostra coscienza dai peccati che la contaminavano e ci ha così santificati (Ebrei 9:14; 10:12,14)
Quindi, lo spargimento di sangue senza il quale non c’è remissione o perdono, di cui parla Ebrei 9:22, si riferisce eccome allo spargimento di sangue di animali che avveniva per ordine di Dio sotto la legge per compiere l’espiazione dei peccati degli Israeliti.
E la ragione per cui era necessario lo spargimento di sangue per l’espiazione dei peccati, la spiegò Dio a Mosè in questa maniera: “Poiché la vita della carne è nel sangue. Per questo vi ho ordinato di porlo sull’altare per far l’espiazione per le vostre persone; perché il sangue è quello che fa l’espiazione, mediante la vita” (Levitico 17:11). Non è abbastanza chiaro quello che ha detto Dio?
Certo ci fu anche uno spargimento di sangue alla dedicazione del primo patto, ed è quello di cui lo scrittore agli Ebrei parla poco prima quando dice: “Ond’è che anche il primo patto non è stato inaugurato senza sangue. Difatti, quando tutti i comandamenti furono secondo la legge proclamati da Mosè a tutto il popolo, egli prese il sangue de’ vitelli e de’ becchi con acqua, lana scarlatta ed issopo, e ne asperse il libro stesso e tutto il popolo, dicendo: Questo è il sangue del patto che Dio ha ordinato sia fatto con voi. E parimente asperse di sangue il tabernacolo e tutti gli arredi del culto” (Ebrei 9:18-21) – e quell’«anche il primo patto» mostra che anche il secondo patto è stato dedicato con del sangue, cioè con il sangue di Cristo Gesù, infatti poco prima lo scrittore dice: “Ma venuto Cristo, Sommo Sacerdote dei futuri beni, egli, attraverso il tabernacolo più grande e più perfetto, non fatto con mano, vale a dire, non di questa creazione, e non mediante il sangue di becchi e di vitelli, ma mediante il proprio sangue, è entrato una volta per sempre nel santuario, avendo acquistata una redenzione eterna. Perché, se il sangue di becchi e di tori e la cenere d’una giovenca sparsa su quelli che son contaminati santificano in modo da dar la purità della carne, quanto più il sangue di Cristo che mediante lo Spirito eterno ha offerto se stesso puro d’ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire all’Iddio vivente? Ed è per questa ragione che egli è mediatore d’un nuovo patto, affinché, avvenuta la sua morte per la redenzione delle trasgressioni commesse sotto il primo patto, i chiamati ricevano l’eterna eredità promessa. Infatti, dove c’è un testamento, bisogna che sia accertata la morte del testatore. Perché un testamento è valido quand’è avvenuta la morte; poiché non ha valore finché vive il testatore.” (Ebrei 9:11-17) – ma non si può assolutamente affermare che le parole “senza spargimento di sangue non c’è remissione” (Ebrei 9:22) non hanno niente a che fare con il perdono dei peccati sotto la legge! Perché la legge conferma che il perdono dei peccati secondo la legge veniva garantito in virtù dello spargimento di sangue di animali, perdono però che non prevedeva la purificazione della coscienza dalle opere morte che la contaminavano perché quel sangue di animali non poteva togliere i peccati.
Questo spiega perché fu necessario che il Figlio di Dio, offrisse se stesso a Dio puro di ogni colpa: per purificare la nostra coscienza dalle opere morte!
Eccoci dunque a parlare del sacrificio espiatorio di Cristo Gesù, che si compì per ordine di Dio affinché si adempisse quello che aveva detto il profeta: “Ma egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiam pace, è stato su lui, e per le sue lividure noi abbiamo avuto guarigione. Noi tutti eravamo erranti come pecore, ognun di noi seguiva la sua propria via; e l’Eterno ha fatto cader su lui l’iniquità di noi tutti. Maltrattato, umiliò se stesso, e non aperse la bocca. Come l’agnello menato allo scannatoio, come la pecora muta dinanzi a chi la tosa, egli non aperse la bocca. Dall’oppressione e dal giudizio fu portato via; e fra quelli della sua generazione chi rifletté ch’egli era strappato dalla terra de’ viventi e colpito a motivo delle trasgressioni del mio popolo? Gli avevano assegnata la sepoltura fra gli empi, ma nella sua morte, egli è stato col ricco, perché non aveva commesso violenze né v’era stata frode nella sua bocca. Ma piacque all’Eterno di fiaccarlo coi patimenti. Dopo aver dato la sua vita in sacrifizio per la colpa, egli vedrà una progenie, prolungherà i suoi giorni, e l’opera dell’Eterno prospererà nelle sue mani” (Isaia 53:5-10).
Le seguenti espressioni “egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità, il castigo, per cui abbiam pace, è stato su lui”, “l’Eterno ha fatto cader su lui l’iniquità di noi tutti”, “Ma piacque all’Eterno di fiaccarlo coi patimenti”, non lasciano alcun dubbio sul significato del sacrificio di Cristo: si trattò di un sacrificio espiatorio per i nostri peccati. E difatti il profeta disse che il Cristo ha dato “la sua vita in sacrifizio per la colpa”. Cosa questa che viene confermata sia dall’apostolo Paolo quando dice ai santi di Efeso: “Cristo vi ha amati e ha dato se stesso per noi in offerta e sacrificio a Dio, qual profumo d’odor soave” (Efesini 5:2), che dallo scrittore agli Ebrei quando afferma: “Perché, se il sangue di becchi e di tori e la cenere d’una giovenca sparsa su quelli che son contaminati santificano in modo da dar la purità della carne, quanto più il sangue di Cristo che mediante lo Spirito eterno ha offerto se stesso puro d’ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire all’Iddio vivente?” (Ebrei 9:13-14). Dunque? Gesù offrì se stesso per i nostri peccati a Dio, in altre parole si sacrificò caricandosi delle nostre iniquità e spargendo il suo prezioso sangue affinché noi ottenessimo la remissione dei peccati e fossimo riconciliati con il Padre mediante il suo sangue. Già, perché è grazie al sangue di Cristo che il Padre ci ha riconciliati con sé, come dice Paolo ai santi di Colosse: “Poiché in lui si compiacque il Padre di far abitare tutta la pienezza e di riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di lui, avendo fatto la pace mediante il sangue della croce d’esso; per mezzo di lui, dico, tanto le cose che sono sulla terra, quanto quelle che sono nei cieli. E voi, che già eravate estranei e nemici nella vostra mente e nelle vostre opere malvage, ora Iddio vi ha riconciliati nel corpo della carne di lui, per mezzo della morte d’esso” (Colossesi 1:19-22). Perché viene detto che il Padre ha fatto la pace con noi mediante il sangue sparso da Cristo sulla croce, se non perché fu tramite quel sangue che la sua ira è stata rimossa da noi? Quindi è grazie al sangue di Cristo che l’ira di Dio non è più sopra di noi. E’ grazie al sangue di Cristo che noi siamo giustificati e non più sotto la condanna, infatti l’apostolo Paolo dice che “essendo ora giustificati per il suo sangue, sarem per mezzo di lui salvati dall’ira” (Romani 5:9).
Gesù Cristo quindi è morto sulla croce, spargendo il suo sangue, per garantirci il perdono dei nostri peccati, infatti Egli stesso nella notte che fu tradito quando distribuì ai suoi discepoli il calice disse loro: “Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue, il sangue del patto, il quale è sparso per molti per la remissione dei peccati” (Matteo 26:28). Chiaro? Mi pare molto chiaro. Dunque il Figliuolo di Dio che è proceduto dal Padre, era pienamente convinto del valore espiatorio che aveva lo spargimento del suo sangue. E non poteva essere altrimenti, visto che sapeva che in Lui dovevano adempiersi le cose scritte da Mosè nella legge e dai profeti. E poi, non dice forse lo scrittore agli Ebrei che il Figliuolo di Dio “essendo lo splendore della sua gloria e l’impronta della sua essenza e sostenendo tutte le cose con la parola della sua potenza, quand’ebbe fatta la purificazione dei peccati, si pose a sedere alla destra della Maestà ne’ luoghi altissimi” (Ebrei 1:3)? Ecco dunque una conferma che Gesù ha versato il Suo sangue per purificarci da ogni iniquità. Perciò oggi possiamo dire assieme all’apostolo Giovanni: “Se camminiamo nella luce, com’Egli è nella luce, abbiam comunione l’uno con l’altro, e il sangue di Gesù, suo Figliuolo, ci purifica da ogni peccato” (1 Giovanni 1:7).
Mente dunque contro la verità chiunque afferma che il Padre non ha richiesto alcun spargimento di sangue per garantirci la remissione dei peccati. E non solo mente contro la verità, ma denigra il sangue di Cristo. Ed anche questo è molto grave.
Vi esorto dunque, fratelli, a guardarvi e ritirarvi da Mirko Boniolo e da tutti coloro che insegnano la stessa eresia distruttiva che insegna lui sul sacrificio di Cristo.
Sappiate, fratelli, che non c’è remissione dei peccati senza il sangue di Cristo, non c’è purificazione dei peccati senza il sangue di Cristo, non c’è giustificazione senza il sangue di Cristo, non c’è riconciliazione con il Padre senza il sangue di Cristo.
E concludo facendo notare che Boniolo mente contro la verità anche quando afferma che Dio ha fatto il nuovo patto con il mondo intero, perché Dio disse chiaramente tramite il profeta Geremia con chi avrebbe fatto il nuovo patto: “Ecco, i giorni vengono, dice l’Eterno, che io farò un nuovo patto con la casa d’Israele e con la casa di Giuda; non come il patto che fermai coi loro padri il giorno che li presi per mano per trarli fuori dal paese d’Egitto: patto ch’essi violarono, benché io fossi loro signore, dice l’Eterno; ma questo è il patto che farò con la casa d’Israele, dopo quei giorni, dice l’Eterno: io metterò la mia legge nell’intimo loro, la scriverò sul loro cuore, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. E non insegneranno più ciascuno il suo compagno e ciascuno il suo fratello, dicendo: ‘Conoscete l’Eterno!’ poiché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande, dice l’Eterno. Poiché io perdonerò la loro iniquità, e non mi ricorderò più del loro peccato” (Geremia 31:31-34).
Naturalmente, siccome noi Gentili che abbiamo creduto in Gesù Cristo, non siamo più esclusi dalla cittadinanza d’Israele, perché in Cristo siamo eredi con il residuo di Ebrei che hanno creduto, il nuovo patto Dio lo ha fatto anche con noi che non siamo Ebrei di nascita.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2015/12/17/contro-leresia-distruttiva-di-mirko-boniolo-cristo-non-ha-sparso-il-suo-sangue-per-la-remissione-dei-nostri-peccati/

Il Padre di Gesù Cristo è YAHWEH, l’Iddio degli Ebrei

padre-yahwehL’Iddio che ha mandato nel mondo Gesù Cristo e ci ha parlato tramite lui – che Gesù chiamò “il Padre” e “il Padre mio” – è Yahweh, l’Iddio di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe, ossia l’Iddio degli Ebrei, e quindi lo stesso Dio che fece morire Er e Onan, figli di Giuda; che mandò il diluvio sul mondo degli empi ai giorni di Noè; lo stesso Dio che fece piovere fuoco e zolfo su Sodoma e Gomorra e le città circonvicine riducendole in cenere; lo stesso Dio che mandò le dieci piaghe in Egitto e sugli Egiziani ai giorni di Mosè; che nel deserto aprì la terra sotto i piedi di Kore, Dathan e Abiram facendoli scendere vivi nel soggiorno dei morti assieme alle loro famiglie; lo stesso Dio che ordinò ad Israele di votare allo sterminio gli Hittei, i Ghirgasei, gli Amorei, i Cananei, i Ferezei, gli Hivvei e i Gebusei, sette nazioni più grandi e più potenti di Israele; lo stesso Dio che mandò re stranieri contro il regno di Israele e il regno di Giuda per punirli a motivo della loro malvagità.
Coloro che non credono questo perché insegnano che il Padre di Gesù è un Dio diverso da quello dell’Antico Testamento (uso questa espressione per comodità), in quanto dicono che il Padre di Gesù è un Dio superiore a Yahweh, perché il Padre di Gesù è buono mentre Yahweh è malvagio e arrogante ed anche ignorante, non sono dei nostri, non sono Cristiani, non sono figliuoli di Dio, ma sono figliuoli del diavolo, che non conoscono né il Padre e neppure il Figliuolo.
Nei primi secoli dopo Cristo, gli gnostici insegnavano proprio questa eresia di perdizione: che il Padre di Gesù Cristo non era Yahweh (che era dagli gnostici definito malvagio, arrogante e ignorante) ma un Dio superiore, un Dio buono. E la Chiesa si oppose strenuamente ad essi smascherandoli e confutando le loro eresie distruttive che menavano in perdizione le anime. La suddetta eresia gnostica è ancora oggi insegnata da tanti che si definiscono Cristiani, ma che in realtà sono degli gnostici il cui dio è Satana, il Serpente Antico, e i quali lottano contro il solo vero Dio, che è Yahweh.
Guardatevi e ritiratevi da essi, perché bestemmiano contro Dio e la faccia di Dio è contro di essi. Peraltro, sappiate che anche il Gesù di cui parlano costoro è un altro Gesù, perché secondo questi eretici Gesù è stato inviato dal Padre (che secondo loro è il Dio buono, superiore all’Iddio dell’Antico Testamento) per liberare gli uomini dalle idee sbagliate del Dio dell’Antico Testamento!!! Quindi questi uomini malvagi presentano non solo un altro Dio, ma anche un altro Gesù.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da http://giacintobutindaro.org/2015/12/02/il-padre-di-gesu-cristo-e-yahweh-liddio-degli-ebrei/

Colui che è gradito a Dio

vitaChi è colui che Dio gradisce? Iddio gradisce colui che ha la fede. Solo colui che ha la fede? Si. Perché? Perché senza la fede è impossibile piacerGli. (cfr. Ebrei 11:6; Romani 8:8) E se uno smette di avere fede in Lui? Iddio smette di gradirlo. (cfr. Ebrei 10:38)

Colui che ha la fede in Gesù, viene gradito da Dio perchè viene giustificato e quindi dichiarato GIUSTO, comincia ad avere comunione con Dio e quindi diventa un AMICO DI DIO, viene santificato e quindi dichiarato SANTO, nasce dall’alto d’acqua e di Spirito e quindi acquisisce il diritto di essere chiamato FIGLIUOLO DI DIO, viene liberato dalla schiavitù del peccato, che lo teneva prigioniero, e dunque diventa LIBERO!

Chi ha la fede in Gesù, essendo che viene vivificato, ha VITA ETERNA!

Colui invece che non ha la fede in Gesù, non viene da Lui gradito perché è un INGIUSTO, un NEMICO DI DIO e quindi l’ira di Dio resta sopra lui. Essendo un PECCATORE e non avendo ricevuto la nuova nascita continuerà ad essere chiamato FIGLIUOLO D’IRA e avendo ancora le funi del peccato attorno a sé continuerà ad essere SCHIAVO DEL PECCATO!

Chi non ha la fede in Gesù, essendo morto spiritualmente, NON VEDRA’ LA VITA!

Se desideri dunque essere gradito a Dio e ottenere pace con Lui devi credere in Gesù Cristo.

Se invece prendi piacere a contrastare Iddio e la Sua volontà, a motivo del tuo cuore caparbio e malvagio, e non ti curi affatto di piacere a Dio, sappi che ti aspetta un tormento eterno, un tormento dal quale vorrai scampare ma non potrai.

Ora sai cosa fare, io son netto del tuo sangue.

 

Salvatore Larizza

Confutazione della dottrina che gli apostoli nacquero di nuovo dopo la resurrezione di Cristo

confutazione-apostoli-nuova-nascita-1024x524Ci sono Chiese che affermano che gli apostoli nacquero di nuovo quando Gesù, dopo essere risorto, apparve ai Suoi discepoli e “soffiò su loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo.” (Giovanni 20:22). Tra di esse ci sono pure le Chiese delle Assemblee di Dio in Italia, infatti Francesco Toppi, ex presidente delle ADI (1928-2014), ha affermato: ‘…. Gesù entra a porte chiuse dove i discepoli erano radunati e, dopo averli rassicurati e mostrato loro i segni della Sua morte vicaria, soffiò su loro e disse: “… Ricevete lo Spirito Santo” (Giovanni 20:22). In quel momento si verificò per loro il miracolo della ‘nuova nascita’ o ‘rigenerazione’ ed essi compresero che “… senza spargimento di sangue non c’è remissione” (Ebrei 9:22)’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Vol. I, Seconda Edizione, Roma 2004, pag. 64).
Ora, sapendo che tramite la nuova nascita o rigenerazione si diventa figliuoli di Dio, fare una simile affermazione significa accusare ingiustamente gli apostoli del Signore Gesù Cristo, perché equivale a dire che gli apostoli prima che Gesù risuscitasse erano figli d’ira (Efesini 2:3) e non figliuoli di Dio, perché prima di nascere di nuovo gli uomini sono figli d’ira essendo sotto il peccato. Gli apostoli invece erano figli di Dio perché avevano creduto nel Signore Gesù Cristo, secondo che è scritto: “È venuto in casa sua, e i suoi non l’hanno ricevuto; ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figliuoli di Dio; a quelli, cioè, che credono nel suo nome; i quali non son nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d’uomo, ma son nati da Dio” (Giovanni 1:11-13). Notate come Giovanni dica che chi crede nel nome di Gesù Cristo è nato da Dio. Questo lo conferma anche nella sua prima epistola quando dice: “Chiunque crede che Gesù è il Cristo, è nato da Dio” (1 Giovanni 5:1). Dunque, ancora prima della resurrezione di Cristo, chi credeva che Gesù era il Cristo, il Figlio di Dio, era nato da Dio. E quindi era vittorioso sul mondo, secondo che dice sempre Giovanni: “Poiché tutto quello che è nato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede. Chi è colui che vince il mondo, se non colui che crede che Gesù è il Figliuol di Dio?” (1 Giovanni 5:4-5). Gli apostoli dunque erano dei figli di Dio, e questo lo confermò Gesù Cristo poco dopo la Sua resurrezione ancora prima di apparire ai Suoi discepoli, quando disse a Maria Maddalena presso il sepolcro: “Non mi toccare, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli, e di’ loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, all’Iddio mio e Iddio vostro” (Giovanni 20:17). Ma non è forse scritto: “Poiché e colui che santifica e quelli che son santificati, provengon tutti da uno; per la qual ragione egli non si vergogna di chiamarli fratelli, dicendo: Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli; in mezzo alla raunanza canterò la tua lode. E di nuovo: Io metterò la mia fiducia in Lui. E di nuovo: Ecco me e i figliuoli che Dio mi ha dati.” (Ebrei 2:11-13)? Ecco, vedete, i credenti in Cristo Gesù essendo i figliuoli che Dio ha dato a Gesù sono suoi fratelli. E così li ha chiamati Gesù i Suoi apostoli ancora prima che apparisse loro e soffiasse su di loro!
Ma poi fare una simile affermazione equivale a dire che gli apostoli erano morti nei loro falli e nei loro peccati prima che Gesù soffiasse su di essi. E questo è falso perché essi, avendo creduto che Gesù era il Cristo, il Figlio di Dio, avevano vita in Lui, secondo che dice Giovanni: “Queste cose sono scritte, affinché crediate che Gesù è il Cristo, il Figliuol di Dio, e affinché, credendo, abbiate vita nel suo nome” (Giovanni 20:31). Se dunque credendo si ha vita nel Suo nome, questo era valido anche prima che Gesù risuscitasse dai morti perché la vita si ha nel Suo nome. Non vi pare? E non è forse vero che quando Gesù chiese ai Suoi discepoli “E voi, chi dite ch’io sia? Simon Pietro, rispondendo, disse: Tu sei il Cristo, il Figliuol dell’Iddio vivente” (Matteo 16:14-16)? Dunque, anche gli apostoli avevano vita nel Suo nome perché avevano creduto che Gesù era il Cristo, il Figlio di Dio. Ma se Gesù disse loro la notte che fu tradito: “Io son la vite, voi siete i tralci” (Giovanni 15:5), come si può pensare che gli apostoli in quel tempo non avessero vita ma che fossero ancora morti?
Ma andiamo avanti, perché fare una simile affermazione significa anche dire che gli apostoli prima della resurrezione di Gesù erano del mondo, perché è solo quando uno nasce di nuovo che viene riscattato dal presente secolo malvagio, mentre gli apostoli non erano più del mondo da quando avevano creduto in Lui, perché Gesù nella notte che fu tradito disse loro: “Se foste del mondo, il mondo amerebbe quel ch’è suo; ma perché non siete del mondo, ma io v’ho scelti di mezzo al mondo, perciò vi odia il mondo” (Giovanni 15:19), e al Padre suo disse: “Io ho dato loro la tua parola; e il mondo li ha odiati, perché non sono del mondo, come io non sono del mondo. Io non ti prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li preservi dal maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo” (Giovanni 17:14-16). Ma allora gli apostoli di chi erano? Essi erano di Cristo, perché un giorno quando Giovanni disse a Gesù: “Maestro, noi abbiam veduto uno che cacciava i demonî nel nome tuo, il quale non ci seguita; e glielo abbiamo vietato perché non ci seguitava”, Gesù gli disse: “Non glielo vietate, poiché non v’è alcuno che faccia qualche opera potente nel mio nome, e che subito dopo possa dir male di me. Poiché chi non è contro a noi, è per noi. Perché chiunque vi avrà dato a bere un bicchier d’acqua in nome mio PERCHÉ SIETE DI CRISTO, in verità vi dico che non perderà punto il suo premio” (Marco 9:38-41). Ma per essere di Cristo, occorre avere lo Spirito di Cristo, secondo che dice Paolo: “Se uno non ha lo Spirito di Cristo, egli non è di lui” (Romani 8:9), e quindi gli apostoli necessariamente avevano lo Spirito di Cristo. D’altronde, se lo Spirito di Cristo era nei profeti – che vissero quando ancora il Figliuolo di Dio non era venuto – secondo che dice l’apostolo Pietro: “Questa salvezza è stata l’oggetto delle ricerche e delle investigazioni dei profeti che profetizzarono della grazia a voi destinata. Essi indagavano qual fosse il tempo e quali le circostanze a cui LO SPIRITO DI CRISTO CHE ERA IN LORO accennava, quando anticipatamente testimoniava delle sofferenze di Cristo, e delle glorie che dovevano seguire. E fu loro rivelato che non per se stessi ma per voi ministravano quelle cose che ora vi sono state annunziate da coloro che vi hanno evangelizzato per mezzo dello Spirito Santo mandato dal cielo; nelle quali cose gli angeli desiderano riguardare bene addentro” (1 Pietro 1:10-12), si può mai pensare agli apostoli di Cristo senza lo Spirito di Cristo anche se solo per un tempo? No, impossibile. E difatti quando Gesù mandò gli apostoli a predicare il regno di Dio e a cacciare i demoni e guarire gli ammalati, tra le altre cose disse loro: “E guardatevi dagli uomini; perché vi metteranno in man de’ tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete menati davanti a governatori e re per cagion mia, per servir di testimonianza dinanzi a loro ed ai Gentili. Ma quando vi metteranno nelle loro mani, non siate in ansietà del come parlerete o di quel che avrete a dire; perché in quell’ora stessa vi sarà dato ciò che avrete a dire. Poiché non siete voi che parlate, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi” (Matteo 10:17-20). Dunque Gesù riconobbe che lo Spirito di Dio parlava nei Suoi apostoli, e lo Spirito di Dio è lo Spirito di Cristo. E poi, Gesù disse ai Suoi apostoli che essi conoscevano lo Spirito Santo (Giovanni 14:17), come potevano dunque conoscerlo senza essere nati di Spirito? Sarebbe come dire che si può conoscere Dio senza essere nati da Dio.
E andiamo avanti, perché c’è altro da dire. Affermare che gli apostoli prima della resurrezione di Cristo non erano ancora nati di nuovo equivale a dire che essi erano ancora schiavi dei loro peccati e quindi sulla via della perdizione, e questo perché si viene salvati mediante il lavacro della rigenerazione e il rinnovamento dello Spirito Santo, secondo che dice l’apostolo Paolo a Tito: “Perché anche noi eravamo una volta insensati, ribelli, traviati, servi di varie concupiscenze e voluttà, menanti la vita in malizia ed invidia, odiosi e odiantici gli uni gli altri. Ma quando la benignità di Dio, nostro Salvatore, e il suo amore verso gli uomini sono stati manifestati, Egli ci ha salvati non per opere giuste che noi avessimo fatte, ma secondo la sua misericordia, mediante il lavacro della rigenerazione e il rinnovamento dello Spirito Santo” (Tito 3:3-5). Se dunque gli apostoli a quel tempo ancora non erano stati rigenerati dalla Parola della Buona Novella ossia se ancora non avevano sperimentato il lavacro della rigenerazione, ciò significa che essi allora erano ancora schiavi dei loro peccati e perduti. Ma allora ciò significherebbe che prima che Gesù risuscitasse credere in Lui non poteva salvare chi credeva! Ed allora Gesù compì una opera inutile nell’ordinare alle persone di ravvedersi e di credere nel Vangelo! Che serviva infatti predicare agli uomini di ravvedersi e di credere nel Vangelo se ravvedendosi e credendo nel Vangelo non potevano nascere di nuovo?
Inoltre, fare questa affermazione equivale a dire che la Buona Novella che annunciava Gesù non poté rigenerare gli apostoli prima della Sua resurrezione, perché il peccatore viene rigenerato dalla Parola della Buona Novella, secondo che dice l’apostolo Pietro: “Siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile, mediante la parola di Dio vivente e permanente. Poiché Ogni carne è com’erba, e ogni sua gloria come il fior dell’erba. L’erba si secca, e il fiore cade; ma la parola del Signore permane in eterno. E questa è la Parola della Buona Novella che vi è stata annunziata” (1 Pietro 1:23:25). E come potremmo dire una simile cosa quando la Parola che Cristo annunciava era la Parola di Dio, vivente e permanente? Non dice forse l’apostolo Paolo che Cristo Gesù “con la sua venuta ha annunziato la buona novella della pace a voi che eravate lontani, e della pace a quelli che eran vicini” (Efesini 2:17)? Dunque, possiamo mai pensare che la Buona Novella annunciata da Cristo non rigenerò gli apostoli del Signore che credettero in essa?
E per concludere, voglio farvi notare questo. Gesù quando parlò a Nicodemo della necessità della nuova nascita, gli disse: “In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio.” (Giovanni 3:3) ed anche: “In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quel che è nato dalla carne, è carne; e quel che è nato dallo Spirito, è spirito. Non ti maravigliare se t’ho detto: Bisogna che nasciate di nuovo.” (Giovanni 3:5-7). Per cui è evidente che ancora prima della Sua resurrezione era possibile nascere di nuovo per gli uomini. E i Suoi apostoli infatti lo erano, difatti Gesù parlandogli gli fece capire che essi erano sulla via che mena nel Regno di Dio. Gli disse per esempio: “Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci son molte dimore; se no, ve l’avrei detto; io vo a prepararvi un luogo; e quando sarò andato e v’avrò preparato un luogo, tornerò e v’accoglierò presso di me, affinché dove son io, siate anche voi; e del dove io vo sapete anche la via” (Giovanni 14:1-4). Poteva mai Gesù rivolgere queste parole a persone non ancora nate di nuovo, e quindi impossibilitate ancora ad entrare nel Regno di Dio? Non mi pare proprio. Come anche non poteva rivolgere loro queste altre parole: “Or voi siete quelli che avete perseverato meco nelle mie prove; e io dispongo che vi sia dato un regno, come il Padre mio ha disposto che fosse dato a me, affinché mangiate e beviate alla mia tavola nel mio regno, e sediate su troni, giudicando le dodici tribù d’Israele” (Luca 22:28-30). Ma poi riflettete, come avrebbe potuto Gesù mandare a predicare il Regno di Dio delle persone che non erano ancora atte ad entrarvi perché non nate d’acqua e di Spirito?
C’è poi questo particolare che voglio fare notare: che quando Gesù apparve ai Suoi discepoli e soffiò su di essi e gli disse ‘Ricevete lo Spirito Santo’, tra di essi non c’era l’apostolo Toma (Giovanni 20:24). Vorremmo dunque domandare ai sostenitori di questa dottrina: ‘Toma quando nacque di nuovo allora? Otto giorni dopo, quando Gesù apparve di nuovo ai Suoi discepoli e Toma era questa volta presente?’
Dunque, fratelli, nessuno vi seduca con vani ragionamenti, perché la Parola è molto chiara a tale riguardo: gli apostoli erano nati da Dio ancora prima che Gesù soffiasse sui Suoi discepoli e dicesse loro ‘Ricevete lo Spirito Santo’.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2015/10/22/confutazione-della-dottrina-che-gli-apostoli-nacquero-di-nuovo-dopo-la-resurrezione-di-cristo/