Risvegliati chiesa, e Cristo t’inonderà di luce

chiesa dormienteLa chiesa, oggi più che mai, appare apatica, svigorita, spenta. Il suo messaggio privo di forza, di potenza, di vita.

Salvatore Larizza

Annunci

Due domande ai lottatori per la libertà religiosa per tutti

aei-liberta-religiosa

 

Ci sono molti che si dicono Cristiani che – mettendosi con altri che non sono Cristiani – lottano per la libertà religiosa dei mussulmani, buddisti, induisti, mormoni, testimoni di Geova, e tanti altri nemici della verità. E questo perchè essi ritengono che tutti costoro hanno il diritto di ingannarsi e ingannare gli altri per trascinarli con loro nelle fiamme dell’inferno, e quindi si impegnano affinchè lo Stato dia loro la completa ‘libertà religiosa’ per professare il loro culto e diffondere quindi le loro eresie di perdizione.

 

Voglio domandare dunque a costoro. Ma su quale principio biblico si fonda la vostra lotta? Quali insegnamenti o parole o comportamenti di Gesù e degli apostoli confermano che quello che state facendo è giusto nel cospetto di Dio? Non siamo infatti riusciti a trovare nulla, e ripeto nulla, nella loro vita e nei loro insegnamenti che possa confermare quello che voi fate. Anzi abbiamo trovato comportamenti e parole che ci mostrano che loro lottavano per un’altra libertà, cioè quella spirituale dal peccato e da Satana, predicando agli uomini il ravvedimento e il Vangelo, e quindi esortandoli ad abbandonare i loro pensieri malvagi, vani e perversi (il che conferma che essi ritenevano che gli uomini non avevano il diritto di pensare o dire quello che volevano, ma avevano il dovere di cambiare modo di pensare abbandonando le menzogne che professavano e di credere nel Vangelo), e difatti fu per questa ragione che sia Gesù che gli apostoli del Signore furono odiati e perseguitati dal mondo. Per cui a noi questa vostra lotta – che il massone Voltaire proclamava usando questa massima ‘non condivido la tua idea, ma combatterò fino alla morte affinchè tu abbia il diritto di diffonderla’ – risulta essere una lotta compiuta contro Dio e contro gli uomini (sia Cristiani che non Cristiani), e a favore del diavolo, che è il padre della menzogna, affinchè diffonda ancora con più efficacia le sue menzogne contro la verità che è in Cristo Gesù, menzogne che tengono incatenate le persone al presente secolo malvagio e le trascinano in perdizione nel tormento. E quindi siamo persuasi che questa vostra lotta è una opera infruttuosa delle tenebre a cui i Cristiani si devono rifiutare di partecipare perchè sono luce nel Signore, secondo che è scritto: “Conducetevi come figliuoli di luce (poiché il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bontà e giustizia e verità), esaminando che cosa sia accetto al Signore. E non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; anzi, piuttosto riprendetele” (Efesini 5:8-11), e quindi quei Cristiani che si danno a questa opera attirano su se stessi l’ira di Dio perchè si dimostrano dei ribelli.

Ma sicuramente voi avete una tale conoscenza biblica e sapienza, che a noi mancano, che non avrete alcun problema a provarci con la Bibbia quello che noi e tanti altri vogliamo sapere da voi.
Siamo tutte orecchie, dunque. Fateci sapere quello che avete da dire sulla lotta per la libertà religiosa per tutti in cui voi siete impegnati o che approvate. Persuadeteci con la Parola di Dio affinchè anche noi possiamo unirci a voi in questa lotta! Forse ci è sfuggito qualche cosa!

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/08/05/due-domande-ai-lottatori-per-la-liberta-religiosa-per-tutti/

Un pastore secondo il cuore di Satana

Come deve essere il pastore in una denominazione massonizzata?
Non nato di nuovo ma in grado di apparire tale; avente fiducia nell’uomo anziché in Dio; astuto e quindi in grado di ‘dribblare’ domande scomode o persone scomode; doppio nel parlare, quindi essere capace di dire una cosa e il contrario di quella cosa senza farsene accorgere; superbo; arrogante; spietato; indifferente ai bisogni materiali e spirituali del gregge; con un forte desiderio nel cuore di cercare ‘la maggiore gloria’ dell’organizzazione facendo mandare più soldi possibili alla cassa centrale e facendo costruire bellissimi e sontuosi locali di culto facendo contrarre alla Chiesa pesanti debiti per molti anni, perchè poi quegli edifici entreranno a far parte del patrimonio dell’ente: deve essere dell’idea che per costruire il locale di culto – che l’organizzazione chiama ‘la casa di Dio’ – vale il motto ‘il fine giustifica i mezzi’ e quindi la Chiesa può anche chiedere aiuto a mafiosi, camorristi e ndranghetisti, o pagare ‘mazzette’ per ottenere permessi che non arrivano, e deve essere pronta a pagare ‘il pizzo’ una volta costruito il locale di culto; deve essere un convinto propagatore dell’obbligo per i credenti di dare la decima e coraggioso proclamatore della maledizione che colpirà quelli che non danno la decima; uno che non si santifica e non esorta a santificarsi e questo perchè secondo l’organizzazione si può vedere il Signore anche senza la santificazione; uno che quindi chiude ambedue gli occhi dinnanzi a membri che diventano fornicatori, omosessuali, adulteri, avari, rapaci, ubriachi, oltraggiatori, e ladri, e che all’occorrenza li difende a spada tratta dinnanzi alle accuse dei soliti ‘fanatici’, ‘bigotti’ e ‘legalisti’; mondano e amante dei piaceri della vita e quindi che dia al gregge l’esempio di cosa significa amare il mondo e le sue concupiscenze affinché le pecore possano fare lo stesso e non dicano che il loro pastore è ‘legalista’ e quindi si possano riempire i locali di culto di più persone possibili e di conseguenza le casse; ingiusto e quindi che sia in grado di trattare i malvagi come se avessero fatto l’opera dei giusti e i giusti come se avessero fatto l’opera dei malvagi, e di chiamare il bene male e il male bene; facilmente malleabile dai suoi ‘superiori’ e quindi pronto a dire e fare ogni cosa storta e perversa gradita alla dirigenza; disposto a sacrificarsi per gli interessi dell’organizzazione; amante della menzogna anziché della verità e quindi pronto a difendere le menzogne dei suoi ‘superiori’ e contrastare la verità dei ‘bigotti’, ‘fanatici’ e ‘legalisti’; calunniatore e quindi pronto ad inventarsi accuse contro quelli che con le loro parole smascherano le opere infruttuose delle tenebre dell’organizzazione; uno che non predica ai peccatori con franchezza e quindi che non gli predica il ravvedimento e non li avverte dalle fiamme eterne dove sono diretti, per evitare che le persone si spaventino e non vengano al locale di culto; pieno di sapienza umana in grado di fare discorsi persuasivi di sapienza umana per rendere vana la croce di Cristo cosicché il mondo può vedere che l’organizzazione ha un corpo pastorale fatto di persone con un livello di studi medio-alto e quindi mostri rispetto verso di essa; uno che non sia in grado di ammaestrare i santi in ogni sapienza, ma che gli trasmetta quei sermoni preconfezionati dall’organizzazione su Bartimeo, Zaccheo, la donna samaritana, e così via; uno che non parli loro di giustizia, di temperanza e del giudizio a venire, ma che gli faccia sentire sempre cose piacevoli; uno che predichi che Dio ama tutti gli operatori di iniquità e non castiga nessuno; ignorante e quindi che si limiti a conoscere quelle quattro nozioni che gli hanno impartito alla scuola biblica e non si avventuri ad approfondire le dottrine della Bibbia; uno che ‘non faccia polemica’ e quindi che eviti di confutare pubblicamente con ogni franchezza in particolare le eresie dei Cattolici Romani e dei Massoni, ma a seguire anche le false dottrine delle altre organizzazioni religiose, per evitare persecuzioni e offese quali ‘siete una setta’ e per evitare di avere noie da cardinali, vescovi e le potenti logge massoniche con i quali invece bisogna segretamente allearsi per portare avanti l’opera di Dio; assertore dell’utilità di mettersi con gli infedeli per portare avanti l’opera di Dio, quindi non importa se con politici, massoni, prelati papisti, mafiosi, le alleanze vanno fatte per amore dell’Opera; disposto a lottare per la libertà religiosa di tutti, e quindi disposto ad aiutare i nemici di Dio a diffondere le loro eresie di perdizione.
Molti pastori hanno queste caratteristiche: sono quindi dei ministri di Satana.
Mi rivolgo dunque a quelle Chiese che hanno come pastori questi impostori: è ora che vi svegliate e prendiate questi impostori e li cacciate via dal vostro mezzo, ed uscite da queste denominazioni colluse con la Massoneria e la Chiesa Cattolica Romana, per dissodarvi un campo nuovo, dove potere camminare nella purità e nella semplicità rispetto a Cristo.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/08/02/un-pastore-secondo-il-cuore-di-satana/

L’Alleanza Evangelica Italiana collabora con il diavolo: ecco in che maniera

aei-liberta-religiosaNota bene: in Italia la cosiddetta libertà religiosa viene proclamata anche dalla Federazione delle Chiese Evangeliche, dalla Federazione delle Chiese Pentecostali, dalle Assemblee di Dio in Italia, ed altre organizzazioni e denominazioni evangeliche, per cui il discorso che faccio sull’AEI vale anche per tutti gli altri che parlano e ragionano come quelli dell’AEI.

 

 

L’Alleanza evangelica italiana (AEI) è un organismo di cooperazione interprotestante italiano. Costituita a Firenze nel 1974, dal 1990 l’AEI ha sede legale a Roma. E’ la diramazione italiana dell’Alleanza evangelica mondiale (WEA), sorta in Inghilterra nel 1846 e che oggi rappresenta oltre 600 milioni di Cristiani Evangelici in tutto il mondo.
Il comitato esecutivo AEI è composto dal presidente Giacomo Ciccone, dal vice-presidente Leonardo De Chirico, e dal segretario generale Gian Piero Marussich. I consiglieri invece sono: per il Distretto Nord-Est, Giuseppe Rizza; per il Distretto Centro-Nord, Ettore Calanchi; per il Distretto Centro e Sardegna, Stefano Bogliolo; per il Distretto Sud-Est, Samuele Russo; per il Distretto Sicilia, Vincenzo Paci.

L’AEI lotta a favore della cosiddetta libertà religiosa per tutti in quanto sostiene che ‘siamo stati creati ad immagine di Dio e pertanto portatori di una libertà originaria’, e che questa lotta sia benefica per la società perchè ‘dove c’è libertà religiosa ci sono le condizioni per un pieno ed equo sviluppo’ (http://www.alleanzaevangelica.org/libertaReligiosa/liberta_religiosa_per_tutti.html). Questo diritto di libertà religiosa – secondo l’AEI – ‘non è solo il diritto di credere alla religione che si preferisce (o di non credere ad alcuna religione). Non è neanche solo il diritto di professare la propria religione, cioè di svolgere tutte le attività lecite attraverso le quali manifestare le proprie convinzioni, ma è anche e soprattutto il diritto di avere pari opportunità per professare la propria religione, cioè di ricevere dallo Stato lo stesso trattamento riservato ai fedeli di tutte le altre religioni’ (http://www.alleanzaevangelica.org/libertaReligiosa/sentenzaCE.html). E quindi l’AEI afferma che la lotta per la libertà religiosa ‘deve vedere gli evangelici sempre in prima fila per il bene di tutti. La libertà religiosa, infatti, è la madre di ogni libertà’ (http://www.alleanzaevangelica.org/libertaReligiosa/liberta_religiosa_per_tutti.html).

Anni fa infatti l’AEI realizzò uno spot in cui Nicola Legrottaglie, calciatore ora in forza al Catania che da anni afferma di essersi convertito a Cristo, diceva:
‘Non aspettare di essere famoso per far sentire la tua voce. Vivi con coraggio la tua identità evangelica, e lotta per la libertà di tutti!’

Giuseppe Rizza, esponente dell’AEI, durante la manifestazione tenutasi a Roma il 19 giugno 2010 in occasione della Marcia per la libertà religiosa e del pluralismo dell’informazione, ha affermato in Piazza Campo dei Fiori: ‘Io posso non essere d’accordo con quello che tu pensi, posso non essere d’accordo con quello che tu credi, però lotterò fino alla fine perchè tu abbia il diritto di dire quello che tu credi e quello che tu pensi’ (http://www.alleanzaevangelica.org/libertaReligiosa/liberta_religiosa_per_tutti.html – video 2, min 25:50).

Inoltre, ‘l’Alleanza Evangelica Italiana esprime il proprio completo appoggio alla “Campagna mondiale per la libertà religiosa e il diritto di credere” lanciata da Porte Aperte, affinché l’assemblea dell’ONU non approvi la risoluzione sulla diffamazione delle religioni. La risoluzione è sostenuta dall’Organization of Islamic Conference (OIC) e, in nome della tolleranza religiosa, condanna ogni critica verso la religione, fornendo in pratica copertura a diversi e pesanti abusi nei confronti delle libertà fondamentali dell’uomo, limitando la libertà di (cambiare) religione e di libera espressione del proprio pensiero. L’AEI invita gli organismi e le rappresentanze nazionali ed europee ad esercitare il loro peso politico per impedire che a livello globale si commetta una grave ingiustizia e incoraggia i cristiani, le agenzie e le chiese a mobilitarsi per sostenere il diritto alla libertà religiosa e il diritto di credere in Italia e ovunque nel mondo’ (http://www.alleanzaevangelica.org/libertaReligiosa/campagna_mondiale_liberta_religiosa.html).
Voglio farvi notare che ‘la libertà di (cambiare) religione’ di cui si parla in questo comunicato, è anche la libertà di un Cristiano di diventare per esempio un Mussulmano, il che significa che l’AEI sostiene che un Cristiano ha il diritto o la libertà di diventare un apostata perchè se uno diventa un Mussulmano abbandona la fede in Gesù Cristo. Nel Manifesto Evangelico del 2008 infatti si legge: ‘Ancora una volta noi siamo per uno spazio pubblico civile e un fattivo rispetto dei diritti di tutti , anche di coloro con cui siamo in disaccordo. Contrariamente a certi leader religiosi medievali e a certi atei contemporanei, secondo cui l’errore non ha diritti, noi rispettiamo il diritto di sbagliare’ (pag. 10 – http://www.alleanzaevangelica.org/attualita/ManifestoEvangelico08%5B1%5D.pdf).

L’AEI dunque in tema di libertà religiosa parla esattamente come la Massoneria, d’altronde l’Alleanza Evangelica Mondiale nacque nel 1846 al quartiere generale della Gran Loggia Unita d’Inghilterra, cioè presso la Freemason Hall di Londra, che è un tempio massonico – il che viene confermato sul sito della WEA – cosa questa che nel 1884 in Italia i Metodisti Episcopaliani, che erano fortemente legati alla Massoneria, facevano conoscere alle Chiese Protestanti in Italia tramite il loro giornale «La Fiaccola» per affermare che ‘il legame tra evangelismo e massoneria non [era] fenomeno solo italiano’ («La Fiaccola», n. 49, 1884, in Marco Novarino ‘Massoneria e Protestantesimo’, in Gian Mario Cazzaniga, Storia d’Italia, Annali, 21, La Massoneria, pag. 279); ed oltre a ciò, uno – anzi secondo alcuni il principale – dei suoi fondatori (Donald Fraser, Thomas Chalmers, pag. 149), vale a dire il teologo scozzese Thomas Chalmers (1780-1847 – fondatore e capo della Chiesa Libera di Scozia sorta nel 1843, nonchè ‘padre’ della ‘gap-theory’), era un massone (William R. Denslow, 10,000 Famous Freemasons from A to J Part One, pag. 196).
Questa libertà infatti è uno dei principi fondamentali della Massoneria a cui i Massoni tengono molto. Sul sito di una loggia massonica in uno scritto dal titolo ‘La Libertà nella Massoneria’ si legge infatti: ‘La Libertà, nel senso profano del termine, è quella che uno Stato illuminato, con le proprie leggi, assicura ai propri cittadini, consentendo di esprimere diverse opinioni politiche, filosofiche, religiose; uno Stato cioè che non impone una sua ideologia, ma anzi garantisce il libero esercizio della libertà di parola, di coscienza, di religione’ (http://www.loggiaguerrazzi665.it/). E per questa libertà i massoni sono chiamati a combattere, in quanto in Morals and Dogma il massone Albert Pike afferma rivolgendosi ai massoni del 32°: ‘Vi hanno insegnato a superare la paura della morte, a dedicarvi alla grande causa della libertà civile e religiosa …’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione Italiana, Bastogi Editrice Italiana, Foggia 2011, Vol. 3, pag. 285 – 32° Sublimi Principi del Real Segreto), e invece rivolgendosi ai massoni del 4° afferma: ‘A editti che vengano dal solo arbitrio di una forza dispotica, contrastanti con la legge di Dio o con la grande legge della natura, contrari ai veri diritti dell’uomo, che violano il diritto del libero pensiero, libera parola, libere coscienze, è legittimo ribellarsi, e sforzarsi di abrogarli’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione italiana, Bastogi Editrice Italiana, Foggia 2011, Vol. 2, pag. 8 – 4° Maestro Segreto). E tutto ciò perchè nella Massoneria ‘il Massone identifica l’onore della nazione con il proprio onore. Nessun onore più bello si può dare alla propria nazione del difenderla da tutti i nemici delle libertà civili e religiose’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione Italiana, Vol. 2, pag. 81 – 9° Cavaliere Eletto dei Nove). Peraltro, le suddette parole di Giuseppe Rizza non sono altro che le parole del massone Voltaire di cui vanno fierissimi i massoni, infatti su un sito massonico leggiamo: ‘Essere laici significa per la massoneria credere nella libertà di tutti e di ognuno, per un contenitore che rispetti tutte le convinzioni, secondo l’immortale pensiero di Voltaire «non condivido le tue idee, ma difenderò sino alla morte il diritto di propagandarle»’ (http://loggiaheredom1224.blogspot.it/2009/10/eppur-la-nostra-idea-e-solo-idea-damor.html).

La lotta dell’Alleanza Evangelica a favore della cosiddetta libertà religiosa di tutti, non è altro che una lotta a favore dei peccatori e della diffusione delle dottrine di demoni in questa nazione. Le ragioni? Perchè l’AEI affermando che gli uomini sono totalmente liberi, in quanto hanno il libero arbitrio, afferma che gli uomini sono liberi di credere alla menzogna e di agire di conseguenza in base al loro credo, ossia hanno il diritto di credere e diffondere dottrine di demoni, come anche il diritto di fare ciò che è male agli occhi di Dio. Certo, perchè il discorso sulla libertà religiosa che fa l’AEI riguarda anche le sette (come i Testimoni di Geova e i Mormoni), e coloro che professano la religione Induista, quella Buddista, e quella Mussulmana. In altre parole, queste Chiese ritengono che anche costoro sono liberi di credere quello che vogliono e quindi anche di diffondere quello che vogliono.
Come abbiamo visto, questa libertà l’AEI dice che proviene da Dio, in quanto è Dio che ha reso l’uomo libero, dandogli il libero arbitrio. Ma le cose non stanno così come dice l’AEI, perchè gli uomini (dalla caduta di Adamo in avanti) non sono affatto liberi, ma semmai schiavi di Satana che li ha sedotti a credere ogni sorta di menzogne e fargli operare ogni sorta di iniquità, per portarli all’inferno. L’apostolo Paolo infatti chiama il diavolo “quello spirito che opera al presente negli uomini ribelli” (Efesini 2:2). E chi sono gli uomini ribelli se non quelli che amano la menzogna anzichè la verità, e operano il male anzichè il bene, e che quindi diffondono la menzogna? E quindi se costoro sono sotto la potestà di Satana, il padre della menzogna, l’ira di Dio è sopra di essi, e difatti essi sono chiamati dalla Scrittura “figliuoli d’ira” (Efesini 2:3). E perchè l’ira di Dio è su di essi? Perchè Dio odia la menzogna, e la lingua bugiarda, come anche il falso testimone che proferisce menzogne (Proverbi 6:16-19), e tutti gli operatori di iniquità (Salmo 5:5).
Come deve agire dunque la Chiesa di Dio nei riguardi degli uomini ribelli? Deve loro annunziare quello che essi devono fare per essere liberati dalla potestà di Satana e quindi essere riconciliati con Dio. E il messaggio da annunciare loro è “Ravvedetevi e credete all’Evangelo”, lo stesso messaggio quindi che annunciava Gesù ai Giudei, e Paolo ai Gentili. Ma se la Chiesa comincia a dire: ‘Anche quelli che la pensano diversamente da noi, hanno il diritto di credere e professare quello che vogliono’, come potrà pensare di annunziare agli uomini il messaggio che vuole Dio, che ha lo scopo di fargli abbandonare il loro credo e operato sbagliato? Non potrà farlo, e difatti non lo fa, perchè la predicazione del ravvedimento, della conversione dagli idoli muti a Dio, è sparita dai messaggi di evangelizzazione dell’AEI, perchè anche loro ci tengono a dire che non vogliono far cambiare religione o opinione alle persone in quanto rispettano la loro libertà e non vogliono persuaderli del contrario! E siccome che il comando ‘Ravvedetevi’ implica che tu hai ragione e il tuo uditorio ha torto, allora bisogna farlo sparire in nome del rispetto per il libero arbitrio dell’uomo! Vedete dunque come il discorso sulla libertà religiosa che fa l’AEI ha avuto delle nefaste conseguenze anche sulla predicazione ai peccatori. Ecco perchè il messaggio di evangelizzazione che portano quelli dell’AEI non è affatto quello biblico, in quanto è stato adattato alle loro esigenze, altrimenti non potrebbero fare tutti questi discorsi in favore della libertà religiosa che si basano sul cosiddetto libero arbitrio. Si contraddirebbero in maniera evidente, perchè il loro discorso sul libero arbitrio e quindi sulla libertà religiosa andrebbe a cozzare con il messaggio rivolto agli uomini. Comprendete fratelli? Si limitano quindi a dire agli uomini ‘accettate Gesù nel vostro cuore’ ‘aprite il vostro cuore a Gesù’, ‘venite a Gesù’, e tutto questo per dover coprire la loro ribellione, perchè comunque sia devono dare l’apparenza che stanno evangelizzando.
Capite quindi che ci troviamo davanti ad un discorso molto più ampio di quello che sembra, perchè parlando in questa maniera l’AEI non fa altro che aiutare ed approvare quello che i figli del diavolo insegnano e diffondono a loro perdizione. Ci si trova davanti ad una partecipazione dell’AEI ad una opera infruttuosa delle tenebre, perchè dà in un certo modo sostegno a tutti coloro che predicano menzogne, e quindi che contrastano la verità che è in Cristo Gesù. Ci troviamo davanti ad una opera del diavolo mascherata da opera buona a favore dei deboli e delle minoranze.
Fratelli, domandatevi: ‘Ma Gesù era a favore della libertà religiosa e della libertà di pensiero per tutti gli uomini?’ Questa è una domanda che forse a taluni di voi sembrerà strana o magari anche ridicola, ma vi posso assicurare che non è nè strana e neppure ridicola, perchè se crediamo che Gesù Cristo è il Figlio di Dio questa domanda dobbiamo porcela per capire se quello che fanno quelli dell’AEI e tanti altri Evangelici sia giusto nel cospetto di Dio.
Ora, per rispondere a questa domanda è indispensabile considerare da vicino la predicazione di Gesù Cristo.
Che cosa predicava Gesù agli uomini? Ce lo dice Marco in questa maniera: “Dopo che Giovanni fu messo in prigione, Gesù si recò in Galilea, predicando l’evangelo di Dio e dicendo: Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; ravvedetevi e credete all’evangelo” (Marco 1:14-15).
Dunque la predicazione di Gesù ai peccatori comprendeva due ordini, ossia ‘ravvedetevi’ e ‘credete nel vangelo’. E se Lui ordinava agli uomini di fare queste due cose, pena la perdizione eterna, è evidente che non considerava gli uomini liberi di professare il credo che volevano o la religione che essi volevano, perchè lui ordinava agli uomini di cambiare modo di pensare, in quanto la parola greca per ravvedersi significa letteralmente ‘cambiare mente o idea’.
Ma riflettete: se Gesù ordinava agli uomini di cambiare idea o mente, non credete che egli non li considerava liberi di professare la religione e il pensiero che essi volevano, ma obbligati a credere invece a quello che voleva Dio, cioè al Vangelo?
Ma se questo non vi bastasse, ci sono anche le parole che Gesù rivolse in particolare agli scribi e Farisei, che come voi sapete professavano la religione ebraica, ma con la loro tradizione avevano annullato la Parola di Dio e quindi professavano delle dottrine estranee alla legge di Mosè, che era la legge che Dio aveva donato al popolo di Israele affinchè la osservasse. Che cosa disse Gesù agli scribi e ai Farisei in merito alle idee o dottrine che professavano, insegnandole? Lo troviamo scritto sempre in Marco: “Ma Gesù disse loro: Ben profetò Isaia di voi ipocriti, com’è scritto: Questo popolo mi onora con le labbra, ma il cuor loro è lontano da me. Ma invano mi rendono il loro culto insegnando dottrine che son precetti d’uomini. Voi, lasciato il comandamento di Dio, state attaccati alla tradizione degli uomini. E diceva loro ancora: Come ben sapete annullare il comandamento di Dio per osservare la tradizione vostra! Mosè infatti ha detto: Onora tuo padre e tua madre; e: Chi maledice padre o madre sia punito di morte; voi, invece, se uno dice a suo padre od a sua madre: Quello con cui potrei assisterti è Corban, (vale a dire, offerta a Dio), non gli permettete più di far cosa alcuna a pro di suo padre o di sua madre; annullando così la parola di Dio con la tradizione che voi vi siete tramandata. E di cose consimili ne fate tante!” (Marco 7:6-13). Ma vi paiono queste le parole di un uomo che sosteneva la libertà di religione e di pensiero per tutti gli uomini? A noi non sembrano parole di un uomo che aveva tali idee, perchè Gesù giudicò e riprese severamente degli uomini perchè insegnavano cose contrarie alla Parola di Dio, e quindi ciò significa che Lui non ammetteva che degli uomini fossero liberi di professare precetti che annullavano la parola dell’Iddio e Padre suo; in altre parole, secondo Gesù gli scribi e i Farisei non avevano il diritto di insegnare dottrine che contrastavano la Parola di Dio.
Ed oltre a Gesù si potrebbe prendere ad esempio anche Giovanni il Battista che predicava anche lui il ravvedimento alle moltitudini, e quindi gli comandava anche lui di ‘cambiare mente’ cioè di abbandonare i pensieri iniqui che albergavano nella loro mente, e di credere in Colui che veniva dietro a Lui, cioè Gesù Cristo. E poi ricordatevi che Giovanni Battista disse ad Erode che si era preso la moglie di suo fratello: “E’ non t’è lecito di tener la moglie di tuo fratello!” (Marco 6:18). Ma vi paiono queste parole di un uomo che era a favore della libertà religiosa e di pensiero per tutti gli uomini? Oggi, da quelli dell’AEI, Giovanni il Battista se fosse ancora in vita, sarebbe dichiarato a tutti gli effetti un fanatico e bigotto legalista, che non si faceva gli affari suoi ma trovava il tempo di giudicare e di criticare gli altri per cose che non lo riguardavano affatto, andando così ad attaccare la libertà personale di altri uomini, che erano liberi di vivere e pensare come meglio credevano nella loro vita, essendo stati dotati anche loro da Dio ‘della grazia del libero arbitrio’!
E il tempo verrebbe meno se dovessi parlare degli apostoli del Signore, come anche dei profeti, che nel parlare da parte di Dio ordinarono agli uomini, con l’autorità datagli da Dio, di abbandonare pensieri e opere malvage, per convertirsi al solo vero Dio.
Quindi, fratelli, questo discorso sulla libertà religiosa che apparentemente sembra innocuo e pure giusto, nasconde una trappola del diavolo, una sua macchinazione, che ha come obbiettivo quello di non far predicare agli uomini quello che Dio comanda che sia loro predicato e nella maniera che Lui vuole cioè con potenza e gran pienezza di convinzione. Ecco perchè dai pulpiti della maggior parte dei pulpiti evangelici non si sente predicare quello che Dio vuole che gli uomini sappiano.
E poi lo ripeto ancora una volta, il discorso a favore della libertà religiosa e di pensiero, è un discorso a favore del diavolo, che è bugiardo e padre della menzogna, perchè ammette che gli uomini siano liberi di professare qualsiasi credo, quindi anche il credo dei Massoni che dice che Gesù è sullo stesso livello di Buddha e di Maometto e che Dio lo si può chiamare in tante maniere ma sempre dio rimane e che la Bibbia è un libro come tanti altri libri cosiddetti sacri quali il Corano; il credo dei Mormoni che per esempio dice che Gesù si sposò con delle donne e che dopo morti l’uomo ha la possibilità di essere salvato; il credo dei Testimoni di Geova che per esempio nega la divinità di Cristo e la vita dopo la morte; e persino l’ateismo, l’agnosticismo, lo gnosticismo, il deismo, l’edonismo e il satanismo, perchè appunto si ritiene l’uomo avente questo diritto. Ma come può Dio avere concesso questo diritto all’uomo, se gli comanda di ravvedersi e di credere al Vangelo? Ce lo spieghino quelli dell’AEI.
Ed aggiungo, come si fa ad affermare che l’uomo ha il diritto di sbagliare o il diritto all’errore? Ossia, come si fa ad affermare che un Cristiano ha il diritto di gettare via la propria fede e di mettersi a credere per esempio nell’Islam? Questo significa difendere il diritto all’apostasia, che è un diritto inesistente, o meglio esiste solo nella mente del diavolo e in quella dei suoi figliuoli, perchè la Scrittura ordina ad ogni seguace di Cristo di non tirarsi indietro, secondo che è scritto: “Guardate, fratelli, che talora non si trovi in alcuno di voi un malvagio cuore incredulo, che vi porti a ritrarvi dall’Iddio vivente; ma esortatevi gli uni gli altri tutti i giorni, finché si può dire: ‘Oggi’, onde nessuno di voi sia indurato per inganno del peccato; poiché siam diventati partecipi di Cristo, a condizione che riteniam ferma sino alla fine la fiducia che avevamo da principio, mentre ci vien detto: Oggi, se udite la sua voce, non indurate i vostri cuori, come nel dì della provocazione” (Ebrei 3:12-15). Secondo l’AEI, invece, un Cristiano ha il diritto di indurare il proprio cuore e di tirarsi indietro, in sostanza ha il diritto di apostatare dalla fede! Quando invece la legge afferma: “Quando sorgerà in mezzo a te un profeta o un sognatore che ti mostri un segno o un prodigio, e il segno o il prodigio di cui t’avrà parlato succeda, ed egli ti dica: ‘Andiamo dietro a dèi stranieri (che tu non hai mai conosciuto) e ad essi serviamo’, tu non darai retta alle parole di quel profeta o di quel sognatore; perché l’Eterno, il vostro Dio, vi mette alla prova per sapere se amate l’Eterno, il vostro Dio, con tutto il vostro cuore e con tutta l’anima vostra. Seguirete l’Eterno, l’Iddio vostro, temerete lui, osserverete i suoi comandamenti, ubbidirete alla sua voce, a lui servirete e vi terrete stretti” (Deuteronomio 13:1-4). Quindi un credente ha il DOVERE di osservare i comandamenti di Dio e di ubbidire alla Sua voce, e non ha il DIRITTO di violare i Suoi comandamenti e di non ascoltare la Sua voce!
Che modo di parlare diabolico hanno quelli dell’AEI! Sicuramente il diavolo è estremamente contento per queste parole diaboliche dell’AEI, che contribuiranno a suo tempo a produrre l’apostasia che deve venire prima del ritorno di Gesù Cristo.
E poi, dico ancora, come si fa a lottare per il diritto di coloro che vogliono sedurre i cristiani e farli apostatare? Già, perchè quando Giuseppe Rizza afferma: ‘Io posso non essere d’accordo con quello che tu pensi, posso non essere d’accordo con quello che tu credi, però lotterò fino alla fine perchè tu abbia il diritto di dire quello che tu credi e quello che tu pensi’, vuol dire proprio questo, cioè che anche se lui non è d’accordo con coloro che hanno idee la cui accettazione significa apostatare dalla fede, lotterà fino alla fine affinché essi possano proclamare quelle diaboliche idee!! Ma cosa diceva la legge a riguardo di coloro che predicavano l’apostasia? “E quel profeta o quel sognatore sarà messo a morte, perché avrà predicato l’apostasia dall’Eterno, dal vostro Dio, che vi ha tratti dal paese d’Egitto e vi ha redenti dalla casa di schiavitù, per spingerti fuori della via per la quale l’Eterno, il tuo Dio, t’ha ordinato di camminare. Così toglierai il male di mezzo a te” (Deuteronomio 13:5). Esortò forse Dio gli Israeliti a difendere il diritto di coloro che incitavano gli Israeliti ad abbandonare Dio per volgersi agli dèi stranieri, perchè essi avevano questo diritto? Non mi pare proprio, perchè ordinò loro di togliere di mezzo coloro che predicavano l’apostasia dall’Eterno.
E cosa disse l’apostolo Paolo a proposito di coloro che insegnavano false dottrine? “… vi son molti ribelli, cianciatori e seduttori di menti, specialmente fra quelli della circoncisione, ai quali bisogna turar la bocca; uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno” (Tito 1:10-11). Esortò forse Paolo i santi a lottare a favore del diritto dei cianciatori e dei seduttori di menti affinchè essi potessero diffondere le loro false dottrine? Non mi pare proprio, perchè Paolo ha detto che a costoro BISOGNA TURARE LA BOCCA.
Quindi, con questo modo di parlare e di agire l’AEI manifesta quello che è realmente, nemica della verità e amante delle menzogne. Ah sì, a parole fanno professione di amare la verità, ma nella pratica che cosa fanno per difenderla? Niente, proprio niente, anzi partecipando alla lotta per la libertà religiosa in Italia aiutano a diffondere le menzogne del diavolo e loro si guardano bene dal confutarle e condannarle pubblicamente.
Nell’AEI dunque è entrato il diavolo, lo hanno fatto entrare dalla porta principale come si suol dire e lo difendono pure, e difatti sono numerosi nell’AEI gli ‘avvocati del diavolo’.
Questi hanno sempre una ‘buona parola’ per quelli che professano e diffondono false dottrine, ma anche sempre delle accuse verso coloro che invece riprovano le false dottrine e mettono in guardia i santi da coloro che le diffondono e riprendono severamente quei fratelli che le hanno accettate. Ed una di queste accuse sapete qual è? Che essi fanno l’opera del diavolo, perché accusano i fratelli!
Come si spiega tutto ciò? Perché avviene tutto ciò? Perché in costoro non c’è amore per la verità come neppure per la giustizia e la santità, e quindi non c’è interesse a difendere né la verità, né la giustizia e neppure la santità.
E quindi è evidente che l’opera del diavolo la fanno proprio questi ‘avvocati del diavolo’, i quali dimenticano volontariamente che il fatto che vengano mosse delle accuse a dei fratelli in sé stesso non significa necessariamente parlare da parte del diavolo, perché anche gli apostoli mossero delle accuse contro dei fratelli, ma non per questo diciamo che essi fecero l’opera del diavolo. E questo perché quelle loro accuse erano mosse nel contesto di riprensioni che i fratelli meritavano, e che avevano come scopo quello di indurre al ravvedimento coloro che avevano accettato false dottrine o che si comportavano disordinatamente.
E’ dunque una cosa storta e perversa nel cospetto di Dio questa lotta che l’Alleanza Evangelica promuove. D’altronde, l’AEI professa il Vangelo sociale, che afferma che i Cristiani devono mettersi a fare lotte sociali e politiche con l’obbiettivo di far trionfare nel mondo i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza che sono peraltro i principi massonici, e il Vangelo sociale essendo un messaggio storto e perverso produce ragionamenti e comportamenti storti e perversi.
Noi discepoli di Cristo non siamo chiamati a lottare affinché ci sia la libertà religiosa – nel caso essa non ci sia ancora – o per salvaguardarla – se essa esiste di già, perché tale lotta non rientra nella buona guerra che siamo chiamati a combattere. Una tale lotta fa parte della lotta in cui sono impegnati i Massoni, ma non i Cristiani che invece devono guerreggiare affinchè i peccatori ottengano la libertà dal peccato (e per fare questo devono predicargli il ravvedimento oltre che la remissione dei peccati mediante la fede in Cristo) e affinchè quei Cristiani che sono diventati schiavi di quei numerosi falsi ministri del Vangelo che si trovano in mezzo alle Chiese siano liberati dal laccio di questi uccellatori (e per fare questo devono non solo pregare ma anche opporsi ai falsi insegnamenti di costoro confutandoli pubblicamente): questa è la buona guerra che superfluo che vi dica i Massoni aborriscono perchè la considerano una manifestazione di fanatismo e intolleranza verso gli uomini.
Uscite e separatevi dall’AEI, dunque, fratelli, perchè questi dell’AEI stanno collaborando con il diavolo, il padre della menzogna, aiutandolo a diffondere le eresie nel mondo. Ve lo ripeto, fratelli: ‘Uscitevene e separatevene’.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/07/01/lalleanza-evangelica-italiana-collabora-con-il-diavolo-ecco-in-che-maniera/

 

 

————————————-

rompere_il_silenzio_02Certo, tutto si spiega perfettamente, la predicazione del ravvedimento alle genti è ‘scomparsa’ da parte di taluni, perchè vige ‘il massimo rispetto per le altre religioni’ e ‘la libertà dell’individuo nel credere quello che vuole’. Questo evidentemente perchè costoro dicono di credere nella Parola di Dio, ma in realtà non ci ‘credono’; perchè se ci credessero, se credessero che l’inferno sia REALE e non un invenzione, se credessero che Gesù sia l’UNICA VIA, l’UNICO NOME dato agli uomini per il quale è possibile essere salvati, esorterebbero le genti del continuo a salvarsi da questa perversa generazione. Griderebbero, e invece ‘tutto tace’; ormai in molte chiese vige il motto ‘vivi e lascia vivere’. Questo è tutto l’amore che hanno per la Parola di Dio e per il loro prossimo; si, la Parola di Dio la fanno apparire come una delle tante verità, come una delle tante strade che portano al cielo, e il loro prossimo lo lasciano in balia del diavolo, e non solo, lo aiutano addirittura affinchè lo Stato gli dia la possibilità di poter condividere e divulgare maggiormente le proprie eresie di perdizione. Che tristezza constatare tutto ciò. Ma dov’è finito il discernimento della Chiesa del Signore? Oh Chiesa, svegliati da questo torpore, prima che sia troppo tardi! Ungiti gli occhi con del collirio, imbianca le tue vesti nel sangue dell’Agnello, e predica con forza che SOLO in Cristo vi è salvezza! Grida alle persone che non sono affatto ‘libere’ ma bensì ‘schiave’, si schiave del peccato; e che Dio ha provveduto loro un Salvatore, un Liberatore, nella persona di Cristo Gesù. E a quanti ti diranno che questa sia presunzione, tu di loro che questa è la verità, e che Iddio ha mandato la Chiesa a portare questo messaggio. Il mandato della Massoneria circa la cosiddetta ‘libertà religiosa’, riguarda i massoni, e dunque lasciatelo a loro.

A chi dunque volete ubbidire : alla massoneria o a Cristo?

Salvatore Larizza

 

Pastori corrotti

Una delle piaghe che affliggeva il popolo di Dio ai giorni dei profeti era la presenza di pastori corrotti, che oltre a corrompersi loro stessi facevano corrompere il popolo. E difatti Dio tante volte tramite i suoi profeti denunciò il loro comportamento malvagio e i gravi danni che essi causavano al suo popolo. Qui di seguito ecco alcune delle parole che l’Iddio Onnipotente pronunciò contro di loro.

Dio disse tramite il profeta Isaia: “I guardiani d’Israele son tutti ciechi, senza intelligenza; son tutti de’ cani muti, incapaci d’abbaiare; sognano, stanno sdraiati, amano sonnecchiare. Son cani ingordi, che non sanno cosa sia l’esser satolli; son dei pastori che non capiscono nulla; son tutti vòlti alla loro propria via, ognuno mira al proprio interesse, dal primo all’ultimo. ‘Venite’, dicono, ‘io andrò a cercare del vino, e c’inebrieremo di bevande forti! E il giorno di domani sarà come questo, anzi sarà più grandioso ancora!’ ….. O popolo mio, quei che ti guidano ti sviano, e distruggono il sentiero per cui devi passare!” (Isaia 56:10-12; 3:12), e tramite Geremia: “Molti pastori guastano la mia vigna, calpestano la porzione che m’è toccata, riducono la mia deliziosa porzione in un deserto desolato …. i pastori mi sono stati infedeli …. Le mie tende son guaste, e tutto il mio cordame è rotto; i miei figliuoli sono andati lungi da me e non sono più; non v’è più alcuno che stenda la mia tenda, che drizzi i miei padiglioni. Perché i pastori sono stati stupidi, e non hanno cercato l’Eterno; perciò non hanno prosperato, e tutto il loro gregge è stato disperso. …. Il mio popolo era un gregge di pecore smarrite; i loro pastori le aveano sviate, sui monti dell’infedeltà;” (Geremia 12:10; 2:8; 10:20-21; 50:6), e tramite Ezechiele: “Guai ai pastori d’Israele, che non han fatto se non pascer se stessi! Non è forse il gregge quello che i pastori debbon pascere? Voi mangiate il latte, vi vestite della lana, ammazzate ciò ch’è ingrassato, ma non pascete il gregge. Voi non avete fortificato le pecore deboli, non avete guarito la malata, non avete fasciato quella ch’era ferita, non avete ricondotto la smarrita, non avete cercato la perduta, ma avete dominato su loro con violenza e con asprezza. Ed esse, per mancanza di pastore, si sono disperse, son diventate pasto a tutte le fiere dei campi, e si sono disperse. Le mie pecore vanno errando per tutti i monti e per ogni alto colle; le mie pecore si disperdono su tutta la faccia del paese, e non v’è alcuno che ne domandi, alcuno che le cerchi!” (Ezechiele 34:2-6)

In questi ultimi termini dei tempi, questa medesima piaga affligge la Chiesa dell’Iddio vivente sparsa sulla faccia della terra, perché tanti conduttori di Chiese Evangeliche si sono corrotti e stanno guastando la vigna di Dio.

Ora vi traccerò brevemente il loro carattere e i loro comportamenti, affinché li possiate riconoscere.

Insegnano tante cose contrarie alla sana dottrina. Alcuni di questi loro falsi insegnamenti: Dio vuole che noi siamo ricchi materialmente (e per ottenere questa prosperità si deve dare la decima e chi non la dà è un ladro); Dio si aspetta da noi che entriamo in politica per metterci a governare sul mondo; la donna può insegnare e quindi può fare il pastore; la donna non si deve velare il capo quando prega o profetizza, e si può vestire come vuole perché ‘Dio guarda al cuore’; ogni tipo di musica va bene per adorare il Signore; ci possiamo divertire come fanno quelli del mondo; Dio non ci punisce e non ci castiga perché è amore; possiamo mangiare il sangue, le cose sacrificate agli idoli, e le cose soffocate; i divorziati possono risposarsi senza per questo commettere adulterio; il battesimo con lo Spirito Santo non è affatto seguito dal parlare in lingue come ai giorni degli apostoli e quindi il parlare in lingue odierno è dal diavolo, e il tempo in cui Dio distribuiva i suoi doni miracolosi è terminato con la morte degli apostoli; chi accusa i pastori di fare delle cose sbagliate o di insegnare delle dottrine false, quand’anche lo dimostrasse, non è da Dio ma da Satana.

Non conoscono le Scritture. Quantunque predicano e citano qualche passo della Scrittura e fanno dei discorsi, non conoscono le Scritture, infatti non conoscono le dottrine della Bibbia, e per capire questo basta prenderli in un momento qualsiasi fuori dal locale di culto per chiedergli di spiegarti una dottrina biblica e vedere come ti rispondono. Quando non ti dicono che non hanno tempo e che se ne parla un’altra volta, ti dicono che non sono cose importanti, o che capirai certe cose più avanti, o ti spiegano le cose al contrario o in maniera distorta, per cui invece di toglierti la confusione dalla mente te l’aumentano.

Non sono attaccati alla Parola di Dio, e difatti non sono capaci di esortare nella sana dottrina e di convincere i contradditori. Ma mascherano questo loro non attaccamento alla Parola con parole come ‘Non voglio fare polemica, io mi limito a parlare di Gesù’ o ‘Io non sono un teologo’ ecc. La realtà è che a costoro la dottrina di Dio non interessa.

I sermoni che portano sono copiati da altri, e loro sono bravi a recitarli dietro il pulpito. Quando riescono da loro stessi ad imbastire dei sermoni non hanno né capo né coda, sono incomprensibili, contorti, e confusi. E questo perché costoro sono nuvole senz’acqua.
Sanno intrattenere le capre: battute, barzellette, e altre cose sconvenienti, sono infatti presenti nei loro aridi discorsi. Hanno un parlare dolce e lusinghevole con il quale adescano le anime instabili.

Quando evangelizzano parlano solo ed esclusivamente dell’amore di Dio, e mai del giudizio a venire sui peccatori che si manifesterà anche facendoli scendere nelle fiamme dell’inferno dopo la morte, e il loro messaggio non è ‘Ravvedetevi e credete al Vangelo’, ma ‘Accettate Gesù e risolverà ogni vostro problema’. Non devono spaventare chi li ascolta, e quindi adottano questo parlare. E poi molti di loro non ci credono neppure all’esistenza del fuoco all’inferno, ecco perché non ne parlano mai.

E oltre a ciò adottano tecniche di evangelizzazione (quali scene teatrali, mimi, pupazzi, ecc.) che nulla hanno a che fare con la Parola di Dio.

Sanno – da qui mi riferisco solo a pastori pentecostali – abilmente suggestionare le persone, inducendole a proferire parole incomprensibili per far credere che hanno ricevuto il battesimo con lo Spirito Santo con l’evidenza del parlare in lingue, come anche a fargli confessare di essere state guarite quando invece sono ancora malate.

Buttano a terra le persone in svariate maniere, volendo far credere in questa maniera che Dio è con loro e che quella è la manifestazione dello Spirito che accompagna la loro predicazione. Oltre a ciò si mettono a ridere e a far ridere in maniera incontrollata, e dicono che quella è la gioia del Signore che sgorga dal loro ventre; ma in effetti si tratta solo della follia che hanno nel cuore.

Fanno profezie false e predicono grandi risvegli.

Dicono che Dio sta facendo una cosa nuova, e questa cosa nuova sarebbe praticamente che Dio sta spingendo i suoi figliuoli a trasgredire certi suoi comandamenti del Nuovo Testamento (il comandamento sul velo per le donne, il comandamento che vieta alla donna di insegnare, il comandamento sull’ornamento esteriore verecondo e modesto della donna, quello che vieta le seconde nozze ai divorziati, ed il comandamento a rinunciare alle mondane concupiscenze, per citarne solo alcuni). La verità è che Satana si sta usando di costoro per fare una cosa vecchia.

Con le loro false profezie promettono benedizioni ai ribelli, e minacciano i timorati di Dio che vengono addirittura chiamati incirconcisi. Una delle loro caratteristiche è di parlare male di coloro che si santificano veramente, che sono oggetto delle loro battute e barzellette; e di parlare invece bene di coloro che si conformano al mondo e con la loro condotta scandalosa sono di intoppo a molti.
Sono amici di gente che non teme Dio, con i quali fanno spesso degli affari. Questi loro amici spesso hanno il titolo di ‘apostoli’, e ‘profeti’, ma sono solo impostori che con le loro menzogne aiutano questi pastori corrotti a farsi rispettare – fino a qui mi riferisco solo a pastori pentecostali.

Introducono nelle Chiese cosiddette danze di adorazione e profetiche con danzatrici sensuali e provocanti, e veri e propri balli di gruppo, come anche scene teatrali, mimi, e pupazzi, ed altre cose sconvenienti, per far divertire e intrattenere. Il loro messaggio è ‘il popolo di Dio deve gioire’, ma in effetti vogliono dire che deve divertirsi.

Non sono un esempio di santità nella loro condotta (assieme alle loro famiglie): sono infatti maneschi, violenti, doppi nel parlare, amanti del denaro infatti stanno continuamente a chiedere denaro usando i pretesti più svariati, hanno un cuore esercitato alla cupidigia che brama impossessarsi dei beni altrui e questo fanno con ogni sorta di frode quando gli si presenta l’occasione, sono ingiusti perché invece di ammonire i disordinati ammoniscono chi riprova il disordine, volgari nel loro linguaggio (ti dicono tranquillamente delle parolacce in privato), dicono male delle dignità, sono amanti del lusso infatti ricercano le cose alte, e dei piaceri della vita infatti si vanno a divertire come i pagani, e c’è anche chi è dato alla fornicazione o a peccati contro natura.

Non sono un esempio di santità perchè non amano la santità nella casa di Dio, e quindi tollerano ogni forma di male: divertimenti, piaceri della vita, giochi d’azzardo, vesti femminili indecenti, musica moderna, scene teatrali, mimi, clowns, pupazzi, parlare volgare, e pressoché ogni peccato, tra cui la fornicazione, l’adulterio, l’omosessualità, l’aborto e così via. E difatti non li sentite mai predicare contro queste cose. Qual’è ragione? Non amano la santità, eppure la Bibbia dice che la santità si addice alla casa di Dio.

Sono superbi e arroganti, e infatti signoreggiano il popolo di Dio. Sono quasi inavvicinabili. Cercano di mantenere una certa distanza tra loro e le pecore. E’ pressoché impossibile essere visitati da loro, anche quando sei malato, e questo perché per loro sei un numero e non una pecora del Signore di cui prendersi cura. Se gli fai una minima osservazione giusta, o li correggi, ti cominciano a disprezzare e mettono tutti contro di te. E naturalmente ti diffamano. Sono persone che non amano la correzione, e questo perché sono degli insensati.

Sono capaci di minacciarti fisicamente, e di metterti le mani addosso all’occorrenza.

Sono ecumenici, alcuni apertamente altri sotto sotto.

Amano e praticano la menzogna. Oggi dicono una cosa, domani un’altra, e se glielo fai notare ti dicono che tu hai capito male. Dicono svariate menzogne per coprire i loro misfatti e i loro affari.

Arrivano a cacciare dalla comunità coloro che si santificano, mentre si tengono stretti i fornicatori, gli adulteri, gli omosessuali, i ladri, i bugiardi, e altri che si comportano in maniera indegna.

“Guai ai pastori che distruggono e disperdono il gregge del mio pascolo! dice l’Eterno” (Geremia 23:1).

Chi ha orecchi da udire oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/07/16/pastori-corrotti/

Gilberto Perri: un uomo da cui ritirarsi immediatamente

Fratelli nel Signore, voglio che sappiate che Gilberto Perri, pastore della Chiesa ‘Gesù Cristo è il Signore’ di Gallico (RC), insegna delle eresie e delle pratiche superstiziose e antiscritturali.

Gilberto Perri infatti

rigetta la dottrina della Trinità, in quanto insegna che il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo non sono Tre persone divine, ma tre nature divine: ‘Dio è uno, ma ha tre nature: spirito, anima e corpo. La Bibbia ci insegna che nella natura trina di Dio e dell’uomo, due nature possono parlare con una. Alleluia. Io posso parlare alla mia anima, il mio spirito e il mio corpo possono parlare alla mia anima. Come Gesù è lo spirito di Gesù, perché Gesù è nato ripieno dello Spirito Santo, parlava al Padre. Così non ci stanno tre dii, e il cristianesimo non è una Trinità di dèi. Perché quando si dice Trinità si indicano tre dii, ma quando si parla di un unico Dio con tre nature diverse si dice che Dio è trino non trinitario, cioè ha tre nature. Sbagliano i cattolici quando dicono che c’è Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo; e sbagliano pure gli Evangelici se dicono questo. Altri s’affaticano a dimostrare che Gesù è Dio, che il Padre è Dio, che lo Spirito Santo è Dio, e c’è una dottrina che dice: sono tre persone uguali e distinte, e io non sono d’accordo perché io un giorno fui fatto a immagine e somiglianza di Dio.’

– insegna che noi abbiamo il potere di Dio di rimettere tutti i peccati al nostro prossimo, e difatti lui ‘rimette’ pubblicamente a tutti i membri della Chiesa tutti i loro peccati (un po’ come fanno i preti ma senza richiedere la confessione dei peccati): ‘Noi pastori abbiamo il compito di perdonare, non di conoscere i peccati. Tu mi vuoi raccontare i tuoi peccati? Non li voglio conoscere. Io voglio solo perdonare. E’ un problema? Ansie, angosce, delusioni,… io perdono i tuoi peccati nel nome di Gesù Cristo. Lui ha detto: ‘Andate e perdonate i peccati’. Gli evangelici hanno detto: ‘Non se pò fà’. Noi cristiani diciamo: ‘Se pò fà’. Allora siete cattolici! Un simo cattolici. Se pò fà, l’ha detto Gesù. ‘Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch’io mando voi. E detto questo, soffiò su di loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo. A chi voi perdonerete i peccati, voi che avete ricevuto lo Spirito Santo, voi a chi perdonerete i peccati, quei peccati saranno perdonati’. Dice,sì, ma quel peccato di adulterio non me lo perdonerà Dio, quel peccato di aborto non me lo perdonerà Dio, quel peccato di omicidio non me lo perdonerà Dio, … ma chiedilo a Dio perché Dio ti perdona e vai da un santo fratello che ha il ministerio e digli: Fratello ho un problema col peccato. Perdonami i peccati. …Ti riconosco un ministerio, perdonami i peccati’.

insegna che la Chiesa ha il comando da parte di Cristo di entrare in politica per ambire a governare città, nazioni e il mondo, per instaurare il Regno di Dio sulla terra, nell’attesa del ritorno di Cristo (e difatti lui è il fondatore del movimento socio-politico PA.C.E): ‘L’evangelo attualmente predicato, si limita alla prima parte, la persona viene liberata dalla condanna eterna, sanata, consolata, le viene data la speranza del futuro, ecc. ma poiché si mette a fuoco solo una terza parte del suo proposito, quando si chiede alla persona di compiere la sua funzione principale di essere luce del mondo e sale della terra, questa manifesta un’incapacità di sopportare questo “peso” e si “affloscia” sotto il gravoso e grande compito. Pertanto, per potere “riempire la terra con l’evangelo”, è necessario ampliare la visione e riconoscere la necessità di influenzare l’uomo e le istituzioni che regolano, influenzano e dettano la sua condotta di vita, il senso dei valori e la ragione di essere, come la scuola, la politica, le arti, i commerci, ecc. Questo richiede che noi capiamo che dal principio Dio desiderava che l’uomo signoreggiasse con Lui, e questo continua ad essere il suo piano, ma il diavolo astutamente ha velato la Chiesa affinché limitasse questo “regnare con Cristo” al futuro, nel cielo, e si occupasse di un solo aspetto dell’evangelo, trascurando le altre due. Il modo più astuto con il quale opera il diavolo, è prendere una verità di Dio, presentandola all’uomo distorta affinché egli la identifichi come diabolica, e così quando viene proposta la verità di Dio, la respinge considerandola mondana e diabolica. Considerare per esempio il sesso, la musica, le arti, sono tutte creazioni di Dio, di conseguenza pure, sante e buone in origine, ma poiché il concetto che predomina su di loro è quello distorto ed adulterato, la Chiesa considera scorretto persino insegnare su queste cose in forma chiara ed aperta, come invece fa con altri argomenti che vengono considerati “spirituali”. Mentre il proposito dell’evangelo del regno è RESTAURARE il valore, il significato ed il motivo di essere tutto questo, l’attuale attitudine della maggioranza della Chiesa è quella di evitare di toccare questi argomenti come se fossero tabù o qualcosa di simile, in questo modo, al posto di capire il disegno di Dio e di godere dei benefici che Egli ha stabilito attraverso di questi, li si contraddice, come nemici, e si segnalano come mali. Lo stesso è successo con le istituzioni di governo, come vedremo nel capitolo seguente, pertanto è necessario ritornare al concetto di governare con Dio, come è stato ed è il Suo piano, su tutte le cose’ (Gilberto Perri, Il regno di Dio ed i cristiani d’Italia, – Versione elettronica in formato doc – pag. 20-21),

insegna e pratica l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana.

insegna e pratica il battesimo per i morti: ‘Voi sapete che a Cettina è morta la mamma …Signore benedici la mamma di nostra sorella. E noi sappiamo, Cettina, che se lei non si è battezzata tu ti puoi battezzare per lei. Dice la Bibbia noi ci possiamo battezzare per i nostri morti. Sarò crocifisso pure per questo che dico, ma siccome è scritto. Del resto il nostro Signore Gesù Cristo è stato crocifisso per quello che ha detto, che era scritto’.

insegna che i morti pregano per i vivi.

insegna che quando ci si deve purificare da qualche contaminazione di carne o di spirito ci si deve immergere in una vasca di acqua calda dove devono essere messe sette gocce di olio nel nome di Gesù Cristo, e dire: ‘Signore, purificami da ogni contaminazione di carne e di spirito’. Mentre quando si vuole essere guariti da qualche malattia o liberati dall’oppressione di demoni bisogna riempire una bacinella d’acqua e metterci sette gocce di olio nel nome di Gesù Cristo e tenere i piedi immersi in essa lodando il Signore per dieci minuti.

insegna che Gesù ritornerà entro il 2013 o il 2018: ‘Io dico che i tempi del ritorno e i tempi della conclusione scattano dall’anno ’73 (1973). Una generazione conta intorno 40-45 anni. Se sommate 73 e 40 andiamo a 113, e 5 possibili in più sono 118. Ovvero entro il 2013 o entro il 2018 il Signore ritorna. Comunque noi siamo nella generazione dove in ogni istante è possibile il ritorno del Signore’.

insegna che dobbiamo prendere a calci in c. …. sia Satana che quelli che non onorano Dio: ‘Satana è un seduttore, piano piano, piano piano, piano piano, piano piano, se non ti può pigliare subito. Non ti molla, tranne che non lo pigli a calci in c….. perché il Signore ha detto: Resistete al diavolo e fuggirà via da voi. Non mettete a rischio la vostra vita, scegliete uno solo a cui credere, e se i vostri padri umani, terreni, e i vostri amici, non onorano Dio pigliate anche quelli a calci in c. …’.

insegna che i propri nemici vanno maledetti e non benedetti.

insegna che si può pregare pure per la partita di calcio.

insegna che se un Cristiano si ammazza andrà lo stesso in cielo.

si definisce ‘Gilberto Cristo’.

pratica l’unzione della bara in occasione dei funerali.

usa un parlare volgare e scurrile anche quando predica (se poi volete vedere come parlano i suoi seguaci e conoscerli meglio andate sul loro blog).

si fa il segno della croce.

Egli è dunque un uomo da cui bisogna ritirarsi. E difatti questo è quello che hanno fatto molti. Purtroppo però non tutti, infatti ci sono ancora parecchi pastori o predicatori evangelici che gli sono amici o collaborano con lui in qualche progetto o lo vanno a visitare e predicano in seno alla comunità di Gallico.

Tra costoro vi segnalo i seguenti:

Lirio Porrello, pastore della Chiesa ‘la Parola della grazia’ di Palermo e presidente del movimento di Chiese che porta lo stesso nome.

Stefano Bogliolo, pastore della Chiesa Evangelica Cristiana di Torre Angela (ROMA), che è l’attuale Presidente degli Incontri Pastorali del Lazio (IPL) – che è una comunione di molte chiese pentecostali libere, fra cui quelle che fanno capo alle Chiese apostoliche e alla Chiesa Evangelica Internazionale.

Ottavio Prato, pastore della Chiesa ‘Gesù Cristo è il Signore’ di Catania. Consigliere effettivo della Federazione delle Chiese Pentecostali.

Filippo Wiles, fondatore dell’opera Gesù Cristo è il Signore, in Catania. Ha predicato svariate volte a Gallico.

Claudio Zappalà, pastore pentecostale della Chiesa Cristiana evangelica di Sonnino (Latina), e fondatore delle seguenti chiese: Chiesa di Aosta (Ao), Chiesa Isola di Ponza (Lt), Chiesa Formia (Lt). E’ dato alla politica anche lui, come anche all’ecumenismo.

Vittorio Fiorese, Direttore della tenda “Cristo è la Risposta 2”. E’ un sociologo delle religioni e recentemente ha scritto un libro su “Le possibilità di un risveglio in Italia”. Il 6 Ottobre 2009 ha predicato a Gallico in seno alla Chiesa presieduta da Perri, e in quella circostanza ebbe a dire: ‘Ringraziamo Dio veramente. Anch’io conosco Gilberto da tanti anni, e ogni volta che torno, sono veramente sorpreso di vedere il peso che lui ha di esprimere l’Evangelo non solo attraverso il ministerio della Parola ma attraverso quelle opere sociali dove veramente Dio gli ha dato un unzione potente e credo che la vostra chiesa, anche nelle diramazioni dell’associazione IPF è veramente un modello di riferimento nella nostra nazione. Che Dio possa alzarvi sempre di più e darvi sapienza’. A proposito dell’attitudine dei credenti che sono sotto la tenda, queste sono alcune parole di uno di loro che in data 5/10/2008 ha fatto visita assieme ad altri della tenda alla Chiesa di Gallico: ‘Grazie dell’invito, e pace a tutti voi. Per noi è sempre una gioia essere presenti nelle varie comunità dei vari territori dove noi mettiamo la tenda. E non lo dico per parola di circostanze, ma perché una realtà di fatto. Io ho sentito molto parlare di questa chiesa, del vostro pastore. Ho sentito molto parlare in bene, però come già è anche stato sottolineato dal pastore, c’è anche la mala lingua. Però noi non siamo chiamati a guardare a questi aspetti, ma siamo chiamati – come diceva giustamente il vostro pastore – a guardare il fine, quello di portare l’Vangelo, il Regno di Dio, a tutte le creature ….’!!!!

Alla luce di ciò dunque, fratelli che in una maniera o nell’altra avete a che fare con questi pastori e predicatori e con gli altri che non ho menzionato che possono essere visti qua http://www.pacetv.it/altri.htm (non escludo però che dagli altri pastori e predicatori da me non menzionati e che sono andati in visita a Gallico possano essercene alcuni che avendo visto che Perri si è sviato si sono ritirati da lui), vi esorto a ritirarvi pure da costoro, perché tramite la loro collaborazione con Perri sono di scandalo a tutti coloro che conoscono gli insegnamenti falsi, le pratiche superstiziose e il linguaggio volgare di Gilberto Perri. Sappiate che tutti coloro che in una maniera o nell’altra collaborano con Perri e gli sono amici non mettono in pratica un importante comando dato dall’apostolo Paolo, che è il seguente: “Or io v’esorto, fratelli, tenete d’occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l’insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro. Poiché quei tali non servono al nostro Signor Gesù Cristo, ma al proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore de’ semplici” (Romani 16:17-18). Non importa quali siano le ragioni che essi adducono per giustificare il loro comportamento, sappiate che essi sono dei ribelli, non mettono in pratica quella che è la volontà di Dio in questi casi, e con la loro condotta – lo ripeto – sono di intoppo a tanti. Ma d’altronde, chi decide di continuare a camminare o collaborare con Perri, dopo avere saputo ciò che lui insegna e fa, non fa che confermare che “come nell’acqua il viso risponde al viso, così il cuor dell’uomo risponde al cuore dell’uomo” (Proverbi 27:19), e difatti i pastori summenzionati condividono con Perri la ‘teologia del dominio’, e alcuni di essi pure lo spirito ecumenico, e forse anche altre cose (di cui però non sono a conoscenza).

La grazia del Signore Gesù Cristo sia con coloro che lo amano con purità incorrotta.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/14/gilberto-perri-un-uomo-da-cui-ritirarsi-immediatamente/

Il pastore Cesar Castellanos esorta i santi a darsi alla politica

Cesar Castellanos, il pastore evangelico Colombiano che ha dato origine alla falsa dottrina del G12, durante questa predicazione esorta esplicitamente i santi a organizzarsi politicamente, e a operare nella politica. Lo dice molto chiaramente, e cita dei passi nel libro di Zaccaria che secondo lui dicono che la Chiesa deve darsi alla politica. Dice anche tra le altre cose, che nella Chiesa è entrato uno spirito sbagliato che dice che il ministerio della Parola e la politica sono due cose incompatibili. Invece per lui sono cose compatibili, infatti cita l’esempio di sua moglie che è senatrice nel parlamento della loro nazione. Castellanos ha dunque accettato l’eresia chiamata ‘teologia del dominio’.
Questo uomo dice delle menzogne, fratelli, guardatevi da lui e da tutti coloro che hanno aderito al G12.

Giacinto Butindaro