Continuerò a confutarli

blog-seduttoriCon la grazia che Dio mi ha concesso, continuerò a confutare coloro che mescolano la menzogna con la verità, perché il loro proposito è sedurre i santi del Signore e sfruttarli. E ho questa fiducia nel Signore, che Egli libererà tante altre anime dalla grinfie di questi seduttori di menti. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2015/11/16/continuero-a-confutarli/

Annunci

Favole spacciate per rivelazioni divine

Fratelli, guardatevi da tutti coloro che in mezzo alla Chiesa diffondono immaginazioni del loro cuore facendole passare per rivelazioni divine accordategli. Le loro sono profane ciance, che vanno rodendo come fa la cancrena, e fanno sviare dalla verità coloro che le accettano. Le loro menzogne assomigliano molto a quelle degli Gnostici dei primi secoli dopo Cristo. Niente di nuovo sotto il sole dunque.

Dio non può rivelare niente che vada contro la Scrittura, ogni sua rivelazione è perfettamente in accordo con la Parola di Dio. Qualsiasi ‘rivelazione’ dunque che annulla un racconto biblico o una dottrina biblica, non è da Dio, ma procede da spiriti seduttori.

Ricordatevi delle parole di Paolo ai Colossesi: “Guardate che non vi sia alcuno che faccia di voi sua preda con la filosofia e con vanità ingannatrice secondo la tradizione degli uomini, gli elementi del mondo, e non secondo Cristo” (Colossesi 2:8), e a Timoteo: “Ma schiva le favole profane e da vecchie” (1 Timoteo 4:7).

Un ultima cosa, questi cianciatori e seduttori, si presentano umili, con un parlare dolce e lusinghevole, ma dietro tutto ciò si nasconde il loro veleno.

Non vi lasciate dunque sedurre né dalle loro ciance e neppure da questa loro apparente umiltà e dolcezza. Sono uomini corrotti, riprovati quanto alla fede, che amano e praticano la menzogna.

Riprendeteli severamente, e ritiratevi da essi.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/07/24/favole-spacciate-per-rivelazioni-divine/

Bisogna turare loro la bocca

L’apostolo Paolo dice a Tito che uno dei requisiti di colui che ambisce all’ufficio di vescovo o anziano nella Chiesa, deve essere questo: “Attaccato alla fedel Parola quale gli è stata insegnata, onde sia capace d’esortare nella sana dottrina e di convincere i contraddittori” (Tito 1:9).

Quindi egli deve essere un credente che ha il suo diletto nella Parola di Dio, che fa riferimento del continuo ad essa, che la conosce, e che è in grado quindi di esortare i fratelli ad attenersi alla sana dottrina, e di convincere i contraddittori. E sì, perché esistono anche coloro che contraddicono la sana dottrina, e sono pure molti di numero.

Infatti subito dopo l’apostolo Paolo afferma in relazione ai contraddittori: “Poiché vi son molti ribelli, cianciatori e seduttori di menti, specialmente fra quelli della circoncisione, ai quali bisogna turar la bocca; uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno” (Tito 1:10-11).

Notate come Paolo chiama i contradditori, ‘ribelli’, ‘cianciatori’, e ‘seduttori di menti’. Ribelli perché rifiutano di attenersi al modello delle sane parole di Paolo; cianciatori perché hanno dato retta a profane ciance e le trasmettono ad altri; seduttori di menti, perché seducono le menti dei semplici.

Costoro sono pericolosi, in quanto sovvertono le case intere, cioè mettono sottosopra gli animi dei discepoli. In che maniera? Insegnando cose che non dovrebbero, e queste cose le insegnano per amore di disonesto guadagno. Quindi costoro sono avidi di disonesto guadagno. Sono amanti del denaro.

Ma che cosa insegnano per amore di disonesto guadagno? Per esempio che i credenti devono pagare la decima di tutte le loro entrate, e che il pagamento della decima è una delle chiavi per diventare ricchi, e sì, perché per questi cianciatori Dio vuole che i suoi figliuoli siano ricchi materialmente (questo messaggio si chiama ‘messaggio della prosperità’), e per diventare ricchi devono dare tanto denaro a questi presunti servi di Cristo, dico presunti, perché in realtà questi sono servi di Mammona, servi del loro stomaco.

Come si deve porre l’anziano o il pastore nei confronti di questi uomini? Gli deve turare la bocca, e quindi li deve confutare e riprendere severamente affinché smettano di insegnare queste cose.

Ma ogni Cristiano ha il dovere quando ne ha l’opportunità di turare la bocca a questi ribelli, perché costoro aprono la bocca per sedurre le anime, essendo persone dal cuore esercitato alla cupidigia che seducono le anime instabili. E naturalmente per poter fare ciò, il Cristiano deve essere attaccato alla Parola di Dio; quindi se non siete ancora attaccati alla Parola, diventatelo.

Non bisogna tollerarli, non bisogna fare finta di niente, non bisogna dire ‘Preghiamo per loro affinché Dio gli faccia capire i loro errori’, ma bisogna TURARGLI LA BOCCA. Questo ha detto doversi fare l’apostolo Paolo nei loro confronti, e quindi faremo bene a mettere in pratica quello che egli dice, per il bene dei santi.

Non vi lasciate ingannare dai vani ragionamenti di quei molti che ancora non hanno capito, o non sanno, come bisogna comportarsi verso queste persone che insegnano cose che non dovrebbero per amore di disonesto guadagno. Ma prendete la Parola di Dio e distruggete le loro ciance sia privatamente che pubblicamente, affinché i santi si guardino dal lievito malvagio di questi seduttori di menti, che trovano la loro forza nel silenzio dei pastori, come anche nel silenzio delle pecore, per continuare spavaldi a insegnare le loro menzogne.
Lo ripeto, non vi lasciate ingannare da vani ragionamenti. La Bibbia dice chiaramente quello che si deve fare nei confronti di costoro, quindi fatelo. TAPPATEGLI LA BOCCA!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/17/bisogna-turargli-la-bocca/

L’impostore John Crowder ancora all’opera …. suonando il ‘tamburo della fede’ sulla testa dei presenti

Eccolo ancora in azione questo impostore e malvagio di nome John Crowder. Questa volta mentre il suo amico Benjamin Dunn ‘predica’, lui si mette a suonare quello che loro chiamano ‘il tamburo della fede’ sulla testa degli uditori, e naturalmente anche questo per loro è opera dello Spirito Santo. La triste realtà è che il diavolo si sta prendendo gioco di tanta gente tramite questi due impostori. Vegliate, fratelli, e pregate, per non cadere vittime degli impostori esistenti in massa in mezzo alla Chiesa.

Giacinto Butindaro