Il sangue prezioso di Gesù

sangue-preziosoQuanto è prezioso il sangue di Gesù, che Egli ha sparso sulla croce e del quale siamo stati cosparsi (1 Pietro 1:2)! Esso ha purificato la nostra coscienza dalle opere morte rendendoci perfetti quanto alla coscienza (Ebrei 9:14), e se camminiamo nella luce ci purifica da ogni peccato (1 Giovanni 1:7). Mediante di esso siamo stati giustificati (Romani 5:9), riconciliati con Dio (Colossesi 1:20), avvicinati a Dio (Efesini 2:13), santificati (Ebrei 10:29; 13:12); riscattati dal vano modo di vivere tramandatoci dai padri (1 Pietro 1:18), liberati dai nostri peccati (Apocalisse 1:5; Efesini 1:7), e comprati a Dio (Apocalisse 5:9). Mediante il Suo sangue è stato dedicato il patto che Dio ha fatto con noi (Ebrei 9:18; 13:20); in virtù del Suo sangue abbiamo la libertà d’entrare nel santuario (Ebrei 10:19), e a cagione del Suo sangue abbiamo vinto il diavolo (Apocalisse 12:11).

A Cristo Gesù, che ha sparso il Suo sangue per noi, sia la gloria ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2014/09/22/il-sangue-prezioso-di-gesu/

I massoni non riconoscono il vero Gesù Cristo

Gesù Massoni

Se domandate a un massone chi era Gesù Cristo, egli vi risponderà che ‘era un maestro, un uomo saggio, un grande riformatore; e che và ammirato e riverito come tanti altri che hanno scritto, con la loro vita, parte della storia e creato dei grandi movimenti.’ Se lo domandate invece ad un cristiano, egli vi risponderà che ‘è il Figliuolo di Dio, che è morto sulla croce per i nostri peccati e che è risuscitato per la nostra giustificazione. Vi dirà pure che Egli è l’unica via che conduce a Dio e che và glorificato, amato e servito.’

Salvatore Larizza

Abele, un tipo di Cristo

abeleAbele fù un uomo giusto, poichè visse per fede (cfr. Matteo 23:35). Fù un pastore di pecore (cfr. Genesi 4:2). Fù il primo uomo ad essere odiato e ucciso a motivo delle sue opere giuste (cfr. 1Giovanni 3:12) e il cui sangue gridò a Dio dalla terra (cfr. Genesi 4:10). E’ scritto che ‘per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente di quello di Caino; per mezzo d’essa gli fu resa testimonianza ch’egli era giusto, quando Dio attestò di gradire le sue offerte; e per mezzo d’essa, benché morto, egli parla ancora.’ (Ebrei 11:4) Abbiamo un esempio dunque in Abele, un esempio di un uomo che benché morto, parla ancora, affinché possiamo imitare la sua fede; ma abbiamo altresì un esempio ancora più perfetto di quello di Abele, abbiamo l’esempio di un uomo che fù odiato e ucciso anch’Egli senza cagione, l’esempio di un uomo che ‘dopo aver offerto un unico sacrificio per i peccati, e per sempre, si è posto a sedere alla destra di Dio’ (Ebrei 10:12)! Un uomo che offrì un sacrificio più eccellente di quello di Abele, e il cui sangue parla meglio di quello di Abele (cfr. Ebrei 12:24) : il sommo Pastore Cristo Gesù! Colui che disse : ‘io sono il primo e l’ultimo, e il Vivente; e fui morto, ma ecco son vivente per i secoli dei secoli’ (Apocalisse 1:18a).

A Lui sia la gloria e l’imperio, nei secoli dei secoli. Amen.

Salvatore Larizza

Il Sacrificio di Cristo : La sua estensione e la sua applicazione

LA GIUSTIFICAZIONE CHE DA’ VITA (MEDIANTE IL SACRIFICIO DI CRISTO) SI E’ ESTESA A MOLTI O A TUTTI GLI UOMINI?
E I BENEFICI DEL SACRIFICIO DI CRISTO SARANNO ATTUATI A MOLTI O A TUTTI GLI UOMINI?

bible
La giustificazione che dà vita (mediante il sacrificio di Cristo) s’è estesa a TUTTI GLI UOMINI, poichè stà scritto : ‘Come dunque con un sol fallo la condanna si è estesa a tutti gli uomini, COSI, con un solo atto di giustizia la giustificazione che dà vita s’è estesa a tutti gli uomini.’ (Romani 5:18) Ora, è possibile affermare che la condanna si è estesa a molti? No, non si può, poichè per mezzo della disubbidienza di un solo uomo, cioè Adamo, il peccato è entrato nel mondo, e cosi la morte è passata non su molti, ma su TUTTI GLI UOMINI; COSI (notate attentamente quel ‘cosi’ utilizzato da Paolo, poichè è come se lui stesse dicendo ‘nella stessa maniera’) mediante l’ubbidienza di un solo uomo, cioè Cristo Gesù, la giustificazione che dà vita s’è estesa non solo a molti, ma a TUTTI GLI UOMINI. Però a differenza della giustificazione che dà vita (basata sulla fede, e che quindi la condizione necessaria per attuarla è la FEDE); l’attuazione del peccato di Adamo inverso tutti gli uomini avviene senza condizione alcuna. Difatti, l’apostolo continua e spiega come l’attuazione del sacrificio di Cristo, cioè la giustificazione, venga applicata ai MOLTI : ‘Poiché, siccome per la disubbidienza di un solo uomo i molti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’ubbidienza d’un solo, i molti saran costituiti giusti.’ (Romani 5:19) Vedete come Paolo non usa più il ‘tutti gli uomini’ questa volta, ma utilizza il termine ‘molti’? Dunque possiamo rispondere a entrambe le domande affermando che a tutti gli uomini è stata estesa la giustificazione che dà vita; ma solo ai molti, e non a tutti gli uomini, verrà applicata la giustificazione che dà vita, e solo essi quindi VERRANNO COSTITUITI GIUSTI, e questo perchè non tutti hanno la fede; ma ce l’hanno solo coloro ai quali il Signore l’ha voluta donare. Noi dunque che crediamo siamo stati costituiti ‘giusti’, mentre coloro che non credono, quantunque la giustificazione che dà vita sia stata estesa pure a loro, continueranno a rimanere nella condizione di ‘peccatori’.

 

Salvatore Larizza