Giusti e non più peccatori

Fratelli e sorelle nel Signore, Dio ha mostrato il suo grande amore per noi mandando il suo unigenito figliuolo a morire sulla croce, mentre ancora eravamo peccatori (cfr. Romani 5:8). Badate bene alle parole della Sacra Scrittura : ‘mentre ancora eravamo peccatori’; poiché esse stanno a significare che ora, per la grazia di Dio, non siamo più peccatori, in quanto il peccatore è colui che è schiavo del peccato, che cammina secondo i desideri della carne, seguendo le concupiscenze della carne, e non vuole smettere di peccare perché prende piacere nel peccato. Noi credenti nel Signore invece siamo stati affrancati dalla schiavitù del peccato, avendo ricevuto la libertà di poter servire Iddio tramite il prezioso sangue di Cristo Gesù. Il sangue di Cristo Gesù, capite? Questo prezioso sangue ci ha riscattati! (cfr. 1Corinzi 7:23) Gesù Cristo ci ha riscattati col suo prezioso sangue, ed ha spezzato con esso le funi del peccato che ci avvolgevano (cfr. Proverbi 5:22) e dalle quali non potevamo liberarci da noi stessi! (cfr. Salmi 49:7-8) E’ per questa ragione che la Scrittura, quantunque ancora siamo in questo corpo corruttibile, ci definisce ora ‘giusti’, ‘santi’, e non più ‘peccatori’. Glorificate dunque Iddio per la sua misericordia, poiché è per la misericordia di Dio che ora voi siete divenuti liberi, soltanto non usate la libertà come un manto che copra la malizia, ma usatela per servire Iddio e la fratellanza. (cfr. 1Pietro 2:16; Galati 5:13)

Salvatore Larizza

Chi non odia il peccato, non ama Cristo

Chi tra di voi non odia il peccato, dimostra di non amare Cristo. Chi tra di voi difende e rispetta il peccato, dimostra di non avere alcuna stima del sacrificio di Cristo. Cristo Gesù è morto a cagione dei nostri peccati, Egli ha versato il Suo sangue per la remissione dei nostri peccati. Se ancora difendi, tolleri e ami il peccato sappi che non hai compreso niente del sacrificio di Cristo.

——–

‘E lo vestirono di porpora; e intrecciata una corona di spine, gliela misero intorno al capo, e cominciarono a salutarlo: Salve, Re de’ Giudei! E gli percotevano il capo con una canna, e gli sputavano addosso, e postisi inginocchioni, si prostravano dinanzi a lui. E dopo che l’ebbero schernito, lo spogliarono della porpora e lo rivestirono dei suoi propri vestimenti. E lo menaron fuori per crocifiggerlo.’ (Marco 15:17-20)

 

 

Salvatore Larizza

Il Signore Gesù è veramente risuscitato

risortoIl suo nome era Gesù Cristo, un uomo che non conobbe peccato, un uomo giusto e santo che visse nel paese dei Giudei circa duemila anni fa, che andò attorno facendo del bene e guarendo tutti coloro che erano sotto il dominio del diavolo, perchè Dio era con lui. Ma fu odiato dai Giudei senza ragione, affinchè si adempissero le Scritture profetiche. E sempre affinchè si adempissero le Scritture, i Giudei per mano di uomini malvagi, inchiodandolo sulla croce, lo uccisero. Si adempirono così le parole del profeta Isaia: “Egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità” (Isaia 53:5). Ma dopo tre giorni, Dio lo risuscitò dai morti, avendo sciolto gli angosciosi legami della morte, perché non era possibile ch’egli fosse da essa ritenuto, perchè era stato predetto di lui: “Io ho avuto del continuo il Signore davanti agli occhi, perché egli è alla mia destra, affinché io non sia smosso. Perciò s’è rallegrato il cuor mio, e ha giubilato la mia lingua, e anche la mia carne riposerà in isperanza; poiché tu non lascerai l’anima mia nell’Ades, e non permetterai che il tuo Santo vegga la corruzione. Tu m’hai fatto conoscere le vie della vita; tu mi riempirai di letizia con la tua presenza” (Atti 2:25-28). E dopo essere risorto apparve ai Suoi discepoli, i quali attestarono la Sua avvenuta resurrezione dicendo: “Il Signore è veramente risuscitato” (Luca 24:34).
Noi dunque proclamiamo a voi peccatori che Gesù morì per i nostri peccati e risuscitò il terzo giorno a cagione della nostra giustificazione, e quindi chi crede in Lui riceve la remissione dei peccati e la vita eterna. Ravvedetevi quindi e credete in Lui, altrimenti l’ira di Dio resterà sopra di voi e quando morirete scenderete nelle fiamme dell’Ades.

 

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/11/19/il-signore-gesu-e-veramente-risuscitato/

Ricordati ….

deserto-israele-blog“Ricordati che sei stato schiavo nel paese d’Egitto, e che l’Eterno, l’Iddio tuo, ti ha tratto di là con mano potente e con braccio steso…” (Deuteronomio 5:15), ordinò il Signore al suo popolo. Anche noi dunque faremo bene a ricordare che eravamo schiavi del peccato ma Cristo Gesù ci ha liberati dai nostri peccati con il Suo sangue.

“Ricordati di tutto il cammino che l’Eterno, l’Iddio tuo, ti ha fatto fare questi quarant’anni nel deserto …. ” (Deuteronomio 8:2). Ecco un’altra cosa di cui doveva ricordarsi Israele per ordine di Dio. Anche noi dunque faremo bene a ricordarci del cammino che Dio ci ha fatto fare fino ad oggi: dei suoi giudizi che ci ha inflitto nella Sua fedeltà per renderci partecipi della Sua santità, delle afflizioni attraverso le quali ci ha fatto passare per provare la nostra fede, delle Sue tante consolazioni che ci ha elargito affinché noi potessimo consolare quelli che si trovano nell’afflizione, del Suo aiuto che ci ha dato in ogni nostra distretta, delle battaglie che Egli ha combattuto per noi facendoci giustizia, e di qualsiasi altro suo beneficio. Sì perchè Dio ci ha fatto del bene, soltanto del bene. Per cui ognuno di noi deve dire assieme al Salmista: “Io canterò all’Eterno perché m’ha fatto del bene” (Salmo 13:5).

A Dio sia la gloria ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/11/29/ricordati/