‘Ci volete schiavi di Cristo, ci avrete ribelli’, il motto del popolo ribelle

popolo-ribelle-blogCome sono attuali queste parole del profeta Isaia: “Giacché questo è un popolo ribelle, son de’ figliuoli bugiardi, de’ figliuoli che non vogliono ascoltare la legge dell’Eterno, che dicono ai veggenti: ‘Non vedete!’ e a quelli che han delle visioni: ‘Non ci annunziate visioni di cose vere! Diteci delle cose piacevoli, profetateci delle chimere! Uscite fuor di strada, abbandonate il sentiero retto, toglieteci d’innanzi agli occhi il Santo d’Israele!’ Perciò così dice il Santo d’Israele: Giacché voi disprezzate questa parola e confidate nell’oppressione e nelle vie oblique, e ne fate il vostro appoggio, questa iniquità sarà per voi come una breccia che minaccia rovina, che fa pancia in un alto muro, il cui crollo avviene a un tratto, in un istante, e che si spezza come si spezza un vaso del vasaio che uno frantuma senza pietà, e tra i rottami del quale non si trova frammento che serva a prender del fuoco dal focolare o ad attinger dell’acqua dalla cisterna. Poiché così avea detto il Signore, l’Eterno, il Santo d’Israele: Nel tornare a me e nel tenervi in riposo starà la vostra salvezza; nella calma e nella fiducia starà la vostra forza; ma voi non l’avete voluto! Avete detto: ‘No, noi galopperemo sui nostri cavalli!’ E per questo galopperete!… E: ‘Cavalcheremo su veloci destrieri!’ E per questo quelli che v’inseguiranno saranno veloci!… Mille di voi fuggiranno alla minaccia d’un solo; alla minaccia di cinque vi darete alla fuga, finché rimaniate come un palo in vetta a un monte, come un’antenna sopra un colle” (Isaia 30:9-17).

 

Proprio così, molti che si dicono Cristiani vogliono sentire parlare di cose piacevoli, vogliono che gli si profetizzino delle chimere! Non vogliono sentire parlare di cose vere, non vogliono camminare nella rettitudine e nella santità. Nella loro ribellione contro i comandamenti di Cristo è come se dicessero a noi che glieli trasmettiamo: ‘Ci volete schiavi di Cristo, ci avrete ribelli’. Questo infatti è il loro motto! E proprio per questa loro ribellione l’ira di Dio si abbatte su di essi.

Il Cristiano infatti è uno schiavo di Cristo, secondo che dice l’apostolo Paolo: “colui che è stato chiamato essendo libero, è schiavo di Cristo” (1 Corinzi 7:22), perchè è “sotto la legge di Cristo” (1 Corinzi 9:21). Ma gran parte della Chiesa non vuole sottoporsi alla legge di Cristo, avendo rigettato il giogo di Cristo. E Dio dice perciò a questa parte della Chiesa: “Già da lungo tempo tu hai spezzato il tuo giogo, rotti i tuoi legami, e hai detto: ‘Non voglio più servire!’ Ma sopra ogni alto colle e sotto ogni albero verdeggiante ti sei buttata giù come una prostituta” (Geremia 2:20).

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/10/11/ci-volete-schiavi-di-cristo-ci-avrete-ribelli-il-motto-del-popolo-ribelle/

Annunci

Ecumenismo a Natale

Concerto di Natale (anno 2009) – Corali della Chiesa Cattolica e Chiesa Evangelica della Riconciliazione di Barile (PZ). Il cancro dell’ecumenismo si diffonde. Guardatevi e ritiratevi da coloro che si danno all’ecumenismo.

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/12/20/ecumenismo-a-natale/

‘Il medico pietoso fa la piaga puzzolente’

‘Il medico pietoso fa la piaga puzzolente’, è un proverbio popolare col quale viene segnalata l’opportunità che il medico intervenga come è necessario nel curare il paziente, senza risparmiargli eventuali sofferenze se queste si rendessero indispensabili per il raggiungimento della guarigione.

Purtroppo, in mezzo alla Chiesa di Dio ci sono tanti ‘medici pietosi’, che invece di curare la piaga del popolo di Dio come si deve, con severità e giustizia, in accordo con la Parola di Dio, la curano alla leggera, proclamando che va tutto bene, quando quasi tutto va male; che c’è in atto un grande risveglio o che sta per arrivare un grande risveglio, quando è in atto un grande risveglio di false dottrine e mondanità impressionante che culmineranno nell’apostasia che deve precedere il ritorno di Cristo; che le benedizioni di Dio stanno scendendo copiose dal cielo, quando invece stanno scendendo copiosi i suoi tremendi giudizi sui ribelli! Ma di queste cose si avvedono solo coloro che temono Dio, che vivono vicini a Dio, che cercano del continuo la sua faccia, e non i ribelli!

Dio dice di costoro: “Essi curano alla leggera la piaga del mio popolo; dicono: ‘Pace, pace’, mentre pace non v’è. Saranno confusi perché commettono delle abominazioni; non si vergognano affatto, non sanno che cosa sia arrossire; perciò cadranno fra quelli che cadono; quand’io li visiterò saranno rovesciati, dice l’Eterno” (Geremia 6:14-15).

Questi ‘medici pietosi’ non fanno altro dunque che ingannare il popolo, facendolo illudere che le cose stanno come dicono loro, e mentre i giusti sono contristati dalle loro menzogne, gli empi sono fortificati e vanno sempre più aumentando.

E la piaga va diffondendosi sempre di più come anche la sua puzza. Ma coloro che sono responsabili di ciò saranno confusi e puniti da Dio, mentre coloro che parlano e operano in maniera tale da voler eliminare questa piaga saranno onorati e ricompensati da Dio.
Dunque fratelli, non tiriamoci indietro dal dire come stanno realmente le cose, cioè dal proclamare la gravità e la drammaticità della situazione in mezzo alla Chiesa, e quali sono i giusti provvedimenti da prendere per il bene dei santi, non curanti delle accuse che ci rivolgeranno i ‘medici pietosi’ di essere spietati, senza amore, terroristi e settari.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/07/28/il-medico-pietoso-fa-la-piaga-puzzolente/

Non amate il mondo

L’apostolo Giovanni dice: “Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l’amor del Padre non è in lui. Poiché tutto quello che è nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non è dal Padre, ma è dal mondo. E il mondo passa via con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio dimora in eterno” (1 Giovanni 2:15-17).

Per mondo quindi qua bisogna intendere la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita. Entrando nello specifico, alcune cose che fanno parte delle cose del mondo sono la fornicazione, le lascivie, le abbuffate, le ubriachezze, il modo di vestire sfarzoso, indecente e provocante sia per l’uomo che la donna (in particolare per la donna menziono le minigonne, i pantaloni, le camicie trasparenti e scollate e attillate, i gioielli, il trucco); giocare al totocalcio e al lotto, andare al mare a mettersi mezzi nudi, amare il danaro e le ricchezze come anche il lusso, cibarsi delle perversioni e frivolezze televisive, andare al cinema, al teatro, in discoteca, nei locali notturni, al ‘casinò’, andare a vedere o guardare la partita di calcio, andare dietro la musica mondana.

Che dice l’apostolo? Che non dobbiamo amare il mondo. Perché? Perché tutto quello che è nel mondo non è da Dio ma dal mondo, e noi sappiamo che “tutto il mondo giace nel maligno” (1 Giovanni 5:19), che è il nemico di Dio.

Ecco perché a noi che siamo stati riscattati dal presente secolo malvagio è comandato di non amare il mondo, perché se lo facciamo ci mettiamo ad amare ciò che è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio, e diventiamo nemici di Dio. Vi ricordate Giacomo come chiamò i credenti che amavano il mondo? “Gente adultera”, e disse loro anche: “Non sapete voi che l’amicizia del mondo è inimicizia contro Dio? Chi dunque vuol essere amico del mondo si rende nemico di Dio” (Giacomo 4:4).

Guardatevi dunque da tutti coloro che con le loro parole o con il loro esempio vi incoraggiano ad amare il mondo, perché non cercano il vostro bene anzi il vostro male. Costoro non vi amano, perché l’amore del Padre non è in loro in quanto essi amano il mondo. Non vi lasciate sedurre dalle loro parole dolci e lusinghevoli, perché dietro di esse si nasconde una macchinazione del diavolo. Vogliono infatti portarvi lontani da Dio, e quindi lontani dalla sua santità. I loro discorsi che si concentrano sulla libertà che noi ora abbiamo in Cristo, sono discorsi perversi di gente perversa, che ha mutato la grazia in dissolutezza.

La grazia sia con voi

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/30/non-amate-il-mondo/

Hanno ‘rivoluzionato’ il modo di evangelizzare …. in peggio

Evangelizzazione a Bagheria Novembre 2009. I ragazzi di Enna. Ballo Jesus Revolution.

Jovaniaquile terminio 2008 gita distrettuale evangelizzazione

E’ scandaloso che dei credenti si mettano a fare questi spettacoli per attirare le anime o per evangelizzare. Ma così vanno le cose in molte Chiese, vogliono piacere al mondo. Dov’è la luce? Io non la vedo. Quanto sono lontane queste evangelizzazioni da quelle antiche, che mettevano sottosopra le città e le nazioni perchè c’era la predicazione della croce fatta con lo Spirito, con potenza e grande pienezza di convinzione. Qui ormai si deve parlare di spettacoli di varietà, di cabaret, di buffonerie vane. Sveglia popolo di Dio!

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/26/hanno-rivoluzionato-il-modo-di-evangelizzare-in-peggio/

Quando la Chiesa e il mondo vanno d’amore e d’accordo

Chiesa Cristiana ‘Sorgente di vita’ di Pesaro. Quando la Chiesa e il mondo vanno d’amore e d’accordo: a scapito naturalmente della Parola di Dio. Ah, che tristezza vedere una generazione di credenti, soprattutto giovani, che non conoscono la differenza tra il sacro e il profano.

La canzone di Eros Ramazzotti ‘Piu bella cosa’ (versione modificata).

La canzone di Jovanotti ‘A te’.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/24/quando-la-chiesa-e-il-mondo-vanno-damore-e-daccordo/