L’amore incondizionato

amore incondizionato 1 amore incondizionato 2Gesù ci ha insegnato ad amare i nostri nemici. Egli è stato colui che ci ha mostrato questo amore, morendo sulla croce per noi, mentre ancora eravamo dei peccatori e quindi dei suoi nemici. Egli non si è mostrato amorevole verso delle creature che Lo amavano, no, Egli lo ha fatto inverso delle creature malvagie, che Lo odiavano, quali eravamo ognuno di noi. Fratelli e sorelle nel Signore, se amate solo i vostri amici, o comunque coloro che vi amano e vi stimano, che fate di singolare? Anche i peccatori fanno lo stesso. Ma voi, siate perfetti e misericordiosi come lo è il Padre vostro. Amate coloro che vi contraddicono, che vi maledicono, che vi perseguitano, che vi odiano. Amateli esortandoli a ravvedersi e a credere nell’evangelo, e a compiere opere degne del ravvedimento. Amateli mostrando loro una buona condotta e un parlare sano ed irreprensibile. Se la vostra condotta è da biasimare, come potranno credere in ciò che gli direte? Le vostre opere dunque seguano sempre le vostre parole. Inoltre, le vostre parole e azioni siano sempre finalizzate al bene del vostro prossimo, e mai alla sua rovina. Anche il fine a cui mirate è importante, sapete? Da cosa siete animati? Qual’è il desiderio del vostro cuore? Abbandonate l’orgoglio, la superbia, l’arroganza; poiché queste sono tutte cose che appartengono alla vostra vecchia creatura; adesso, per la grazia di Dio, siete delle nuove creature in Cristo Gesù, con dei nuovi pensieri e dei nuovi sentimenti. Le cose di prima son passate, non sono più; adesso è tutto nuovo. Deponete dunque tutti questi malvagi sentimenti che non fanno altro che cagionare tristezza in voi e in coloro che vi circondano, e rivestitevi invece di questi santi sentimenti che compongono il frutto dello Spirito, e che sono : amore, allegrezza, pace, longanimità, benignità, bontà, fedeltà, dolcezza e temperanza. E badate bene a voi stessi che questi sentimenti non dovete averli solo quando le cose vanno bene, ma anche quando le cose vanno male, anzi soprattutto quando le cose vanno male. Difatti, fratelli, sappiate che è proprio quando le cose vanno male che, continuando a possedere questi sentimenti, il mondo vedrà palesemente la nuova creatura in Cristo Gesù. Si meraviglieranno, in special modo coloro che vi conoscevano anche prima della vostra conversione, perché vedranno uomini che ora benedicono coloro che li maledicono, uomini sempre allegri, che continuano ad  avere pace dentro di sé anche nei momenti più bui e tristi della loro vita, uomini capaci di saper comprendere, o quantomeno di sforzarsi di poter comprendere, anche le persone più difficili e intrattabili, uomini buoni anche inverso i loro più acerrimi nemici, disposti ad aiutare chiunque si trovi nel bisogno senza mai rinfacciare niente, fedeli in ogni cosa, dolci, miti e rispettosi. Amate Iddio, amate la fratellanza, amate il vostro prossimo. Chi ama ha conosciuto Iddio, perché Dio è amore.

Salvatore Larizza

Annunci

Io non ho alcun merito

nessun-meritoSe tu, che sostieni il cosiddetto libero arbitrio, affermi che sei stato tu a scegliere il Signore, e non il Signore a scegliere te, vuol dire che tu puoi accampare dei meriti dinnanzi a Dio. In altre parole, hai qualcosa di cui gloriarti dinnanzi a Dio. Tu infatti sei stato salvato perchè hai scelto il Signore!! Hai dunque almeno il merito di avere scelto il Signore.

 

Io invece affermo che sono stato salvato perchè il Signore mi ha eletto a salvezza fin dal principio, e quindi perchè Lui mi ha scelto per salvarmi. Non posso dunque accampare il merito di avere scelto il Signore! Sono proprio nella condizione di non avere niente di che gloriarmi dinnanzi a Dio, ma di gloriarmi nel Signore.

Tu dici che sei stato tu ad aprire il tuo cuore al Signore, e quindi anche qui puoi accampare il merito di avere aperto la porta del tuo cuore. Dio era in attesa che tu gli aprissi il tuo cuore, Dio non poteva fare proprio niente per salvarti, aveva le mani legate!

Io invece affermo che è stato il Signore ad aprire il mio cuore – come fece con Lidia – al fine di rendermi attento alla Sua Parola, e quindi non posso neppure dire di avere aperto il mio cuore. Per cui Dio è venuto, quando ha voluto Lui, e avendomi fatto forza mi ha vinto. Ha fatto con me quello che fece con Saulo da Tarso. Mi sento proprio in dovere di ringraziarlo e lodarlo quindi.

Tu dici che sei stato tu a volere nascere di nuovo, per cui la tua rigenerazione è dipesa dalla tua volontà. Eri dunque morto nei tuoi falli e nelle tue trasgressioni, nella tua carne non v’era alcun bene, eppure con la forza della tua volontà sei riuscito a farti rigenerare da Dio. Anche qui devo dire che hai avuto un merito, quello di avere permesso a Dio di rigenerarti.

Io invece affermo che Dio mi ha generato di Sua volontà, quando e dove ha voluto Lui, per cui non ho proprio niente di che gloriarmi dinnanzi a Dio. Sono nato di nuovo perchè Lui ha voluto farmi nascere di nuovo. Esattamente come era accaduto con la mia nascita naturale, perchè anche lì fu Dio a volermi far nascere. Posso dunque dire – assieme agli apostoli – di essere nato non da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d’uomo, ma da Dio. E devo quindi dare a Dio tutta la gloria per la mia nuova nascita.

Lo vedi dunque? La dottrina del libero arbitrio ti ha indotto ad inorgoglirti ed innalzarti nel cospetto di Dio. Rigettala, così potrai camminare nella verità e nell’umiltà.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/10/23/io-non-ho-alcun-merito/

Umiltà

agnello-umileDice l’apostolo Pietro: “Parimente, voi più giovani, siate soggetti agli anziani. E tutti rivestitevi d’umiltà gli uni verso gli altri, perché Dio resiste ai superbi ma dà grazia agli umili. Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché Egli v’innalzi a suo tempo, gettando su lui ogni vostra sollecitudine, perch’Egli ha cura di voi” (1 Pietro 5:5-7).
L’umiltà dunque deve essere una caratteristica del Cristiano, e non può essere altrimenti visto e considerato che il Cristiano è seguace di Gesù Cristo che era umile di cuore, e che dimostrò la sua umiltà durante la sua vita terrena. Non dice infatti la Scrittura che Egli “abbassò se stesso facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte della croce” (Filippesi 2:8)? Ma ricordate che la Scrittura afferma pure che “ed è perciò che Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato il nome che è al disopra d’ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli, sulla terra e sotto la terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre” (Filippesi 2:9-11).

 

Umiliarsi significa abbassarsi nel cospetto di Dio ma anche nei confronti dei santi, non significa innalzarsi sopra i fratelli o volere signoreggiare sugli altri o fare le cose per essere osservati dagli uomini o volere fare delle cose per spirito di parte e vanagloria. Questo significa essere superbi e non umili. E Dio ha promesso di resistere ai superbi abbassandoli. Chi pensa dunque di potersi innalzare e rimanere impunito, si sbaglia grandemente, perchè nel regno di Dio c’è la seguente legge: “Chiunque s’innalzerà sarà abbassato, e chiunque si abbasserà sarà innalzato” (Matteo 23:12).

La persona umile è pienamente fiduciosa nel Signore che Lui l’innalzerà a suo tempo, ecco perchè si umilia profondamente davanti a Dio. Ami abbassarti? Ne avrai del bene perchè Dio ti innalzerà a suo tempo. Ma sappi che se tu ami innalzarti, Dio ti abbasserà e tu porterai la pena della tua ribellione.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2013/09/24/umilta/