Settimana ecumenica con Massimo Aquilante, presidente della FCEI

Celebrazione liturgica ecumenica vissuta con la comunità della parrocchia di San Giovanni di Avezzano il 18 gennaio 2011. Ad essa hanno partecipato il vescovo dei Marsi Pietro Santoro, il prete ortodosso Daniel Mititelu, il parroco don Franco Tallarico, e il pastore metodista Massimo Aquilante, che è il presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI). Ascoltate quest’ultimo in particolare al minuto 30, quando durante la preghiera comune dice: ‘…. Cristo è la nostra pace, Egli ci ha riconciliati al Padre come unico corpo sulla croce, ci raduniamo nel Suo nome, e condividiamo la Sua pace. La pace del Signore sia sempre con voi’. Ecco come si svolgono le riunioni ecumeniche a cui partecipano anche tanti pastori pentecostali, tra cui Edoardo Piacentini. Qui i pastori che vi partecipano si sentono ed affermano di essere ‘un solo corpo’ con gli idolatri Cattolici Romani, e quindi rifiutano di evangelizzarli affinchè si ravvedano, e si convertano dagli idoli al Signore Gesù Cristo, uscendo dalla Chiesa Cattolica Romana. Nessuno di costoro vi seduca con vani ragionamenti.
Ravvedetevi e convertitevi voi – sia pastori pentecostali che non pentecostali – che vi siete dati all’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana. Tornate alla Parola di Dio dalla quale vi siete allontanati. E a voi che frequentate queste Chiese Evangeliche condotte da pastori ecumenici dico: ‘Uscitevene, esse calpestano la Parola di Dio e sono destinate ad andare di male in peggio’.

Giacinto Butindaro

Settimana ecumenica from Angelo Croce on Vimeo.

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2011/02/07/settimana-ecumenica-con-massimo-aquilante-presidente-della-fcei/

 

Annunci

La FCEI riafferma il diritto al riconoscimento civile delle unioni omosessuali: VERGOGNA!

Roma (NEV), 9 giugno 2010 – Dopo la benedizione di una coppia omosessuale avvenuta nella chiesa valdese di Trapani, è riesploso il dibattito pubblico su temi delicati e sensibili come quello del riconoscimento delle unioni civili dello stesso sesso o del matrimonio omosessuale.

“In questo quadro – ha affermato oggi il presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), il pastore Massimo Aquilante – ribadiamo il nostro convincimento che le leggi sulla materia debbano rispettare il principio costituzionale di uguaglianza e pari dignità di ogni cittadino e cittadina. Al tempo stesso su questa materia ci richiamiamo anche al principio di laicità che impone una distinzione tra le norme dello Stato, che devono essere adottate nell’interesse generale e nel rispetto delle identità e dei diritti di ciascuno, e le scelte etiche e morali che si affidano alle singole coscienze o all’azione delle varie comunità di fede.

E’ sulla base di questi principi di uguaglianza e di laicità che in passato abbiamo aderito ad appelli e iniziative per il diritto al riconoscimento civile delle unioni dello stesso sesso. Diritto che riaffermiamo anche oggi da credenti evangelici, convinti che la grazia in Cristo liberamente ricevuta per mezzo della fede, non detti un codice di comportamento civile, bensì indichi a ognuno di noi una strada da percorrere con discernimento e senso di responsabilità”.

Fonte: NEV – Notizie evangeliche

Noi invece riaffermiamo che l’omosessualità è in abominio a Dio, e che coloro che la praticano e l’approvano si devono ravvedere e convertire dalle loro vie malvagie.

Leggi ‘Il nostro giudizio sui ‘matrimoni’ tra omosessuali alla luce della BIBBIA’

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/06/26/la-fcei-riafferma-il-diritto-al-riconoscimento-civile-delle-unioni-omosessuali-vergogna/