Come seguire il Signore

Fratelli e sorelle nel Signore, il mondo per voi è stato crocifisso? E voi siete stati crocifissi per il mondo? Avete rinunziato a voi stessi, prima di mettervi al seguito del Signore? E avete preso la vostra croce? Vi dico questo perché in molti son coloro che vogliono mettersi al seguito del Signore, senza però rinunziare a sé stessi e senza prendere ogni giorno la propria croce. Sappiate però che ciò è impossibile, e tutti costoro non fanno altro che illudere sé stessi, poiché non possono essere suoi discepoli. (cfr. Luca 14:25-35) Così disse l’apostolo Paolo : ‘Ma quanto a me, non sia mai ch’io mi glorî d’altro che della croce del Signor nostro Gesù Cristo, mediante la quale il mondo, per me, è stato crocifisso, e io sono stato crocifisso per il mondo.’ (Galati 6:14) Imitiamolo.

Salvatore Larizza

Annunci

Sarete perseguitati e odiati da tutti

Fratelli e sorelle nel Signore, ma vi siete mai chiesti perché Gesù disse ai suoi discepoli queste parole : ‘E sarete odiati da tutti a cagion del mio nome; ma chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato. E quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra; perché io vi dico in verità che non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che il Figliuol dell’uomo sia venuto. Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo signore. Basti al discepolo di essere come il suo maestro, e al servo d’essere come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebub il padrone, quanto più chiameranno così quei di casa sua!’? (Matteo 10:22-25) Dico, vi siete mai chiesti perché noi discepoli del Signore saremo perseguitati e odiati da tutti? Perché mai gli uomini dovrebbero perseguitarci e odiarci se facciamo loro sempre del bene, benedicendoli, aiutandoli quando sono nel bisogno e pregando per loro affinché siano salvati? E vi siete mai chiesti perché il mondo ha odiato Gesù (cfr. Giovanni 15:18) quantunque anch’Egli fece del bene dappertutto? Questo succede fratelli perché Gesù testimoniò del mondo che le sue opere erano malvage (cfr. Giovanni 7:7) e cosi facciamo ognuno di noi. Noi discepoli di Gesù, seguendo l’esempio del maestro, riceviamo dal mondo lo stesso trattamento che ricevette Gesù. È chiaro dunque perché il mondo ci odia, come è altresì chiaro perché molti che si dicon fratelli non vengono invece odiati dal mondo; perché essi non recano affatto questa stessa testimonianza che recò Gesù, poiché son divenuti in realtà amici del mondo, e per questa ragione il mondo li ama e non li odia. Costoro inoltre non vogliono vivere piamente in Cristo Gesù e di conseguenza non vengono neppure perseguitati. (cfr. 2Timoteo 3:12) Disse bene Gesù quando disse ai suoi discepoli queste parole : ‘Se il mondo vi odia, sapete bene che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe quel ch’è suo; ma perché non siete del mondo, ma io v’ho scelti di mezzo al mondo, perciò vi odia il mondo. Ricordatevi della parola che v’ho detta: Il servitore non è da più del suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma tutto questo ve lo faranno a cagion del mio nome, perché non conoscono Colui che m’ha mandato.’ (Giovanni 15:18-21) Quindi voi diletti e fedeli servitori del Signore, continuate a testimoniare del mondo che le sue opere sono malvage, senza stancarvi, e continuate a vivere in questo mondo temperatamente, giustamente e piamente, sapendo che a motivo di ciò sarete perseguitati e odiati da tutti, e perseverate cosi facendo fino alla fine dei vostri giorni. Ricordatevi della parola detta da Gesù : Il servitore non è da più del suo signore. La grazia sia con tutti voi.

Salvatore Larizza

Se avete amore gli uni per gli altri

amicizia-e-amoreNell’evangelo di Giovanni è scritto che Gesù un giorno disse ai suoi discepoli queste parole : ‘Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Com’io v’ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri. Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri.’ (Giovanni 13:34-35) E dice Giovanni nella sua prima epistola che ‘in questo è l’amore: non che noi abbiamo amato Iddio, ma che Egli ha amato noi, e ha mandato il suo Figliuolo per essere la propiziazione per i nostri peccati. Diletti, se Dio ci ha così amati, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.’ (1Giovanni 4:10-11; 1Giovanni 3:16) E’ da questo dunque, fratelli e sorelle nel Signore, che ci conosceranno che siamo suoi discepoli : se avremo amore gli uni per gli altri (cfr. 1Giovanni 3:10). Dio ha manifestato il suo grande amore per noi, dando il Suo unigenito figliuolo a morire sulla croce per ognuno di noi, dimostriamolo anche noi inverso i nostri fratelli. Un amore che si dimostra sincero anche nelle ammonizioni, ma altrettanto nella maniera come esse vengono impartite; un amore vero perché, osservando i comandamenti di Dio, faremo ciò che è giusto nel Suo cospetto, prendendo piacere nel fare il bene, e in quello soltanto.  Dunque per mezzo dell’amore servite Cristo e servite gli uni e gli altri, ma se vi mordete gli uni e gli altri, guardate di non esserne consumati. Siate invece gli uni verso gli altri benigni, misericordiosi, ricchi di bontà, sopportandovi a vicenda, amanti della giustizia e desiderosi di fare il bene. Non escano dalla vostra bocca parole offensive, piuttosto, il vostro parlare sia sempre con grazia.

 

Salvatore Larizza