Benny Hinn intervistato dalla CNN a Roma in occasione della morte di Giovanni Paolo II

Benny Hinn, mentre si trova a Roma per rendere omaggio a Giovanni Paolo II in occasione della sua morte, intervistato da una giornalista della CNN, dice che quando vede così tante persone in fila in piedi per 6-7 ore, secondo lui quelle persone stanno cercando delle risposte, sono molto affamate di Dio, e questo è un momento molto commovente per lui, perché ha appena partecipato ad una funzione religiosa speciale in memoria del papa in Vaticano, ed ha pianto pure nel vedere le persone affamate di Dio!

E questo è un giorno veramente veramente speciale nella storia del cristianesimo, in cui si vede la fame di Dio così intensa in tutto il mondo! E oltre a ciò, egli dice che lui crede che l’evento della morte di Giovanni Paolo II riporterà tante persone in Chiesa o ad osservare gli insegnamenti della Chiesa (naturalmente la Chiesa Cattolica Romana).

E dice che quello che questo caro papa ha fatto è questo: ci ha reso consapevoli del fatto che noi abbiamo bisogno di Dio. E afferma pure che vedere questa folla in Vaticano e quello che sta accadendo qua in questo momento è un tale chiaro chiaro segno che milioni di persone in tutto il mondo si stanno volgendo o convertendo a Dio.

E poi verso la fine egli afferma che il giorno dopo non parteciperà alla messa funebre, e che lui è così contento di essere venuto a Roma per onorare la memoria di questo grande papa, Giovanni Paolo II, che ha veramente toccato la sua vita come quella di milioni di persone!

Poche parole: questa è una ulteriore evidente prova che Benny Hinn è un impostore. Guardatevi da lui.

Giacinto Butindaro

Annunci

Premi in denaro contante tramite sorteggio

Dan Willis, pastore della Lighthouse Church di Chicago, si è inventato questo. Alla fine dei suoi sermoni dà dei premi in denaro contante tramite un sorteggio. Superluo dire che i membri di questa Chiesa stanno aumentando tanto di numero. Questo è il servizio della CNN che documenta tutto ciò. Ma cosa dovremo vedere ancora?

Giacinto Butindaro