Enza Tomaselli viene guarita da Dio durante il battesimo in acqua

Enza Tomaselli, che era chiamata «Enza la sorella cieca», è stata guarita durante il battesimo in acqua che ha ricevuto sulla spiaggia di Catania il 14 maggio 2017 organizzato dalla Chiesa ADI di Catania che si raduna in Via Susanna, di cui è pastore Paolo Lombardo, membro del Consiglio Generale delle ADI (Assemblee di Dio in Italia).
I fratelli che l’hanno battezzata si chiamano Carmelo Isaia (quello anziano alla sinistra di Enza) e Mario Biangiardi (quello giovane alla sua destra), che non sono pastori in quanto in seno alla Chiesa ADI sono conosciuti come collaboratori.
Enza Tomaselli è stata guarita da «Ptosi palpebrale bilaterale di grado severo. Strabismo fixus convergente». La commissione medica aveva riconosciuto Enza: «Portatore di Handicap», in base alla legge 104. Dopo la guarigione di domenica 14 maggio, Enza non chiederà i benefici INPS. Così si legge sulla pagina facebook della «Televisione Pentecostale Italiana»

Fonte: https://www.facebook.com/televisionepentecostaleitaliana/

In questo video vedrete prima il suo battesimo e il momento in cui recupera la vista; poi parte dell’intervista che le ha fatto il giornalista Salvatore Loria, fratello del presidente delle ADI Felice Antonio Loria; poi come ora cammina senza accompagnamento e guida l’auto; ed infine sentirete Paolo Lombardo confermare che Enza Tomaselli era non vedente.

A Dio, che opera tutte le cose secondo il consiglio della propria volontà, sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

P.S.

L’abbraccio con il papà ed altre persone dopo il battesimo e la guarigione …

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2017/05/19/enza-tomaselli-viene-guarita-da-dio-durante-il-battesimo-in-acqua/

Tommaso Grazioso: ‘Il portafoglio è l’apriscatola del cuore’

Tommaso Grazioso, che è pastore negli Stati Uniti e viene chiamato da tante chiese ADI in Italia a predicare, ed è tenuto in grandissima stima ed ammirazione nelle ADI, durante il 5° Convegno Giovanile delle ADI tenutosi nel 1990 a Catania, durante una sua predicazione sul risveglio ha affermato quanto segue:

‘Poiché la Bibbia dice: ‘Noi siamo collaboratori di Dio’, e stasera vogliamo collaborare con Dio per un risveglio a Catania in questo raduno giovanile. Che cosa possiamo fare noi stasera? Vogliamo un risveglio? (Amen) Vediamo. Voi della tenda volete un risveglio? (Amen) Vi abbiamo sentiti. La prima cosa che ci vuole, questa è la prima pillola, è un pò difficile a ingoiare ma è indispensabile, si trova quietemente nascosta, camuffata nell’ultimo libro del Vecchio Testamento come una mina esplosiva, in Malachia capitolo 3 e versetto 10. E’ giusta questa parola: ‘Mina esplosiva, un ordigno nascosto sotto il suolo’? Se tu vuoi che Dio apre le cateratte del cielo e che egli riversa su te tanta benedizione che non vi sia più dove riporla – quanti vogliono ….? è una promessa fatta dal Signore, lui questo è il suo lavoro: risveglio – allora che cosa dobbiamo fare noi? – porta tutte le decime nella casa del Signore aiaiaiaiaiaia – voglio la benedizione sì, ma c’è anche la mia parte allora! – Dio assolutamente non darà nell’offerta per te. Quando i fratelli passano coi sacchetti sono sicuro se tu dici: ‘Fratello aspetta che Dio verrà qui lui metterà l’offerta per me’, aspetteremo fino al secondo ritorno del Signore. Tu lo devi fare, non Dio, e oltre devi fare questo con un immenso senso di allegrezza e di gratitudine. Chi avrebbe mai sognato che Dio avesse nascosto un risveglio nei sacchetti dell’offerta? Non che noi possiamo pagare per il risveglio o perchè Dio ha bisogno di ricevere. Ma noi abbiamo bisogno di dare, l’uomo avaro ha bisogno di dare. Lo spirito adamico dentro di noi è pieno di avarizia e Dio non ha bisogno della nostra offerta, ma noi abbiamo bisogno di dare, è importante. Il portafoglio è l’apriscatola del cuore. Io lo so che l’offerta per molti è nient’altro che un intervallo che interrompe il culto come le reclami di pubblicità che interrompono i programmi televisivi; insomma, qui abbiamo un interruzione fratelli e dobbiamo prendere l’offerta e poi ritorneremo al sodo, ritorneremo alla parte spirituale perchè questo non fa parte veramente del culto spirituale. Ma se noi leggiamo in San Luca, noi vediamo Gesù che andava nel tempio e li guardava non quando pregavano, li guardava non quando cantavano, li guardava non quando adoravano o predicavano, ma lui li guardava mentre davano nell’offerta e lui poi ha visto quella vedova; vi ricordate? durante il culto quando i fratelli vanno lì con i sacchetti, chi lo sa, può darsi il tuo risveglio si è nascosto dentro quel sacchetto. Il Signore sta guardando al vostro cuore per vedere se avete un cuore veramente generoso, e che date con allegria alla gloria del Signore’.

Che dirò dinnanzi a queste parole e a questi ragionamenti? Che coloro che li proferiscono sono dall’apostolo Paolo chiamati giustamente “ribelli, cianciatori e seduttori di menti, …. ai quali bisogna turar la bocca; uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno” (Tito 1:10-11).

Costoro sono ribelli perchè rifiutano di ubbidire alla Parola del Signore, cianciatori perchè proferiscono profane ciance che rodono come fa la cancrena, e seduttori di menti perchè con il loro parlare dolce e lusinghevole seducono i semplici. E perchè insegnano queste cose storte e perverse? Perchè amano il denaro.

Ma entriamo nel merito del discorso di Tommaso Grazioso per confutare le sue ciance.
Innanzi tutto il risveglio di un credente non dipende dal dare la decima e neppure dal dare le offerte, e questo perchè il risveglio in un credente che dorme avviene per volere di Dio che decide di risvegliarlo dal torpore spirituale in cui è caduto, operando in lui il volere e l’operare per la sua benevolenza, e questo risveglio ha sempre origine da un ritorno alla Parola del Signore, e quindi dalla conoscenza della Parola di Dio. Questo significherà che egli si ravvederà dai suoi peccati, li confesserà e abbandonerà, e deciderà di attenersi a tutto il consiglio di Dio e di santificarsi praticamente, cosa che non faceva prima. Certamente quando si verifica un risveglio in un credente egli darà e si guarderà da ogni avarizia, ma non si sentirà spinto a dare la decima perchè la decima non fa parte della legge di Cristo ma della legge di Mosè. In altre parole quando avviene un risveglio nel credente, egli non si sentirà spinto a dare la decima, perchè viene alla conoscenza che ora sotto la legge di Cristo è chiamato a dare secondo che ha deliberato in cuore suo, senza essere vincolato dal precetto della decima. Ho dimostrato ampiamente in un mio studio che non è giusto insegnare il pagamento della decima sotto la grazia, e quindi vi esorto a leggerlo. Quindi il dare la decima come anche il dare offerte non è una condizione indispensabile per sperimentare un risveglio nella propria vita o in seno alla comunità di appartenenza.
Affermare quindi che Dio ha nascosto il risveglio nel cestino delle offerte, o che il portafoglio è l’apriscatola del cuore, è assolutamente sbagliato. Anche perchè si fa passare il risveglio come il risultato di una sorta di baratto o di compravendita tra Dio e la Chiesa: ‘Noi diamo soldi a Dio, e Lui ci ricambia risvegliandoci spiritualmente’. E qui vorrei far presente che dato che quando noi parliamo di risveglio in una Chiesa ci riferiamo anche a miracoli e guarigioni da malattie, a battesimi con lo Spirito Santo, e a doni dello Spirito Santo distribuiti da Dio; portare un simile messaggio equivale a dire: ‘Diamo soldi a Dio, e vedrete che Lui farà accadere queste cose in mezzo a noi!’ E quindi queste cose è come se Dio le donasse alla Chiesa in cambio di denaro, quando invece Egli le dona liberamente secondo il consiglio della sua propria volontà! Peraltro il dare la decima o soldi al Signore è da Grazioso messo pure al primo posto, è la prima pillola da ingoiare ed è considerato indispensabile. Che parlare scandaloso! E poi le ADI si mettono a biasimare quei predicatori americani che stanno continuamente a chiedere soldi facendo uso di svariati sofismi e stratagemmi. Quando loro fanno esattamente lo stesso!

A proposito, ma se, come dice Grazioso, Dio ha nascosto il risveglio nel sacchetto delle offerte, come mai né Gesù e né gli apostoli fecero mai passare il sacchetto delle offerte dopo o prima di una loro predicazione? Ce lo dovrebbe spiegare questo Tommaso Grazioso.

Ed ancora, l’unica cosa giusta detta da Grazioso in questo stralcio della sua predicazione è che la decima è una ‘mina esplosiva’, ma in quanto è un precetto dannoso per la fratellanza sotto la grazia, in quanto sovverte le Chiese e le porta sotto il giogo della legge! Ecco perchè noi non la insegniamo; per non danneggiare la Chiesa. Ma lui evidentemente non si cura della Chiesa, perchè ha a cuore il suo portafoglio e il ‘tesoro’ delle ADI, ecco perchè fa uso di questa mina esplosiva!

Pastori ADI che ragionate e parlate in questa maniera, vi esorto a ravvedervi e convertirvi, perchè siete d’intoppo alla fratellanza e al mondo.

Fratelli che frequentate questo tipo di Chiese dove vi viene trasmesso questo falso insegnamento: ‘Ritiratevi da esse, i loro conduttori sono dei servi di Mammona’.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2011/02/09/tommaso-grazioso-il-portafoglio-e-lapriscatola-del-cuore/