Nomi scritti nel libro della vita e nomi che verranno cancellati

Cielo e SoleElezione del popolo di Israele
‘E l’Eterno disse a Mosè: ‘Quando sarai tornato in Egitto, avrai cura di fare dinanzi a Faraone tutti i prodigi che t’ho dato potere di compiere; ma io gl’indurerò il cuore, ed egli non lascerà partire il popolo. E tu dirai a Faraone: Così dice l’Eterno: Israele è il mio figliuolo, il mio primogenito; e io ti dico: Lascia andare il mio figliuolo, affinché mi serva; e se tu ricusi di lasciarlo andare, ecco, io ucciderò il tuo figliuolo, il tuo primogenito’.’ (Esodo 4:21-23)

‘Poiché tu sei un popolo consacrato all’Eterno, ch’è l’Iddio tuo; l’Eterno, l’Iddio tuo, ti ha scelto per essere il suo tesoro particolare fra tutti i popoli che sono sulla faccia della terra. L’Eterno ha riposto in voi la sua affezione e vi ha scelti, non perché foste più numerosi di tutti gli altri popoli, ché anzi siete meno numerosi d’ogni altro popolo; ma perché l’Eterno vi ama, perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri, l’Eterno vi ha tratti fuori con mano potente e vi ha redenti dalla casa di schiavitù, dalla mano di Faraone, re d’Egitto.’ (Deuteronomio 7:6-8)

‘Ecco, all’Eterno, al tuo Dio, appartengono i cieli, i cieli dei cieli, la terra e tutto quanto essa contiene; ma soltanto ne’ tuoi padri l’Eterno pose affezione, e li amò; e, dopo loro, fra tutti i popoli, scelse la loro progenie, cioè voi, come oggi si vede.’ (Deuteronomio 10:14-15)

‘Poiché egli si ricordò della sua parola santa e d’Abrahamo, suo servitore; e trasse fuori il suo popolo con allegrezza, i suoi eletti con giubilo.’ (Salmi 105:42-43)

Riprovazione da parte di Dio di alcuni del popolo di Israele (Popolo eletto e amato, e nel quale Egli aveva posto la Sua affezione)

Parole di Dio sotto la legge


‘I figliuoli di Levi eseguirono l’ordine di Mosè, e in quel giorno caddero circa tremila uomini. Or Mosè avea detto: ‘Consacratevi oggi all’Eterno, anzi ciascuno si consacri a prezzo del proprio figliuolo e del proprio fratello, onde l’Eterno v’impartisca una benedizione’. L’indomani Mosè disse al popolo: ‘Voi avete commesso un gran peccato; ma ora io salirò all’Eterno; forse otterrò che il vostro peccato vi sia perdonato’. Mosè dunque tornò all’Eterno e disse: ‘Ahimè, questo popolo ha commesso un gran peccato, e s’è fatto un dio d’oro; nondimeno, perdona ora il loro peccato! Se no, deh, cancellami dal tuo libro che hai scritto!’ E l’Eterno rispose a Mosè: ‘Colui che ha peccato contro di me, quello cancellerò dal mio libro!’ (Esodo 32:28-33)

Parole dello Spirito Santo (per bocca di Davide) :

Sian cancellati dal libro della vita, e non siano iscritti con i giusti.’ (Salmi 69:28)

Ora, alcuni si chiederanno se questa possibilità sia stata in qualche modo confermata anche sotto la Grazia. La risposta è SI.

Parole del Figliuolo di Dio sotto la Grazia :

Chi vince sarà così vestito di vesti bianche, ed io non cancellerò il suo nome dal libro della vita, e confesserò il suo nome nel cospetto del Padre mio e nel cospetto dei suoi angeli. Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese.’ (Apocalisse 3:5-6)

Difatti per coloro che vengono cancellati dal libro della vita, e che dunque commettono il ‘peccato che mena a morte’, non sarà più possibile da capo rinnovarli a ravvedimento perchè crocifiggono per conto loro il Signore una seconda volta. La Scrittura parla di nomi di uomini (e non quelli di tutti gli uomini cfr. Apocalisse 13:8) scritti nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo e parla anche che alcuni di questi nomi verranno cancellati, ma non parla affatto di nomi che verranno riscritti. Non è possibile dunque che il loro nome, dopo essere stato cancellato da Dio, venga riscritto fra i giusti.  Anzi, sarebbe stato meglio per loro non aver mai conosciuto la via della giustizia che dopo averla conosciuta voltare le spalle al comandamento che gli era stato dato; rinnegando cosi il Signore che li aveva riscattati. La loro condizione ultima sarà peggiore della prima. E questo perchè è scritto : ‘il mio giusto vivrà per fede; e se si trae indietro, l’anima mia non lo gradisce.’ (Ebrei 10:38). Dunque lo stesso giusto che vive per la sua fede o che sussite per la sua fede (cfr. Romani 11:20) SE si trae indietro (quindi se smette di credere diventando un incredulo) l’anima di Dio non lo gradisce; perchè ricordatevi fratelli che senza la fede non si può piacere a Dio, non si può essere a Lui graditi (cfr. Ebrei 11:6).

Vi suscita timore questa dottrina? A me, si, e tanto pure! Considerate dunque la benignità di Dio ma anche la sua severità! Abbiate piena certezza della vita eterna misto a un santo timore!

Dunque fratelli continuate a credere fermamente nel Signore, e cosi facendo vivrete a cagione della vostra fede e sarete dichiarati giusti nel Suo cospetto, ma sappiate altresi che se vi trarrete indietro e smetterete di credere in Lui diventerete degli ingiusti e non erediterete affatto il regno di Dio.  Nessuno si illuda.

‘Non sapete voi che gli ingiusti non erederanno il regno di Dio? Non v’illudete; né i fornicatori, né gl’idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti,  né i ladri, né gli avari, né gli ubriachi, né gli oltraggiatori, né i rapaci erederanno il regno di Dio.’ (1Corinzi 6:9-10) 

Salvatore Larizza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...