Il pastore pentecostale Edoardo Piacentini invoca la benedizione di Dio su ordinandi sacerdoti

– Cliccare nella foto per ingrandire –

Edoardo Piacentini, in un commento su Facebook, e precisamente nella bacheca dell’evento di una ordinazione di preti della Chiesa Cattolica Romana in Francia, ha scritto quanto segue in lingua francese il 7 maggio 2010 alle ore 21.40 (questo commento si trova qua in basso, ma noi per ragioni di spazio lo abbiamo messo in cima):

“Dieu bénira ces ordinands et ta vie grandement cher frère. Une embrassade fraternelle”

che tradotto significa:

“Dio benedirà questi ordinandi e la tua vita grandemente caro fratello. Un fraterno abbraccio.”

Qui ecco un video con delle foto dell’evento:

Che dire? Veramente scandaloso e molto preoccupante che un pastore evangelico pentecostale invochi la benedizione di Dio su una ordinazione che è in abominio nel Suo cospetto, perchè sono stati ordinati degli uomini idolatri, che pretendono di rimettere i peccati agli uomini e di offrire Cristo stesso ogni giorno nella messa in propiziazione per i peccati dei vivi e dei morti, e che insegnano che si viene salvati per opere e non per grazia, per citare solo alcune delle tante cose abominevoli nel cospetto di Dio che fanno i sacerdoti della Chiesa Cattolica Romana.

Poi notate anche i toni fraterni (‘caro fratello’, ‘abbraccio fraterno’) con cui si esprime nei confronti di chi lo ha invitato all’evento, che se fosse un Cattolico Romano (non possiamo dire con assoluta certezza che sia un Cattolico Romano in quanto non sappiamo da chi esattamente il Piacentini ha ricevuto questo invito, ma le probabilità che si tratti di un cattolico romano ci sono tutte) mostrano chiaramente come lui si pone nei confronti dei Cattolici Romani, cioè che praticamente li considera dei fratelli.

Alla luce di ciò quindi si comprende bene il perchè lui frequenta le riunioni ecumeniche a cui viene invitato: non per evangelizzare i cattolici romani affinchè si convertano ed escano dalla Chiesa Cattolica Romana – come lui falsamente sostiene e vuole furbescamente fare credere ai semplici -, ma per ricercare l’unità con loro.

Questo uomo è quindi molto pericoloso per la fratellanza: guardatevi e ritiratevi da lui, e da tutti coloro che approvano e incoraggiano questo suo operare.

Ricordatevi che la Scrittura ci comanda:

“Non vi mettete con gl’infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunanza v’è egli fra la giustizia e l’iniquità? O qual comunione fra la luce e le tenebre? E quale armonia fra Cristo e Beliar? O che v’è di comune tra il fedele e l’infedele? E quale accordo fra il tempio di Dio e gl’idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’Iddio vivente, come disse Iddio: Io abiterò in mezzo a loro e camminerò fra loro; e sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. Perciò Uscite di mezzo a loro e separatevene, dice il Signore, e non toccate nulla d’immondo; ed io v’accoglierò, e vi sarò per Padre e voi mi sarete per figliuoli e per figliuole, dice il Signore onnipotente” (2 Corinzi 6:14-18).

E questo pastore ha fatto proprio questo: si è messo con gli infedeli.

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2011/01/11/il-pastore-pentecostale-edoardo-piacentini-invoca-la-benedizione-di-dio-su-ordinandi-sacerdoti/

 

Annunci

2 commenti su “Il pastore pentecostale Edoardo Piacentini invoca la benedizione di Dio su ordinandi sacerdoti

  1. Edoardo Piacentini ha detto:

    Poichè in questi ultimi tempi, a causa di certi nemici degli evangelici e dell’Evangelo, qualsiasi contatto o rapporto di amicizia con il mondo cattolico viene scambiato per adesione all’ecumenismo, vale a dire a quel progetto tendente a riunire sotto una sola chiesa tutte le confessioni cristiane, progetto che è irrealizzabile per mille motivi, desidero precisare che se è vero, come è senz’altro vero, che non si può fare lega con l’eresia, è altresì vero che per presentare il messaggio della salvezza per grazia mediante la sola fede nel Signore Gesù Cristo è importante avere rapporti cordiali con chi non la pensa come noi. Trattare gli altri con disprezzo e rifiutare qualsiasi dialogo con chi non la pensa come noi ha come conseguenza l’isolamento ed il fallimento del grande mandato che il Signore ci ha affidato. L’eresia non è dialogare con i cattolici, ma è venerare santi e statue, credere che le opere siano necessarie alla salvezza, invocare Maria quale mediatrice tra Dio e l’uomo, insegnare che il vicario di Cristo sia il Papa e non lo Spirito Santo, ecc. Dialogare con cordialità e con garbo, essere disposti all’amicizia con i cattolici, ci offre la possibilità, con il tempo, di affrontare questi argomenti con loro e di far comprendere ai nostri amici che certe dottrine sono errate dal punto di vista biblico. Lo stesso discorso vale anche con i testimoni di Geova, con i mormoni e con tutte quelle sette pseudocristiane, che insegnano false dottrine, per cui se certi non si sentono in grado di dialogare anche con sacerdoti cattolici o ministri di altre confessioni, lo lasciasse fare a chi lo sa e lo sente di fare, senza esprimere giudizi temerari e senza fare la caccia alle streghe, anzi dovrebbe sentire il dovere di pregare affinchè il Signore usi chi ha le capacità e la vocazione di fare quello che altrii non sono capaci di fare. Ricordiamo, infine, che gentilezza, cordialità, buona educazione, amore, accoglienza, tenerezza, compassione, misericordia, fede ed altre virtù dovrebbero essere presenti nei credenti che stanno crescendo nella fede, l’apostolo Paolo definisce tali virtù il frutto dello Spirito, mentre al contrario certi manifestano solo quelle che lo stesso apostolo definisce opere della carne, precisando che chi fa cotali cose non entrerà nel regno di Dio (Galati 5:21). E tra le opere della carne Paolo cita le seguenti: inimicizie, contese, gelosie, ire, risse, divisioni, sette e invidie… Dio ci benedica

    • SALVATORE LARIZZA ha detto:

      Ancora ha il coraggio di replicare e di continuare ad appigliarsi sugli specchi! Ma come fà a dire : Dio benedirà questi ordinandi.. , ma non si vergogna ! E come fà a chiamare nemici degli evangelici e dell’Evangelo coloro che la riprendono, e invece chiama continuamente “amici” i cattolici. Io credo che sia caduto in un laccio del nemico, e nemmeno se ne stà rendendo conto, perciò la esorto a ravvedersi e a cominciare a ragionare nella maniera biblica, perchè ritengo sia una persona confusa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...