Ezechiele 18:32 ?

In merito ad Ezechiele 18:32 : “Poiché io non ho alcun piacere nella morte di colui che muore, dice il Signore, l’Eterno. Convertitevi dunque, e vivrete!”
In molti hanno commentato questo verso con la conclusione che il destino dipende dalla volontà dell’uomo, e di conseguenza tendono ad annullare la dottrina dell’elezione, affermando che alla fin fine non esistono dei vasi d’ira preparati per la perdizione (rif. Romani 9:22); ma stà altresì scritto :
“E avverrà che come l’Eterno prendeva piacere a farvi del bene e moltiplicarvi, così l’Eterno prenderà piacere a farvi perire e a distruggervi; e sarete strappati dal paese del quale vai a prender possesso.” (Deuteronomio 28:63). Vedete che questi due passi sembrino in opposizione l’un l’altro?  Ho detto sembrino, perchè appunto in realtà essi non lo sono. Bisogna dunque capire ciò in cui Dio prende piacere. Quindi nonostante, la morte degli empi non rappresenti affatto una gioia per Dio, Egli sà comunque trarsi gloria e onore da loro, giudicandoli giustamente, per come essi meritano; poichè sappiam bene che Dio è Amore, ma sappiamo anche che Egli è un fuoco consumante (rif. Ebrei 12:29).
Iddio dunque non prende piacere nella morte dell’empio, ma resta comunque fermo il fatto che Egli prende piacere che il suo nome sia esaltato e sia glorificato per tutta la terra, e per fare ciò suscita alcuni empi appunto per questo scopo, come il caso di faraone (rif. Romani 9:17).
Egli dunque resta comunque libero di fare Grazia a chi vorrà fare Grazia, e di avere compassione di chi vuole (rif.Romani 9:15).  Nulla da ridire al suo operato, e chi ardirebbe farlo, oppure chi oserebbe semplicemente dirgli che fai? (rif. Daniele 4:35).
In conclusione la dottrina dell’elezione non viene assolutamente intaccata, nè da questo verso, nè da tutti gli altri, ma d’altronde non può esserlo; essa è in armonia con tutta la Sacra Scrittura, bisogna solo saper tagliare rettamente la Parola di Dio.
Quindi temiamo Iddio e la sua Parola, Egli è il sovrano (rif. 1Cronache 29:11), regge tutto nelle Sue mani, Egli ci ha creati per la Sua gloria (rif. Isaia 43:7) così come ha creato l’empio per il dì della sua sventura (rif. Proverbi 16:4). Non contendiamo con Lui, Egli stà in cielo e fà tutto ciò che a Lui piace (rif. Salmi 115:3)

  La grazia sia con tutti quelli che amano il Signor nostro Gesù Cristo con purità incorrotta.

Larizza Salvatore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...