Dio ha cura di noi

La Scrittura insegna che il nostro Dio è un Dio che ha cura di tutti coloro che lo temono e provvede ai loro bisogni.

Gesù Cristo, il Figlio di Dio venuto nel mondo, spiegò in svariate maniere come Dio ha cura di noi suoi figliuoli. Ecco quello che disse: “Niuno può servire a due padroni; perché o odierà l’uno ed amerà l’altro, o si atterrà all’uno e sprezzerà l’altro. Voi non potete servire a Dio ed a Mammona. Perciò vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vita vostra di quel che mangerete o di quel che berrete; né per il vostro corpo, di che vi vestirete. Non è la vita più del nutrimento, e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, non mietono, non raccolgono in granai, e il Padre vostro celeste li nutrisce. Non siete voi assai più di loro? E chi di voi può con la sua sollecitudine aggiungere alla sua statura pure un cubito? E intorno al vestire, perché siete con ansietà solleciti? Considerate come crescono i gigli della campagna; essi non faticano e non filano; eppure io vi dico che nemmeno Salomone, con tutta la sua gloria, fu vestito come uno di loro. Or se Iddio riveste in questa maniera l’erba de’ campi che oggi è e domani è gettata nel forno, non vestirà Egli molto più voi, o gente di poca fede? Non siate dunque con ansietà solleciti, dicendo: Che mangeremo? che berremo? o di che ci vestiremo? Poiché sono i pagani che ricercano tutte queste cose; e il Padre vostro celeste sa che avete bisogno di tutte queste cose. Ma cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte. Non siate dunque con ansietà solleciti del domani; perché il domani sarà sollecito di se stesso. Basta a ciascun giorno il suo affanno” (Matt. 6:24-34).

Se dunque Dio ciba gli uccelli del cielo e riveste l’erba dei campi, tutte cose che paragonate a noi suoi figliuoli sono nettamente inferiori quanto a importanza, non possiamo immaginare e neppure credere che Lui si disinteressi di noi quando noi ci troviamo nel bisogno di mangiare perché non abbiamo nulla, o nel bisogno di un vestito o di un paio di scarpe quando ne abbiamo bisogno. Siamo molto più degli uccelli del cielo e dell’erba dei campi per Dio!

Ma la cura di Dio verso di noi non si limita al mangiare e al vestire, ma a qualsiasi altro bisogno materiale in cui possiamo venirci a trovare, tanto è vero che sia Pietro che Paolo, apostoli di Cristo Gesù, esortano a confidare appieno in Dio in OGNI nostro bisogno. Ecco le loro parole: Pietro dice: “Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché Egli v’innalzi a suo tempo, gettando su lui ogni vostra sollecitudine, perch’Egli ha cura di voi” (1 Piet. 5:6-7); e Paolo dice: “Il Signore è vicino. Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma in ogni cosa siano le vostre richieste rese note a Dio in preghiera e supplicazione con azioni di grazie. E la pace di Dio che sopravanza ogni intelligenza, guarderà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù” (Fil. 4:5-7).

Ma Dio supplirà veramente ai nostri bisogni che noi gli rendiamo noti? Può essere mai che un Dio così grande possa rispondere alle richieste più svariate di noi infimi esseri umani? Sì Dio supplirà ai nostri bisogni, non importa di che entità essi siano, cioè non importa se possono sembrare piccoli o grandi, e questo perché la sua Parola dice: “E l’Iddio mio supplirà ad ogni vostro bisogno secondo le sue ricchezze e con gloria, in Cristo Gesù” (Fil. 4:19). Noi crediamo in questa promessa di cui abbiamo visto l’adempimento tante volte.

Non ci dobbiamo dunque preoccupare o disperare quando ci troviamo in qualche bisogno materiale ma pregare il nostro Dio a riguardo, pregarlo con fede e sincerità, e Lui di certo ci risponderà. Non ha forse detto Gesù: “Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; picchiate e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve; chi cerca trova, e sarà aperto a chi picchia. E qual è l’uomo fra voi, il quale, se il figliuolo gli chiede un pane gli dia una pietra? Oppure se gli chiede un pesce gli dia un serpente? Se dunque voi che siete malvagi, sapete dar buoni doni ai vostri figliuoli, quanto più il Padre vostro che è ne’ cieli darà Egli cose buone a coloro che gliele domandano!” (Matt. 7:7-11)? Non ha forse sempre Gesù detto: “E tutte le cose che domanderete nella preghiera, se avete fede, le otterrete” (Matt. 21:22) ed anche: “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto” (Giov. 15:7), ed ancora: “In verità, in verità vi dico che quel che chiederete al Padre, Egli ve lo darà nel nome mio” (Giov. 16:23)? Perché dunque dubitare? Anzi vi dirò che talvolta Dio supplisce ai nostri bisogni ancora prima che noi glieli notifichiamo o mentre stiamo ancora pregando secondo che è scritto: “E avverrà che, prima che m’invochino, io risponderò; parleranno ancora, che già li avrò esauditi” (Is. 65:24).

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/05/27/dio-ha-cura-di-noi/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...