Ci si può sviare dalla verità se non si è nella verità?

Ci si può sviare dalla verità se non si è nella verità? Ci si può sviare dalla fede senza essere nella fede? Ovviamente la risposta è ‘no’. Quindi chi si svia dalla verità, ERA nella verità, e chi si svia dalla fede ERA nella fede. Ma se qualcuno vi dicesse che si può uscire da una casa, senza esserci dentro, o che uno può uscire di strada senza essere sulla strada, voi cosa gli direste? Che è un insensato.
E purtroppo di questi insensati ce ne sono molti: pensate costoro (sono quelli che sostengono la falsa dottrina ‘una volta salvati, salvati per sempre’) arrivano a rispondere alla domanda: ‘Chi perde la salvezza, ce l’ha mai avuta?’, con un secco ‘No, non l’ha mai avuta’. E perchè questo? Perchè è gente ostinata di cuore, dura di cuore e di orecchi, che rifiuta di attenersi alla Scrittura, che dice molto, ma molto, chiaramente: “Il mio giusto vivrà per fede; e se si trae indietro, l’anima mia non lo gradisce. Ma noi non siamo di quelli che si traggono indietro a loro perdizione, ma di quelli che hanno fede per salvar l’anima” (Ebrei 10:38-39).
Ora, ascoltatemi ostinati di cuore. Qui lo scrittore dice che il giusto vivrà per fede e se si trae indietro, Dio non lo gradisce. Sta parlando del giusto, non del peccatore che è ancora morto nei suoi peccati e nelle sue trasgressioni. Il giusto è stato vivificato per fede, e quindi è vivo spiritualmente avendo la fede in Cristo. Ma ecco, che Dio avverte che se il suo giusto si trae indietro la sua anima non lo gradisce. Quindi fino a che il giusto rimane nella fede, o vive per fede, Dio lo gradisce, ma se si tira indietro Dio non lo gradisce più. Per tirarsi indietro, deve per forza di cose dunque avere cominciato a camminare con il Signore un giorno, e difatti è chiamato ‘il giusto’. E quindi il giusto è colui che essendo stato giustificato, ha preso a camminare unito al Signore, sulla via santa. Ma Dio lo ammonisce affinchè continui a camminare unito al Signore, e non torni indietro, perchè in questo caso Dio lo rigetterà. Quindi, è in questa maniera che Dio lo incoraggia a perseverare nella fede, in quanto se non persevererà sarà rinnegato e andrà in perdizione, e dice che ci sono quelli che si traggono indietro a loro perdizione, il che significa che esiste non solo l’eventualità che il giusto si tragga indietro, ma esistono dei giusti che si sono tratti indietro e sono andati in perdizione. La ragione è perchè hanno smesso di credere, hanno gettato via la fede che avevano ricevuto da Dio, che dunque era una fede vera, e non poteva essere altrimenti perchè erano dei giusti.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2012/08/13/ci-si-puo-sviare-dalla-verita-se-non-si-e-nella-verita/

Credono o non credono per un tempo?

Nella parabola del seminatore raccontata da Gesù leggiamo a proposito di una parte della semenza: “E un’altra cadde ne’ luoghi rocciosi ove non avea molta terra; e subito spuntò, perché non avea terreno profondo; ma, levatosi il sole, fu riarsa; e perché non avea radice, si seccò” (Matteo 13:5-6), e la spiegazione data da Gesù a queste sue parole è la seguente: “E quelli sulla roccia sono coloro i quali, quando hanno udito la Parola, la ricevono con allegrezza; ma costoro non hanno radice, credono per un tempo, e quando viene la prova, si traggono indietro” (Luca 8:13).
Ora, ci sono taluni – sono coloro che sostengono la falsa dottrina ‘una volta salvati, sempre salvati’ – che sulle seguenti parole di Gesù: “credono per un tempo” dicono che in realtà costoro che si traggono indietro non avevano realmente creduto, e quindi non erano veramente salvati. Ovviamente questo lo dicono per avvalorare la loro tesi che quelli di cui si dice che hanno perso la salvezza in realtà non l’avevano mai ricevuta.
Ma stanno così le cose come dicono costoro? No, affatto. E ve lo dimostro.
Innanzi tutto voglio farvi notare che il seme sui luoghi rocciosi viene dopo il seme lungo la strada del quale Gesù disse: “Fu calpestato e gli uccelli del cielo lo mangiarono” (Luca 8:5), il che significa che “quelli lungo la strada son coloro che hanno udito; ma poi viene il diavolo e porta via la Parola dal cuor loro, affinché non credano e non siano salvati” (Luca 8:12).
Cosa voglio dire con questo? Che tra le due semenze c’è una differenza netta, in quanto il seme lungo la strada non potè neppure crescere in quanto il diavolo lo ha portato via dal cuore degli ascoltatori prima che potesse cominciare a crescere, “affinchè non credano e non siano salvati”. Di questi dunque si deve dire che non sono giunti a credere e quindi non erano salvati. Notate come Gesù è stato chiaro a riguardo di costoro? Di questi infatti Gesù ha detto sostanzialmente che non hanno creduto e quindi non sono stati salvati. Ma per quanto riguarda il seme nei luoghi rocciosi, le cose sono differenti, perchè il seme “subito spuntò” (Marco 4:5), il che significa che la Parola era stata da loro ricevuta, infatti Gesù ha detto di costoro che “quando hanno udito la Parola, la ricevono con allegrezza” che significa che essi avevano creduto. Vorrei ricordarvi infatti che il fatto di ricevere la Parola equivale ad avere creduto nel Signore, infatti Gesù stesso disse al Padre in merito ai suoi discepoli: “… le parole che tu mi hai date, le ho date a loro; ed essi le hanno ricevute, e hanno veramente conosciuto ch’io son proceduto da te, e hanno creduto che tu m’hai mandato” (Giovanni 17:8). Notate che prima Gesù dice ‘essi le hanno ricevute’ e poi ‘hanno creduto che tu m’hai mandato”. C’è forse qualcuno che può insinuare che i discepoli del Signore non avevano veramente creduto in Lui?
Anche Luca conferma questo significato infatti negli Atti dice: “Or gli apostoli ch’erano a Gerusalemme, avendo inteso che la Samaria avea ricevuto la parola di Dio, vi mandarono Pietro e Giovanni” (Atti 8:14), il che vuol dire che gli apostoli avevano udito che in Samaria i Samaritani avevano creduto al Vangelo, infatti poco prima sempre Luca dice: “Ma quand’ebbero creduto a Filippo che annunziava loro la buona novella relativa al regno di Dio e al nome di Gesù Cristo, furon battezzati, uomini e donne” (Atti 8:12). Anche qui, c’è qualcuno che vuole insinuare che quei Samaritani non avevano veramente creduto?
Anche Paolo quando usò questa espressione nella sua prima epistola ai Tessalonicesi volle dire che essi avevano creduto, infatti dice loro: “E per questa ragione anche noi rendiamo del continuo grazie a Dio: perché quando riceveste da noi la parola della predicazione, cioè la parola di Dio, voi l’accettaste non come parola d’uomini, ma, quale essa è veramente, come parola di Dio, la quale opera efficacemente in voi che credete” (1 Tessalonicesi 2:13). Il fatto dunque che i Tessalonicesi avevano ricevuto dagli apostoli la parola della predicazione, vuole dire che essi avevano creduto nella parola della croce. Mi pare evidente tutto ciò come la luce del sole che splende nella sua forza.
Dunque, quelli che hanno ricevuto il seme in luoghi rocciosi hanno creduto, in quanto hanno ricevuto la Parola con gioia come l’abbiamo peraltro ricevuta noi al principio.
Ma cosa succede a questo seme sui luoghi rocciosi? Che “è di corta durata” (Matteo 13:21), in quanto non aveva terreno profondo, e levatosi il sole, fu riarso e perchè non aveva radice si seccò (cfr. Matteo 13:5-6). Costoro che ricevono il seme in luoghi rocciosi dunque credono nella Parola, ma non perseverano fino alla fine nella fede perché quando arriva la persecuzione a motivo della Parola si tirano indietro. È detto chiaramente di loro che credono per un tempo, e quindi si tirano indietro a loro perdizione.
Se Gesù ha detto che ‘credono per un tempo’ vuol dire che avevano creduto, e se avevano creduto avevano accettato il Vangelo della grazia di Dio ed erano stati salvati anche loro. O vogliamo dare un altro significato alle parole del Maestro? Ma se quella parte di semenza era spuntata, o era nata, evidentemente un inizio c’era stato, non vi pare? E poi perché mai Gesù avrebbe parlato di prova, se si fosse trattato di persone che non avevano veramente creduto? Chi sono coloro che Dio prova mediante la persecuzione? Non sono forse i credenti, cioè quelli che hanno la fede, secondo che dice Giacomo ai santi: “Fratelli miei, considerate come argomento di completa allegrezza le prove svariate in cui venite a trovarvi, sapendo che la prova della vostra fede produce costanza. E la costanza compia appieno l’opera sua in voi, onde siate perfetti e completi, di nulla mancanti” (Giacomo 1:2-4), ed anche Pietro: “Nel che voi esultate, sebbene ora, per un po’ di tempo, se così bisogna, siate afflitti da svariate prove, affinché la prova della vostra fede, molto più preziosa dell’oro che perisce, eppure è provato col fuoco, risulti a vostra lode, gloria ed onore alla rivelazione di Gesù Cristo; il quale, benché non l’abbiate veduto, voi amate; nel quale credendo, benché ora non lo vediate, voi gioite d’un’allegrezza ineffabile e gloriosa, ottenendo il fine della fede: la salvezza delle anime” (1 Pietro 1:6-9). Avete notato che ambedue parlano ai santi di ‘prova della vostra fede’? Dunque nel caso di quelli che ricevono la semenza in luoghi rocciosi, va detto che non superano la prova della loro fede a cui Dio li sottopone.
E poi Gesù ha parlato di costoro che “non hanno in sé radice ma son di corta durata; e poi, quando venga tribolazione o persecuzione a cagion della Parola, son subito scandalizzati” (Marco 4:17). Perchè mai dunque dovrebbero essere perseguitati o tribolati questi a motivo della Parola di Dio, se non hanno veramente creduto? Se il motivo della persecuzione che ricevono è la Parola, vuole dire dunque che essi avevano creduto.
E poi perché Gesù avrebbe dovuto dire di costoro che “si traggono indietro” (Luca 8:13), se non avevano mai cominciato a camminare? Se uno sta fermo, e non si muove, cioè se non prende mai la strada maestra che gli è indicata dal Vangelo di Dio, come può tirarsi indietro?
Dunque quelli che si tirano indietro a loro perdizione sono quelli che credono per un tempo, e quando viene la prova o la persecuzione rinnegano il Signore, commettono il peccato che mena a morte, per loro c’è la perdizione, il fuoco eterno. Hanno rinnegato il Signore, e il Signore rinnegherà loro. Si sono vergognati del Signore, e il Signore si vergognerà di loro.
Ecco dunque spiegato brevemente perchè è falsa la spiegazione secondo cui quelli che hanno ricevuto la semenza in luoghi rocciosi non avevano veramente creduto.
Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

 

La grazia del Signore sia con voi

Giacinto Butindaro

Tratto da : http://giacintobutindaro.org/2012/08/16/credono-o-non-credono-per-un-tempo/

O morte, dov’è la tua vittoria? O morte, dov’è il tuo dardo?

‘Se abbiamo sperato in Cristo per questa vita soltanto, noi siamo i più miserabili di tutti gli uomini’ (1Corinzi 15:19)
‘O morte, dov’è la tua vittoria? O morte, dov’è il tuo dardo? Or il dardo della morte è il peccato, e la forza del peccato è la legge; ma ringraziato sia Dio, che ci dà la vittoria per mezzo del Signor nostro Gesù Cristo. Perciò fratelli miei diletti, state saldi, incrollabili, abbondanti sempre nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore’ (1Corinzi 15:55-58)

Massacro di cristiani in Nigeria sta producendo un risveglio

Molti cristiani sono stati uccisi  nel centro della Nigeria, il paese più abitato dell’africa. In almeno tre villaggi nel sud di Jos, la capitale dello stato di Plateau, uomini, donne e bambini sono stato tagliati a colpi di machete e sono stati bruciati.

Peter Gyang, un abitante di un villaggio di Dogo Nahawa, la più colpita dall’attacco dice che gli uomini “sparavano per spaventare le persone e in seguito uccidevano tutti a colpi di machete”

L’aumento della violenza nella Nigeria ha fortificato la fede dei cristiani locali, ed ha anche prodotto un risveglio nella chiesa Deeper Life Bible, in Gombe, dove nove cristiani sono stati fatti martiri nel giorno 5 di gennaio quando c’è stato un attacco alla chiesa. Durante il funerale, nel 19 di gennaio, molti credenti hanno dato la loro vita a Cristo, e altri, vedendo un cosi grande muovere di DIO, sono venuti a Cristo per la prima volta.

Piangendo e cantando inginocchiati, un coro di 500 partecipanti e 50 pastori si sono radunati per adorare e cercare DIO e la Sua volontà.

Come avvennero gli attacchi:

Nella giornata del 5 gennaio, Godwin Odoh, un professore di 36 anni, è andato ad una riunione di preghiera chiamata ‘ l’ora del risveglio’. Quando la chiesa fu attaccata, Godwin ha ricevuto un colpo in testa, nel torace e nelle gambe morendo sul colpo. Altri otto partecipanti sono stati uccisi, incluso bambini di 10 anni  e la moglie del pastore.

Dieci giorni dopo, Yahaya Wuro Buntu, 72, un pastore della chiesa Deeper life Bible è stato ucciso brutalmente da un gruppo di uomini che sono venuti a casa sua chiedendo sulla fede cristiana. Non era la prima volta che dei musulmani lo cercavano per parlare sulla fede, per questo egli li ha ricevuti pacificamente in casa, e cosi  loro lo hanno portato in un edificio vicino alla sua casa e lo hanno ucciso. La sua vita dedicata a DIO è stata celebrata insieme a quella degli altri 9 cristiani uccisi.

Dal momento che Boko Haram ha pubblicato un ultimatum nel giorno 3 di gennaio del 2012 minacciando con violenza i cristiani che non vogliono lasciare il nord della Nigeria, il gruppo estremista ha assunto la responsabilità di aver uccisi almeno 44 cristiani. Nel 22 di gennaio, estremisti musulmani e membri del Boko Haram hanno attaccato una chiesa nello stato di Bauchi, uccidendo almeno altri 7 cristiani.

tratto da:  http://holofote.net/massacre-de-cristaos-na-nigeria-esta-gerando-avivamento/ e http://www.estadao.com.br/noticias/impresso,massacre-na-nigeria-deixa-528-cristaos-mortos,521519,0.htm

tradotto e adattato da Haiaty Varotto

 

Fratelli e sorelle vi voglio esortare e incoraggiare a pregare per la chiesa in Nigeria che in questo momento sta passando un periodo molto difficile e sta passando dure persecuzioni. Ricordatevi dei nostri fratelli e delle nostre sorelle come se foste con loro. Se loro soffrono anche noi, essendo parti del corpo, dobbiamo soffrire.

 

Haiaty Varotto

Tratto da : http://destatevi.wordpress.com/2012/05/10/massacro-di-cristiani-in-nigeria-sta-producendo-un-risveglio/

Predicazione del 23 Settembre 2011 di Giacinto Butindaro

Ravvedetevi e credete all’Evangelo, altrimenti perirete 


Predicazione del 25 Maggio 2011 di Giacinto Butindaro

Credere per diventare predestinati? 


Predicazione del 13 Maggio 2011 di Giacinto Butindaro

Fu innalzato affinchè chiunque crede in lui abbia vita eterna 



Predicazione del 25 Aprile 2011 di Giacinto Butindaro

Beati coloro che muoiono nel Signore 


La gallina e le Bibbie – Una storia vera dalla Cina

La nostra chiesa contava 22 membri ed eravamo tutti imparentati. Durante la Rivoluzione Culturale (1966-1976) il capo della famiglia, mio nonno, dovette lavorare in campagna insieme a un vecchio pastore. Mio nonno si convertì assistendo alla morte di quell’uomo. Diceva sempre: “Non ho mai visto morire una persona in modo migliore”.

Gli altri ottanta uomini della comune trattavano male il pastore. Era picchiato ogni giorno e doveva partecipare a riunioni dove tutti quanti lo ingiuriavano chiamandolo “porco capitalista” e “idiota che crede alle favole”. Secondo mio nonno però il pastore non faceva altro che sorridere.

Lavorando con mio nonno in campagna aveva l’opportunità di parlargli senza essere disturbato. A quel tempo si dormiva nei dormitori. Sia mio nonno che il pastore non erano sposati e dormivano nello stesso letto a castello, uno sopra e l’altro sotto. Il pastore era abituato a recitare versetti biblici durante tutta la giornata e la sera si addormentava cantando al Signore, ma a voce molto bassa per non dare fastidio a nessuno. Infine morì a causa di una malattia intestinale, cantando. “Non smetteva mai di cantare”, raccontava mio nonno. Nel momento in cui il pastore stava per esalare l’ultimo respiro, mio nonno vide il suo volto splendente di gioia ed estasi. Disse: “Quanto è bello il posto dove sto andando!” E con queste parole morì.
Mio nonno ne fu molto impressionato. Aveva militato nell’esercito di Chang Kai Chek (che combatteva contro Mao Tse Tung) e aveva visto morire tante persone, ma nessuno come quel pastore. Di notte aveva l’impressione di sentire ancora cantare dal letto sotto il suo, guardava giù ma il letto era vuoto. Poco tempo dopo anche lui cominciò a credere in Dio.

Mio nonno aveva una memoria straordinariamente forte. Quando i suoi familiari lo visitavano nella sua capanna nella provincia Gansu, egli parlava loro di Cristo con l’aiuto dei versetti biblici che aveva imparato dal vecchio pastore. Eravamo molto poveri e abitavamo in un villaggio remoto. Mangiavamo solo riso e verdure, la carne non c’era mai. Solo una persona nel villaggio aveva qualche pollo.

Testi sacri

Nel 1995 mio nonno ci convocò tutti quanti, all’aperto perché non c’era nessuna casa che potesse contenerci tutti. “Ho brutte notizie”, disse. “Già da quindici anni vi parlo di Cristo attingendo fra i miei ricordi ciò che ho imparato da quel pastore. Ora però devo dirvi che non posso più insegnarvi niente di nuovo. Ho imparato circa 500 versetti da quel pastore e ve li ho spiegati tutti per ben cento volte. E’ ora che cerchiamo gli altri testi sacri”.
Ci guardammo stupiti, sembrava una cosa impossibile. Non sapevamo neanche che ciò che stavamo cercando si chiamasse “Bibbia”. Per quanto ne sapevamo ci potevano essere migliaia di raccolte di testi sacri, come quelli dei taoisti.
“Chi dovrebbe procurarci quei testi?” chiedemmo al nonno.
“Dio stesso”, rispose, “e noi dobbiamo pregare per questo”.
Pregammo, pregammo e pregammo, per due anni, ma non successe niente. Mio nonno continuò ad avere fede, altrimenti noi l’avremmo persa. Egli perseverò e disse: “Dio ci mette alla prova per vedere se vogliamo servirLo veramente. Dobbiamo continuare ad avere fiducia e perseverare”.

La gallina schiamazzante

Una domenica, mentre alcuni di noi stavano pregando, una gallina entrò nella nostra casa. Schiamazzando rumorosamente ad un tratto depose un uovo. In quel periodo c’erano anche altri compaesani che avevano polli, perciò non sapevamo di chi era quella gallina. Perciò mio nonno legò una piccola banconota del valore di un uovo a una zampa della gallina, che con testa alzata lasciò la casa come se fosse stata offesa. Sapevamo che sarebbe tornata dal suo padrone.
Meno di un’ora dopo sentimmo urlare qualcuno. “Chi ha legato soldi alla zampa della mia gallina?” disse una voce agitata. Mio nonno rispose senza esitazione: “Sono stato io”.
L’uomo entrò nella nostra casa. Lo riconoscemmo come un nostro compaesano, ma era seguito da un altro uomo ben vestito e curato che con voce educata disse: “Sono un alto dirigente del Partito Comunista a Pechino”.
Ci spaventammo. Cosa voleva quell’uomo?

“Vuol dire una Bibbia?”

“In tutta la mia vita non ho mai visto tanta onestà”, spiegò. “Questo è meraviglioso.
Sono appena venuto da Pechino per visitare mio fratello, dopo che mi hanno tradito e ingannato. Ho perso molti soldi”.
Si rivolse a mio nonno e disse: “Il mio governo ha urgentemente bisogno del suo spirito di onestà disinteressata. Vorrei che ci fossero più persone come lei in Cina. Mi dica, come mai è così onesto?”
A mio nonno bastarono solo due parole per rispondere: “Gesù Cristo!”
Celando un sorriso l’ufficiale comunista chiese: “C’è qualcosa che io possa fare per lei?”
Con la franchezza propria della sua vecchiaia mio nonno rispose: “Vorremmo avere i testi sacri di Cristo”.
L’ufficiale lo fissò con uno sguardo scrutatore. “Cosa intende per testi sacri? Forse desidera una Bibbia?”
Fu un comunista a farci capire che si chiamava Bibbia! Di nuovo la franchezza di mio nonno mi stupì. “Potrebbe procurarcene una?” chiese all’ufficiale.
Ora l’ufficiale sorrise apertamente e rispose: “Vedrò ciò che potrò fare”.

“La gallina ha deposto le Bibbie”

Lui tornò a Pechino, ma non successe niente. Passarono dei mesi e noi continuammo a pregare. Nell’autunno del 1998, arrivò un giovane al nostro villaggio che chiese di noi. Lo facemmo entrare; poi il giovane prese sette Bibbie nuove di zecca dalla sua borsa; una era scritta a caratteri grandi, quella era per mio nonno. Le altre sette avevano caratteri più piccoli ed erano per noi. Facevamo fatica a leggerle, perché di istruzione ne avevamo avuta ben poca.
“Come ci hai trovati qua?” chiedemmo.
“Appartengo a un movimento di comunità familiari. L’anno scorso uno dei nostri conduttori è stato arrestato a Pechino. In prigione però è stato visitato da un alto funzionario che gli ha detto: “Se ti faccio rilasciare, mi prometti di portare una Bibbia a un anziano e alla sua famiglia nel Gansu?’ Il nostro pastore ha promesso di farlo. Il giorno successivo l’hanno rilasciato dandogli un pezzo di carta con il vostro indirizzo”.
E per questo diciamo: “La gallina ha deposto le Bibbie”.

Fonte: Porte Aperte, 159, luglio 2008, pag. 5,6,10

Tratto da : http://illuminatobutindaro.org/2008/07/02/la-gallina-e-le-bibbie-%E2%80%93-una-storia-vera-dalla-cina/

 

 

Predicazione dell’1 Aprile 2011 di Giacinto Butindaro

A quelli che credono nel suo nome